la-spesa-per-la-scuola-in-ticino-e-piu-bassa-che-altrove
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
3 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
3 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
4 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
4 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
5 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
6 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
6 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
Mendrisiotto
6 ore

A Mendrisio si alza il sipario su Progetto amore

Tanti artisti sul palco del Mercato coperto per una ‘tre giorni’ – tra giovedì e domenica – solidale con l’Ucraina
Locarnese
6 ore

Giornata dei Mulini a Fusio, Corippo e Frasco

Macine in azione e farine nostrane in vendita
Locarnese
7 ore

Gordola, grigliata per over 60

Organizza il locale Gruppo ricreativo della Parrocchia
Ticino
7 ore

Telelavoro e frontalieri: si chiede omogeneità

Un’interrogazione chiede di parificare le soglie di impiego da casa oltre le quali scattano l’imposizione fiscale e quella previdenziale in Italia
Ticino
7 ore

Giudici di pace, Emma Crugnola nominata presidente

Sarà affiancata da Antonella Grassi Coduri e Mariella Lombardi
Locarnese
8 ore

Minusio, uscita micologica con il quartiere Rivapiana

L’associazione propone una gita con un’esperta per il controllo dei funghi
Locarnese
8 ore

Torna a esibirsi in pubblico la Filarmonica di Losone

La prima ‘Matinée musicale’ è prevista sotto il portico delle scuole comunali
10.12.2021 - 05:10
Aggiornamento : 19:33

La spesa per la scuola in Ticino è più bassa che altrove

Siamo tra gli ultimi in classifica nel confronto intercantonale. Ciò è dovuto ai salari più bassi, ma non solo. Bertoli (Decs): ‘Ora non si tagli’

Quanto spendiamo per le nostre scuole? Il giusto, troppo o troppo poco? Sono quesiti che vengono in mente sfogliando l’edizione fresca di stampa della ‘Scuola ticinese in cifre’, che nel capitolo dedicato alle finanze mostra un paio di grafici interessanti: il cantone è quintultimo in Svizzera per la percentuale di spesa pubblica destinata all’istruzione, e terzultimo se si guarda alla percentuale di prodotto interno lordo. Se poi andiamo a prendere un altro studio effettuato di recente dall’Istituto di ricerche economiche dell’Usi, apprendiamo che nel 2017 l’investimento era di 17’811 franchi medi annui per allievo, considerando tutti i livelli di formazione: il dato più basso della Confederazione, dove la media si attesta a 23’095 franchi.

«Intanto va notato che sono dati da leggere e confrontare con estrema prudenza», precisa subito l’economista Amalia Mirante: «La classifica intercantonale dipende da svariati fattori, per esempio un cantone con una popolazione più anziana come il Ticino – che ha il 18% di abitanti nella fascia di età fino a 19 anni – potrebbe avere tendenzialmente meno studenti di Friburgo, col 22%. Poi ci sono problemi legati alle differenti scelte di contabilizzazione, dato che c’è una parte del sostegno educativo che confina con quello sociale». Ma anche prendendo i dati con pinze lunghissime, «si possono individuare elementi critici, in particolare guardando alla spesa per allievo. Anzitutto, i salari: i costi sono contenuti anche perché gli stipendi del personale sono notevolmente più bassi rispetto al resto della Svizzera, a parità di incarico e competenze richieste». Anche il direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) Manuele Bertoli nota che «la variabile salariale incide per ben oltre il 50% sulla spesa», ma «visto che il livello generale delle retribuzioni in Ticino è significativamente inferiore alla media svizzera – sto parlando qui di tutti i salari – questo impatta inevitabilmente anche su quelli degli insegnanti e riduce di conseguenza la spesa generale per l’educazione». D’altronde, «pur mantenendo una correlazione con le retribuzioni pagate nel nostro Cantone, rimane fondamentale impegnarsi per salari attrattivi e giusti: per questo qualche anno fa abbiamo aggiornato la scala salariale dei docenti e del personale scolastico, con adeguamenti al rialzo in particolare sulle classi di stipendio iniziali per le funzioni meno retribuite (docenti comunali, docenti di scuola media e speciale, parte dei docenti del settore professionale). Questo cambiamento non è ancora registrato, lo si vedrà nei dati di confronto che verranno presentati nei prossimi anni». Dati sui quali, prevede Bertoli, si rifletterà anche «l’impatto dell’aumento di investimenti relativi a progetti mirati, come la partenza della Facoltà di scienze biomediche, i miglioramenti nella scuola dell’obbligo votati dal Gran Consiglio nel 2020 e il forte sviluppo della pedagogia speciale e inclusiva».

Mirante però evidenzia anche un altro problema da non sottovalutare: «Un enorme ritardo negli investimenti infrastrutturali. Non solo per le nuove sedi, ma anche per fattori quali la digitalizzazione: una parola con la quale magari ci si riempie la bocca, ma che molto concretamente significa proiettori, computer, reti wifi, apparecchiature talora obsolete o mancanti. Un altro tasto dolente sono poi certi servizi, penso all’offerta di mense e di momenti di presa a carico prima e dopo le lezioni».

Sulla questione Bertoli contestualizza: «Quando sono arrivato al Decs nel 2011 si riscontrava un certo immobilismo, ragione per la quale abbiamo creato, non senza fatica nel reperimento delle risorse, un nuovo centro di competenze. Esso ci ha permesso di presentare un messaggio con investimenti per 47 milioni; anche questi investimenti saranno registrati nei prossimi confronti». Venendo alle sedi scolastiche, «l’edilizia pubblica soffre di grandi complicazioni in fase di pianificazione e progettazione, lungaggini che impongono tempistiche troppo dilatate nel tempo e rischiano di portare alla realizzazione di infrastrutture superate dagli eventi. Con il masterplan dell’edilizia scolastica adottato pochi anni fa, che riunisce tutti i dossier riguardanti questo tipo di investimenti, speriamo di ovviare almeno in parte al problema». Il ragionamento sui servizi invece è più complesso, anche perché coinvolge più dipartimenti. «Noi ci siamo impegnati per ricantonalizzare alcuni servizi di ristorazione delle scuole cantonali che in mano ai privati si erano rivelati dispersivi, anche dal profilo economico. Sui trasporti scolastici speciali, i nuovi bandi di concorso hanno invece permesso di ridurre alcuni esborsi ‘storici’ esagerati in un corretto confronto delle prestazioni al chilometro tra offerenti in regola con tutti i criteri: mezzi adeguati, condizioni di lavoro del personale controllate eccetera».

Infine, Bertoli esprime un auspicio: «Se correliamo il dato sulla spesa per studente ai risultati delle rilevazioni sull’apprendimento, possiamo concludere che il sistema scolastico ticinese è molto efficiente: con meno risorse riesce a ottenere risultati solidamente ben posizionati o superiori alla media svizzera. Un merito che va ascritto anzitutto al nostro corpo docente. Questo però mi porta anche a dire che, se si vorrà discutere di tagli alla spesa pubblica, non dovrà essere la scuola a dover essere toccata».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
scuola ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved