il-ps-piu-bisogni-piu-spese-decreto-morisoli-pericoloso
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Pattugliamento congiunto a Como e Cernobbio

Nei giorni scorsi servizio ‘misto’ Carabinieri italiani e Polizia cantonale. L’iniziativa rientra nell’accordo fra i due Paesi
Locarnese
3 ore

Muralto Musika, la quinta edizione

In programma tre appuntamenti concertistici in San Vittore
Ticino
3 ore

Crisi idrica, in Lombardia giro di rubinetto

Emergenza siccità, il presidente della Regione Attilio Fontana firma decreto per un uso parsimonioso dell’acqua
Locarnese
3 ore

Appuntamento estivo al Parco di Orselina

Musica jazz con la Sister cities brass band di New Orleans
Bellinzonese
4 ore

Riviera, parcheggi selvaggi e come combatterli

Il Comune in estate è preso d‘assalto dai canyonisti, talvolta poco rispettosi dell’ordine pubblico. Tarussio: ‘Individuate delle zone di sosta’
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, dalla sezione Plr un sostegno al Patriziato

Donato un contributo di 1’500 franchi per la ristrutturazione del rifugio Alpe Caviano, che entrerà a far parte dell’Albergo diffuso
Locarnese
4 ore

Approvata la scuola a Bignasco, ma tira aria di referendum

Il Consiglio comunale promuove la convenzione tra Comune e Patriziato per la costruzione delle Elementari. Tuttavia c’è chi dice no
Ticino
5 ore

Ticinesi morti sul Susten: Norman Gobbi si unisce al cordoglio

Le due vittime erano membri dell’Associazione ticinese truppe motorizzate (Attm). Marco Bignasca, ex ufficiale auto: fra le società d’arma più attive
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, le regole per parcheggiare al Parco San Rocco

L’autorimessa sarà accessibile da settembre. Il Municipio adatta l’ordinanza sulla gestione dei posteggi pubblici
Locarnese
5 ore

Vira Gambarogno, festa annullata

A causa delle previsioni meteo avverse
Luganese
6 ore

Pianta cade vicino al parco giochi di Melide, cause non chiare

Non si esclude che l’albero possa essere stato attaccato dal coleottero giapponese
Bellinzonese
6 ore

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
7 ore

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
Locarnese
7 ore

Losone, la Lega: ‘Il sindaco dimissiona?’. Catarin: ‘Macché...’

Un’interpellanza ipotizza tensioni in Municipio. Secca la smentita: ‘Clima sereno e costruttivo’
GALLERY
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio e ‘l’energia positiva’ della Festa della Musica

Gli organizzatori tracciano il bilancio della nona edizione svoltasi nel fine settimana nel cuore del Borgo. L’appuntamento è per il giugno 2023
Bellinzonese
10 ore

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
12 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
15 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua – già rientrati – non toccavano due importanti ditte
Ticino
1 gior

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
1 gior

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
1 gior

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
1 gior

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
laR
 
04.01.2022 - 05:15
Aggiornamento : 14:41

Il Ps: ‘Più bisogni, più spese. Decreto Morisoli pericoloso’

Preventivo 2022, nel rapporto di minoranza il capogruppo Ivo Durisch spara ad alzo zero sulla proposta taglia uscite su cui il popolo presto voterà

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Le spese aumenteranno a causa dell’evoluzione dei bisogni della società e non perché si gettano i soldi dalla finestra, come troppi continuano a dire”. Sta anche in questa frase il senso del rapporto targato Partito socialista sul Preventivo 2022 del Cantone, che chiude con un disavanzo di 135 milioni di franchi e che sarà al centro della seduta parlamentare al via lunedì 24. Elaborato dal capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch, il corposo rapporto - oltre quaranta pagine, destinate a essere sottoscritte dalla minoranza della commissione della Gestione che tornerà a riunirsi la prossima settimana e a non trovare la maggioranza del plenum - è una sorta di manifesto politico in vista della votazione popolare, votazione che si terrà nei prossimi mesi in seguito alla riuscita, non ancora ufficializzata dalla Cancelleria dello Stato (le firme raccolte sono comunque più di diecimila e 8’326 erano già quelle vidimate al 21 dicembre, a fronte delle settemila necessarie) del referendum lanciato dal sindacato Vpod, con il sostegno di associazioni e partiti, fra cui il Ps, contro il decreto ‘taglia spese’ concepito dal democentrista Sergio Morisoli e adottato in ottobre da una contenuta maggioranza del Legislativo cantonale (45 i favorevoli, 39 i contrari).

‘Non ci sarà possibilità di fare referendum su tutte le misure puntuali’

E proprio al ‘decreto Morisoli’ il documento stilato da Durisch riserva un corposo capitolo. Che comincia senza girarci tanto intorno: “Il decreto legislativo è molto pericoloso e mette in serio pericolo servizi e prestazioni necessari“. Perché? Perché “escludere ogni aumento delle entrate (...) è ingiusto: significa che ai ricchi non sarà chiesto nulla, mentre al ceto medio, ossia la maggioranza dei ticinesi, si accollerà i sacrifici per risanare le finanze cantonali". Di fatto, per i socialisti, "con questo decreto legislativo il parlamento ordina al governo di agire con le forbici, per cui il Consiglio di Stato dovrà per forza tagliare o bloccare la spesa nei limiti di sua competenza, che sono molto ampi”. E di esempi ne vengono forniti nel rapporto di Durisch: "I limiti per le prestazioni sociali quali assistenza, assegni famigliari di complemento e sussidi cassa malati sono diventati competenza del Consiglio di Stato, quindi i margini per agire senza modifiche di legge sono aumentati ulteriormente”. Con quello che in casa socialista viene considerato un autentico pericolo: "Il Consiglio di Stato sfrutterà le sue ampie competenze, senza fare modifiche di legge e quindi senza la possibilità di fare referendum”. Con buona pace per chi, dentro al Ps ma anche nel Ppd, pensava di sbrogliare la matassa raccogliendo le firme per contrastare, nel caso, alcune misure puntuali che verrebbero decise per ottemperare al ‘decreto Morisoli’.

‘Metà della popolazione ha un reddito imponibile sotto i 50mila franchi’

Per il Partito socialista quella prospettata è una sorta di carneficina sociale. “Il governo congelerà o ridurrà i contributi versati agli enti sociosanitari e universitari, modificando i parametri di finanziamento contenuti nei contratti di prestazione“, scrive Durisch. Che aggiunge come “anche il personale sarà messo sotto pressione: infatti il governo bloccherà in tutto o in parte le sostituzioni di impiegati, docenti e operatori scolastici specializzati partenti, che erano alle dipendenze del Cantone. Questo significa peggiorare la qualità e l’efficacia dei servizi alla popolazione e della formazione”. È tutto? Neanche per idea. Perché per il Ps "il governo potrà inoltre ridurre la manutenzione di edifici, strade, informatica ecc. e rallentare il programma degli investimenti: il che significa meno lavoro per le piccole e medie imprese”. E potrà pure "ridurre direttamente le prestazioni finanziarie fissate da regolamenti in tutti gli ambiti, ossia settore sociale, economico, ambientale, culturale, giustizia (...). Ricordiamo che in Ticino la maggioranza della popolazione ha un reddito imponibile sotto i 50mila franchi annui”.

‘Risanare le finanze senza aumentare le imposte è un’assurdità’

Ma i bisogni della popolazione aumentano, e “pensare di risanare le finanze dello Stato contenendo la spesa senza aumentare le imposte è un’assurdità” scrive Durisch. Che riporta due esempi recenti di aumenti di spesa che però rispondono “ai bisogni che crescono indipendentemente dalla volontà del parlamento”. Vale a dire i 140,3 milioni suddivisi tra Cantone e Comuni e i 17 milioni per i Reparti acuti di minor intensità a carico del Cantone previsti dalla Pianificazione integrata anziani e cure a domicilio 2021-2030 e i 6,2 milioni annui di maggiori oneri che comporta la riforma dell’organizzazione delle Autorità di protezione. Del resto, si avverte nel rapporto di minoranza, “una società sempre più complessa e avanzata necessita di più formazione a tutti i livelli (da quella di base a quella professionale), di più promozione economica, di più infrastrutture (in particolare di comunicazione), di più cura del territorio e dell’ambiente, di più sicurezza, di più giustizia, di una rete più robusta di servizi e aiuti sociali e sanitari”.

Ma la spesa non è un tabù

Per i socialisti, tuttavia, la spesa non sembra essere un tabù. “Non siamo di principio contrari a effettuare una valutazione anche sul fronte della spesa”, chiarisce infatti il capogruppo nel rapporto. Ma questa valutazione, puntualizza Durisch, “deve essere fatta tenendo conto di principi a tutela dei veri bisogni della popolazione”. Concretamente, “bisogna fare un esame con una visione globale su tutto il potenziale che può incidere positivamente sulle finanze cantonali, senza esclusione”. Nessun settore, nessuna voce contabile “può chiamarsi fuori. Ogni strada, ogni ipotesi va lasciata aperta, senza veti incrociati”. Pertanto “si devono esaminare: tutte le uscite e le entrate correnti, tutte le uscite e le entrate d’investimento, tutti i flussi tra Cantone, Comuni e Confederazione”. Per il Ps “il criterio di fondo per decidere le misure di risanamento deve basarsi sulla distinzione tra ‘necessario’ (i veri bisogni)", ‘utile’, ‘non utile’ con attenzione ai meno fortunati in particolare quando ciò è dovuto a cause esterne (non sono responsabili della loro situazione)”. Ciò perché “nessuno deve essere lasciato indietro”. Per i socialisti “il principio guida, basato su detta distinzione, deve essere quello di intaccare prioritariamente il ‘non utile’ e di preservare ‘il necessario’”. Ergo: “la manovra deve essere mirata, non lineare”. Questo “per evitare di creare situazioni non dignitose che generano inutili sofferenze nel presente e conseguenze ben peggiori in seguito per la coesione sociale e per le stesse finanze del Cantone”.

‘Firmeremo il Preventivo 2022 solo se...’

Dopo aver demolito la via democentrista per il pareggio dei conti, e aver ancora una volta ricordato che di sgravi fiscali non se ne devono più vedere, il Ps passa alla proposta. La richiesta al Consiglio di Stato è, innanzitutto, “di abbandonare qualsiasi progetto futuro di riforma fiscale, che ancora una volta sarebbe costruito per favorire i più ricchi, così come ha mostrato l‘estate scorsa il Plr“, e di conseguenza al parlamento viene chiesto "di riportare al 100% il coefficiente cantonale di imposta, così come prevede la legge”. Per fronteggiare le difficoltà legate alla pandemia, invece, la richiesta è "di prolungare la rendita ponte Covid almeno per altri due anni”. Solo a queste condizioni il Preventivo 2022 avrà anche il sostegno del Ps. Lo conferma lo stesso Durisch alla ’Regione’: «Se il Gran Consiglio accetterà di riportare al 100% il coefficiente d’imposta cantonale e di prolungare di due anni la rendita ponte siamo pronti a votare il preventivo». Ma con una buona dose di realismo aggiunge: «Mi rendo comunque conto che non sono richieste condivise dalla maggioranza...».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio ivo durisch partito socialista preventivo 2022
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved