Ajoie
1
Lugano
2
1. tempo
(1-2)
Zugo
0
Bienne
0
1. tempo
(0-0)
Ginevra
2
Losanna
1
1. tempo
(2-1)
Friborgo
1
Berna
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Lakers
0
1. tempo
(0-0)
Zurigo
3
Davos
0
1. tempo
(3-0)
Langenthal
1
Olten
0
1. tempo
(1-0)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
2
1. tempo
(2-2)
i-piani-regolatori-sono-spesso-eccessivi
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
1 ora

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
1 ora

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
1 ora

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
1 ora

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
1 ora

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
2 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
2 ore

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Locarnese
2 ore

Curling, ‘Torneo Camelie’ ad Ascona

Iscritte 14 squadre provenienti da tutta la Svizzera
Luganese
2 ore

Guasto alla stazione di Lugano, bloccati i treni verso nord

Emergenza ferroviaria. Dalle 16.30 attivati i bus navetta per Taverne e Giubiasco. Si indaga sulle cause della panne, ancora irrisolta
Bellinzonese
3 ore

Nuovo ospedale di Bellinzona: comprato il terreno

Firmato l’atto di compravendita tra Cantone e Armasuisse per la Saleggina e l’atto di servitù per l’Infocentro di Pollegio
Locarnese
3 ore

Verzasca, annullato l’incontro con Flavio Zappa

La causa: spazi stretti al Castello Marcacci di Brione non permettono il rispetto del distanziamento sociale
Luganese
3 ore

Tresa, la popolazione ha scelto il nuovo stemma comunale

Il sondaggio pubblico ha premiato ‘Tre-/-isca’ realizzato da Marco Andina. Sarà ora sottoposto a Municipio e Consiglio comunale per l’adozione
Luganese
4 ore

Agno, San Provino annullato per il terzo anno

La decisione è stata presa dal Municipio. Le formule alternative studiate non avrebbero permesso di vivere spensieratezza, allegria e spontaneità tipiche
Locarnese
4 ore

Lo svuotamento del lago Vogorno ha intorpidito l’acqua potabile

Problemi a Minusio e Tenero-Contra. Chiusa la captazione alle Brere e creati collegamenti con le reti idriche dei comuni vicini
Bellinzonese
4 ore

Faido-Carì, non c’è la neve ma c’è l’hockey in alternativa

Impossibile sciare sulle piste della località leventinese. Per creare ambiente e allegria ecco allora un quadrangolare di disco su ghiaccio amatoriale
Locarnese
4 ore

Passerella sulla Melezza, argini da consolidare

Nei pressi del ponte ciclo-pedonale tra Tegna e Losone, l’erosione delle piene ha minato la tenuta dei ripari. Sarà necessario intervenire a breve
Grigioni
4 ore

Passeggiando (e scrivendo) con la Pro Grigioni italiano

Riproposto il concorso letterario ampliando la partecipazione a tutte le fasce d’età dai 13 anni
 
06.12.2021 - 05:200
Aggiornamento : 15:53

‘I Piani regolatori sono spesso eccessivi’

L’architetto: ‘Per riattivare gli edifici è necessaria la collaborazione fra professionisti’

Fabbriche abbandonate, ma anche semplici palazzine. Sono vari i tipi di stabili che necessitano d’interventi di manutenzione in Ticino, ma Piani regolatori, soldi e problemi tecnici fanno spesso da freno. Nel panorama edilizio, però, ad accompagnare il termine di ristrutturazione c’è quello di riattivazione: «Non significa solo sistemare e riconvertire. È un concetto che tocca anche altri temi di tipo economico, ecologico e sociale e che necessita della collaborazione di molteplici figure professionali», ci spiega Marco Del Fedele, architetto e presidente del consiglio dell’Ordine ingegneri e architetti del Cantone Ticino (OTIA).

‘Con tubi e cavi nascosti intervenire diventa difficile’

Durante la tavola rotonda, seguita all’assemblea ordinaria dell’Ordine svoltasi alcune settimane fa, si è parlato pure della necessità di cambiare paradigma nella gestione del costruito, di non pensare solo ad aggiustare, cosa che comunque non è facile: «A invecchiare, a rendere necessario un intervento – dice Sergio Tami, ingegnere e membro del Consiglio dell’OTIA – sono spesso gli apparati di distribuzione, come tubi dell’acqua, e non la struttura, i muri. Intervenire diventa però difficile, dato che dagli anni 50 abbiamo sempre nascosto gli impianti sotto muro, in soletta». In sostanza facendo diventare così la semplice sostituzione di un tubo, un lavoro da muratori. «I nuovi stabili dovrebbero avere quella flessibilità che permette di fare facilmente degli interventi di manutenzione. Non solo in vista di una riparazione, ma anche in caso di un cambio di destinazione d’uso. Inoltre si vuole un edificio che costi poco, funzionale e bello. La sfida dei prossimi anni per i progettisti è di trovare una modalità che sposi queste esigenze».

Pensare a spazi diversi, introdurre servizi commerciali e ricreativi in zone prettamente residenziali non è immediato: «L’edilizia è un processo lento e anche a livello legislativo i cambiamenti richiedono tempo», indica Marco Del Fedele. Se si pensa a progetti volti a favorire l’incontro e creare socialità «sul principio gli attori sono magari tutti d’accordo, ma quando bisogna rendere effettiva la teoria ci accorgiamo che il Ticino non è il cantone più all’avanguardia. Inoltre se vogliamo ottenere qualcosa di diverso in certe aree bisogna avere anche la base legale per poterlo fare». «Oggi si tende sempre di più a intervenire su parti della città che su un singolo edificio. Certamente il potenziale è maggiore, ma gli ostacoli aumentano».

Incontrarsi per creare valore aggiunto

Le varie figure professionali hanno dunque bisogno d’incontrarsi e discutere per creare il cosiddetto valore aggiunto: «Un progetto non si può limitare ad avere un reddito diretto. Se per esempio bisogna fare un intervento in una zona dove si vuole vitalità, creando spazi d’incontro gli appartamenti dello stabile varranno di più», illustra Del Fedele. «Stiamo vedendo nascere sempre più mandati di studio in parallelo. E questo è positivo». Si tratta di analisi preliminari che vengono assegnate a vari team che vengono effettuate prima di creare un progetto. Oltre a verificare le condizioni di uno o più stabili si considerano le esigenze economiche di committenti e persone che usufruiranno degli spazi, come pure gli aspetti sociali della zona. «È un lavoro intellettuale di ingegneri e architetti che certamente ha un costo iniziale, ma in realtà è un investimento che crea valore aggiunto. Esso avrà un risvolto anche in termini di guadagno economico. È in questi studi che si creano qualità, idee, opportunità. Possono inoltre diventare la base per la modifica di un Piano regolatore, per esempio». Migliorando il panorama urbanistico.

Norme pianificatorie spesso d’ostacolo

Le norme pianificatorie a volte risultano un ostacolo: «In questo periodo in Ticino stiamo risanando principalmente stabili degli anni 60-70, quindi costruiti prima dell’entrata in vigore degli attuali Piani regolatori», ricorda Sergio Tami. «Se da un profilo tecnico sarebbe quasi conveniente demolire un edificio e farne uno nuovo, quasi nessuno sceglie questa opzione perché vorrebbe dire costruirne uno con meno volume, meno metri quadrati di superficie abitabile che si possono vendere o affittare. Anche nei casi di cambio di destinazione d’uso ci sono per esempio determinati comparti dove non è permesso avere uffici ma solo abitazioni». Per Marco Del Fedele «molti Piani regolatori sono eccessivi secondo la sensibilità di oggi» e Sergio Tami si interroga se vi sia un vero problema nel «ricostruire la stessa volumetria a cui le persone si sono abituate». Sugli aspetti normativi entra quindi in gioco la politica che secondo Del Fedele «deve avere un ruolo attivo. È necessario creare uno scambio con gli addetti ai lavori».

‘Con le loro scelte i committenti sollecitano la politica’

Figure importanti oltre a progettisti e attori politici sono i committenti, spesso privati cittadini. Anche gli investimenti di questi ultimi «incidono nei processi di mutazione del territorio», dice Del Fedele. «Invece che semplicemente ristrutturare e dunque rimettere in servizio un edificio, la riattivazione permette di creare nuove opportunità, veri e propri investimenti». Per il momento gli incentivi messi a disposizione dal Cantone sono ottenibili per interventi volti a un risanamento energetico. «Quello che ha aiutato molto negli ultimi anni sono gli sgravi fiscali», menziona Sergio Tami. «A seconda del caso si può arrivare, tra incentivi e sgravi, a coprire dal 15 al 25 per cento dei costi di risanamento». Resta però il fatto che per altri tipi di interventi il costo resta un onere del committente. «Credo che gli incentivi siano un po’ ridotti, ma tocca anche al privato attivarsi per dare l’input alle istituzioni. Magari utilizzando le agevolazioni attuali e portando risultati che possano dare alla politica il terreno per crearne altri», sostiene Del Fedele. Un esempio di incentivo di successo è quello per i pannelli solari: «Il committente medio non chiede più a quanto ammonta il sussidio per installarli. L’interesse c’è già, non bisogna più convincerli. È diventato qualcosa di acquisito». Un cambio di mentalità insomma che è stato possibile grazie agli aiuti del Cantone, proposte di architetti e ingegneri, e apertura da parte dei mandatari.

OTIA
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved