ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 min

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
23 min

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
41 min

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
1 ora

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
Luganese
1 ora

Non cambia la viabilità lungo le vie di Cassarate

Il Municipio di Lugano boccia la proposta formulata dalla consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) per migliorare traffico e sicurezza
Locarnese
2 ore

Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali

Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
2 ore

‘Il sistema di designazione dei pretori di Lugano è adeguato’

Il Consiglio di Stato esprime parere negativo su una delle due proposte formulate in un’iniziativa elaborata presentata nel 2019
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, sportelli chiusi nel pomeriggio di martedì grasso

Come da tradizione, gli uffici dell’amministrazione e l’Azienda comunale non apriranno il prossimo 21 febbraio
Luganese
3 ore

Lugano, incendio boschivo sul monte Brè

Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, poco usa e getta alla sagra e alla fiera

Il divieto generalizzato per l’uso di stoviglie di plastica monouso non è ancora entrato in vigore, ma l’autorità sensibilizza gli organizzatori
10.01.2022 - 08:54
Aggiornamento: 19:32

Super green pass in Italia, cosa cambia da oggi per i ticinesi

Servirà il 2G per salire sui mezzi pubblici in territorio italiano e, fra l’altro, per la ristorazione, cinema e teatri, strutture sportive, alberghi

super-green-pass-in-italia-cosa-cambia-da-oggi-per-i-ticinesi
Keystone

Scatta da oggi in Italia la prima fase dell’estensione del cosiddetto super green pass o green pass rafforzato, ovvero quella che in Svizzera è chiamata regola del 2G e che prevede l’accesso a determinati luoghi e servizi solo a persone vaccinate o guarite, escludendo dunque l’uso del test Covid negativo. Il cambiamento avrà impatto anche sulla quotidianità dei ticinesi che non sono ancora né vaccinati né guariti. Va detto che è ancora possibile recarsi in Italia senza restrizioni restando entro gli ormai famosi 60 km dal proprio domicilio (oltre tale distanza, i non vaccinati sono sottoposti a una quarantena di 5 giorni, per i vaccinati basta un test negativo): tuttavia, la lista delle attività che sarà possibile svolgere per i non vaccinati si restringe da oggi in modo drastico, e il 20 gennaio e 1° febbraio arriveranno ulteriori giri di vite.

Giù dal Tilo a Chiasso senza 2G

L’impatto forse più importante è quello che riguarda i mezzi di trasporto pubblici: da oggi e fino al 31 marzo le persone non vaccinate o guarite non potranno salire su treni, aerei, navi e mezzi del trasporto pubblico locale (autobus, metropolitane e tram) in territorio italiano. Ciò comporta, ad esempio, che chi viaggia a bordo del Tilo non potrà proseguire in territorio italiano se sprovvisto di Certificato Covid 2G: la regola dei 60 km, infatti, è valida solo se ci si sposta con mezzo privato. Da ricordare, inoltre, che sui mezzi pubblici italiani è obbligatorio l’uso delle mascherine FFP2 al posto delle comuni mascherine chirurgiche.

I non vaccinati o guariti, inoltre, non potranno accedere oltre frontiera a ristoranti e bar (anche all’aperto), cinema e teatri, strutture sportive (come palestre, piscine, stadi e palazzetti) e relativi spogliatoi, centri benessere e termali (salvo per attività riabilitative e terapeutiche), centri culturali, sociali e ricreativi, parchi di divertimento, sale gioco e sale scommesse (compresi i casinò), alberghi e strutture ricettive, feste conseguenti a cerimonie civili o religiose (quindi, ad esempio, i ricevimenti dei matrimoni), sagre e fiere, centri congressi, impianti di risalita.

Dal 1° febbraio shopping in Italia solo con 3G

Dal 20 gennaio si restringe ulteriormente il campo: senza 2G sarà vietato l’accesso in negozi di parrucchieri e barbieri e nei centri estetici. Dal 1° febbraio si completa ulteriormente la stretta, con l’estensione del green pass “base” (il nostro 3G): servirà un test negativo per accedere a uffici pubblici, uffici postali, banche e uffici finanziari, centri commerciali e negozi. Sarà permesso accedere senza 2G e senza test solo ai negozi di alimentari (quindi anche i supermercati), di vendita di beni che “soddisfano le esigenze essenziali e primarie della persona” e alle farmacie.

Dal 15 febbraio scatta inoltre in Italia l’obbligo di green pass 2G per i lavoratori di oltre 50 anni di età, misura che, come riportato alcuni giorni fa dalla Rsi, toccherà, in quanto cittadini italiani, anche i lavoratori frontalieri e i cittadini svizzeri che lavorano in Italia, e l’obbligo vaccinale per gli over 50 che non lavorano e che coinvolgerà anche i cittadini confederati che vivono in Italia.

In pratica e per riassumere la portata delle misure, alla data del 1° febbraio, i non vaccinati o guariti che si recano in Italia senza un test negativo potranno muoversi solo entro 60 km dal proprio domicilio, muovendosi con mezzo privato, e potranno accedere soltanto ai negozi di alimentari e di beni di prima necessità e alle farmacie.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved