il-consiglio-di-stato-respinge-le-chiusure-si-al-2g
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 min

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
3 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
4 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
18 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
19 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
14.12.2021 - 13:44
Aggiornamento: 19:57

Il Consiglio di Stato respinge le chiusure. Sì al 2G

Ok a vaccinazione o guarigione come condizioni esclusive per entrare nei locali pubblici, no a obbligo di telelavoro e lockdown di bar e ristoranti

Sì al modello 2G, no a nuove chiusure. Questa, in sintesi, la risposta del Consiglio di Stato a quello federale sulle nuove misure anti-Covid. Bellinzona accetta di limitare a vaccinati e guariti l’accesso a strutture culturali e sportive, ristoranti, bar e altri locali pubblici, generalizzando al contempo l’obbligo di mascherina in tutti questi luoghi ed escludendo invece dall’ingresso i non vaccinati con test negativo. Il governo ticinese teme invece l’idea che ristoranti, bar e altri locali debbano abbassare le saracinesche: «Nuove chiusure appaiono difficilmente sopportabili e auspicabili», ha dichiarato il presidente del consiglio di Stato Manuele Bertoli.

Telelavoro obbligatorio? ‘Declamatorio’

All’esecutivo non piace neppure l’obbligo di telelavoro, giudicato di difficile applicazione per molte aziende. Nella presa di posizione si liquida la proposta come “un’enunciazione di principio declamatoria e fuorviante, dato che l’obbligo non può essere assoluto, ma va relativizzato in funzione della natura dell’attività e della praticabilità senza oneri sproporzionati. La raccomandazione al telelavoro, in vigore da tempo ed attuata in maniera conseguente nelle aziende, raggiunge effetti analoghi”.

Bocciato anche il ritorno alla didattica a distanza nelle università, «un passaggio molto pesante per gli studenti» secondo Bertoli (tanto più che finora perfino la richiesta di certificato negli atenei resta facoltativa: meglio semmai ipotizzare anche in questo caso un ‘modello 2G’). Quanto alle scuole dell’obbligo «non ci sono ragioni per toccarle, visto che la situazione resta sotto controllo». Si chiede comunque di lasciare le decisioni su ulteriori obblighi ai singoli cantoni, anche perché già oggi il Ticino prevede l’obbligo di mascherina a partire dalla quarta elementare.

Natale in famiglia

Non convince poi la limitazione a cinque persone degli incontri in famiglia se una non è vaccinata o guarita, misura giudicata inapplicabile e capace di creare tensioni proprio sotto Natale. E neppure l’idea, in alternativa facoltativa all’obbligo di mascherina nei locali, di aggiungere al certificato di vaccino/guarigione un risultato di test negativo (modello 2G+): una proposta che “dovrebbe entrare in linea di conto solo nei contesti in cui non è oggettivamente possibile indossare la mascherina e mantenere le distanze, come nell’esercizio di sport di squadra che prevedono contatti fisici”.

La speranza, naturalmente, è che con le nuove restrizioni tutto vada per il meglio. In caso contrario – se cioè il quadro pandemico dovesse costringere il Paese a capitolare all’ipotesi di nuove chiusure – per il governo queste “andrebbero semmai decretate progressivamente, prima per discoteche, centri wellness o attività sportive di contatto e solo successivamente per i ristoranti”.

Sì ai test gratuiti

In una risposta separata il Consiglio di Stato si è pronunciato anche sulla reintroduzione dei test rapidi gratuiti, considerata auspicabile per “dar seguito all’indirizzo definito dalle Camere federali“, e materialmente sostenibile visto che l’introduzione del 2G dovrebbe far calare la domanda per questo tipo di servizi. Ok a Berna anche sulla proposta di non sovvenzionare i test Pcr e autodiagnostici individuali per asintomatici, nel primo caso per non sovraccaricare i laboratori, nel secondo perché sono comunque poco affidabili.

Non è ancora chiara l’entrata in vigore delle nuove misure, per le quali è invece già prevista una scadenza al 24 gennaio.

Chirurgia: domani la decisione

Bertoli si è soffermato anche sulle indiscrezioni circa la riorganizzazione delle cure ospedaliere per fare fronte alla nuova emergenza. In particolare, ‘Ticinonline’ ha anticipato la possibilità di sospendere gradualmente gli interventi chirurgici non urgenti. Una situazione simile a quella già vissuta durante la prima emergenza, quando lo stop aveva creato una lista d’attesa che ha poi richiesto mesi per essere smaltita. Il presidente del governo ha detto che una decisione sull’eventuale riorganizzazione dovrebbe essere presa solo domani, e che nel frattempo «le indiscrezioni su presunti documenti governativi ha generato parecchio nervosismo e non aiuta certo la serenità della discussione e dell’eventuale decisione».

In ogni caso l’invito è alla calma, anche perché la situazione delle strutture sanitarie in Ticino resta migliore che altrove. «Nel settore ospedaliero il cantone si è preparato per questa nuova ondata», ha precisato Bertoli, «anche mantenendo la disponibilità di letti in cure intense, cosa che non sembra si sia fatta in alcuni altri cantoni». Allo stesso tempo, nella risposta al Consiglio federale si chiede che per tutti gli ospedali svizzeri vengano “definite condizioni univoche di riduzione dell’attività chirurgica elettiva e di aumento delle capacità straordinarie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
2g coronavirus telelavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved