ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale

La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
7 min

‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa

Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Locarnese
2 ore

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
2 ore

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
2 ore

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
4 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
6 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
6 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
14 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
15 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
15 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
15 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
15 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
15 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
15 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
16 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
16 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
16 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
16 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
07.01.2022 - 10:33
Aggiornamento: 15:58

In Ticino vaccini ai bambini fra 5 e 11 anni dal 10 gennaio

Le vaccinazioni saranno effettuate tramite gli studi pediatrici o su appuntamento al centro di Giubiasco

in-ticino-vaccini-ai-bambini-fra-5-e-11-anni-dal-10-gennaio
Ti-Press

La vaccinazione dei bambini fra i 5 e gli 11 anni inizia, nel cantone Ticino, lunedì 10 gennaio. Lo comunica il Dss sul sito ti.ch/vaccinazione.

Le modalità di accesso alla vaccinazione saranno due:

  • tramite gli studi pediatrici, 35 in tutto, che hanno aderito alla campagna di vaccinazione, il cui elenco è pubblicato sul sito ti.ch/vaccinazione. A differenza della vaccinazione per gli adolescenti, in questo caso ogni pediatra vaccinerà solo i suoi pazienti: si potrà prendere appuntamento telefonicamente come per qualsiasi visita.
  • su appuntamento al Centro cantonale di Giubiasco in giornate dedicate esclusivamente ai bambini (le prime: domenica 16 gennaio e domenica 23 gennaio). Le iscrizioni per gli appuntamenti sono aperte da lunedì 10 gennaio sulla piattaforma cantonale online.

Swissmedic ha recentemente omologato la versione pediatrica del vaccino Pfizer, che è un vaccino diverso da quello usato per gli adulti: con il vaccino per adulti non è possibile vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni, e viceversa. La vaccinazione di base consiste in due dosi a distanza di almeno tre settimane.

La vaccinazione è raccomandata prioritariamente ai bambini con gravi problemi di salute a causa di una malattia cronica. Il secondo gruppo di priorità è costituito dai bambini che vivono in casa con persone che nonostante la vaccinazione non sono adeguatamente protette, ad esempio persone con immunodeficienze. È tuttavia possibile vaccinare comunque i bambini se i genitori lo desiderano, con un’eccezione molto importante per i bambini che hanno già fatto la malattia, per i quali, a meno che non rientrino dei due casi di priorità, la vaccinazione non è raccomandata. Se i genitori vogliono comunque vaccinare il bambino, sarà il pediatra a valutare se è possibile, passati almeno 4 mesi dalla guarigione.

La conferenza stampa

Merlani: «Dopo essere stato “il primo della classe” per tutta l’estate, ora con la variante Omicron siamo il cantone con l’incidenza più elevata in tutta la Svizzera».

Nel nostro Cantone, ha spiegato il medico cantonale, il basso tasso di ospedalizzazione è dovuto anche al fatto che, al momento, solo il 10% circa dei test positivi riguarda persone oltre i 60 anni di età. I casi, però, stanno salendo in modo mai visto prima, si è passati in poche settimane da 200 a 2’000 casi al giorno, ciò che ha avuto conseguenze enormi sul sistema di tracciamento e di test, causando ritardi nella comunicazione. Stanno aumentando anche le ospedalizzazioni ma al momento è difficile trarre conseguenze sulla minor gravità dei decorsi dovuti alla variante Omicron: fortunatamente la crescita non è proporzionale a quella dei contagi, ma va tenuta d’occhio. I ricoverati in terapia intensiva hanno avuto un’evoluzione in crescita ma, fortunatamente, piuttosto lenta. In Ticino meno della metà delle persone ricoverate è vaccinata. Su 11 persone in terapia intensiva, solo 2 sono vaccinate.

Zanini: «La campagna di vaccinazione procede come pianificato: 3/4 della popolazione hanno ricevuto almeno una dose». La campagna vaccinale, ci si chiede in questi giorni, è servita a qualcosa? «La gente, di fronte ai contagi fra le persone vaccinate, si chiede comprensibilmente se il vaccino davvero funzioni, considerato che abbiamo dovuto anche anticipare la somministrazione del richiamo». Per cercare di dare una risposta a questa importante domanda, bisogna guardare i dati delle ospedalizzazioni, calcolando il ritardo di circa una settimana rispetto alla diagnosi, dove la settimana di Natale riguarda soprattutto la variante Delta e la settimana di Capodanno invece l’inizio della diffusione della variante Omicron.

Riguardo lo stato vaccinale, non bisogna guardare tanto i numeri assoluti, quanto gli insiemi da cui provengono: il grafico sottostante mostra la prevalenza di non vaccinati fra i ricoverati in tutte le fasce di età.

Nelle settimane di Natale e Capodanno, chi non è vaccinato ha avuto un rischio 15/20 volte superiore di finire in ospedale rispetto ai vaccinati. Se non avessimo avuto la vaccinazione, sottolinea Zanini, il numero di persone ricoverate sarebbe stato almeno 5 volte superiore, con 3’716 persone anziché 708 nella settimana di Natale e 3’150 anziché 577 nella settimana di capodanno. «Il vaccino ci sta aiutando molto» conclude il farmacista cantonale.

Riguardo la variante Omicron, il quadro potrebbe essere confermato o essere addirittura migliore, ma le prossime due settimane saranno cruciali per fare previsioni sul medio-lungo termine.

Vaccinazioni, positività, quarantena e vaccini all’estero: cosa fare

Chi ha l’appuntamento per il richiamo ma è positivo deve disdire l’appuntamento, in quanto la malattia vale come richiamo. È importante disdire in questo caso gli appuntamenti per poterli riassegnare a chi fa richiesta. Chi invece ha l’appuntamento ma è in quarantena, può mantenerlo se la data cade dopo la fine della quarantena, se invece è durante la quarantena esso va rinviato. Chi non ha potuto prendere appuntamento perché vaccinato da meno di 4 mesi e nel frattempo è positivo, dovrà attendere 4 mesi dall’avvenuta guarigione.

Chi ha fatto la vaccinazione con il vaccino Janssen, a breve potrà fare il richiamo con una dose ad almeno due mesi di distanza, in alternativa è possibile fare il richiamo con Moderna o Pfizer a distanza di 4 mesi. Chi si è vaccinato all’estero con Astrazeneca, può ottenere il richiamo con Moderna o Pfizer dopo 4 mesi ma occorre fare domanda al farmacista cantonale. Chi si è vaccinato con un vaccino non omologato in Svizzera dopo 4 mesi può ottenere un richiamo con Pfizer o Moderna ma dietro richiesta medica.

Riguardo alla polemica sull’uso della mascherina anche alle scuole elementari, il medico cantonale ribatte che, in mancanza di vaccinazioni, rimane l’unico presidio a disposizione per quella fascia di età: «Meglio che i bambini vadano a scuola con la mascherina, che chiudere la scuola una settimana dopo. Il rischio causato dal Covid è sicuramente più alto di possibili danni causati dalla mascherina».

Il video integrale della conferenza stampa

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved