Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
Xamax
20:15
 
Ginevra
Zurigo
19:45
 
Davos
Berna
19:45
 
Langnau
0
Lugano
1
1. tempo
(0-1)
Friborgo
1
Bienne
0
1. tempo
(1-0)
Zugo
2
Ajoie
0
1. tempo
(2-0)
Visp
Turgovia
19:45
 
Olten
1
Zugo Academy
0
1. tempo
(1-0)
Kloten
1
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(1-0)
Ticino Rockets
Langenthal
20:00
 
Sierre
GCK Lions
20:00
 
restrizioni-anti-covid-conseguenza-prevedibile
archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 min

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
9 min

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
42 min

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
57 min

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
1 ora

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
1 ora

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
2 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
Locarnese
2 ore

Agarone, interruzione di corrente ma non per tutti

Il 2 febbraio dalle 8.15 alle 11.15 soltanto una parte degli stabili rimarrà senza elettricità per lavori sulla linea di trasporto bassa tensione
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona, no a un Quartiere Officine ‘senz’anima’

Tuto Rossi chiede alle autorità di ‘lanciare un concorso internazionale su chiamata fra i migliori studi d’architettura e di urbanistica del mondo’
Locarnese
3 ore

Riazzino, il Vanilla riapre le sale del club

Prima serata dopo quattro mesi di chiusura forzata, domani sera sabato 29 gennaio, con Guè Pequeno, Tony Effe e Dj Matrix
30.11.2021 - 18:490
Aggiornamento : 19:22

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti

«Sono delle decisioni che erano attese e che hanno sicuramente senso», ci dice Christian Garzoni, direttore sanitario della clinica luganese Moncucco. «La massa di virus che sta circolando è molta, troppa. Questo porta rapidamente a una curva esponenziale dei contagi che alcuni cantoni svizzeri stanno già registrando». Sotto la lente d’ingrandimento c’è ora la variante Omicron. «Essa è ancora poco conosciuta e ci sono molte domande aperte. Sembra che non porti a uno sviluppo grave della malattia, ma sembra essere molto più trasmissibile. Quando un virus infetta con maggiore facilità i contagi aumentano più in fretta», afferma Garzoni che spiega: «Poniamo che ogni portatore del Covid infetti mediamente due persone, queste ultime trasmettono il virus ad altre quattro e via dicendo. Se la variante è più contagiosa, il portatore invece che due persone ne infetta tre e queste ultime lo trasmettono ad altre nove. La percentuale delle persone che vanno in ospedale è la stessa, ma più infettati vuol dire più ospedalizzati in poco tempo anche se la variante non è maggiormente pericolosa». Il problema è dunque dato «da quante persone necessitano di cure ospedaliere nello stesso momento, che portano ai sovraccarichi pericolosi che conosciamo». I nosocomi in Ticino sono già sovraccarichi? «Per il momento no, alla clinica Moncucco non abbiamo dovuto modificare le nostre attività, ma i numeri sono aumentati parecchio. Fino a un paio di settimane fa i pazienti Covid erano 3-4, ora sono una ventina. Se andiamo avanti con questo incremento diventeranno troppi».

Fino a pochi giorni fa il Consiglio federale non ha preso provvedimenti lasciando la responsabilità ai Cantoni. La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds) accoglie favorevolmente le nuove proposte messe in consultazione dal governo federale per contrastare l’aumento dei casi di coronavirus e la nuova variante Omicron. Per il presidente del Consiglio di Stato ticinese Manuele Bertoli il passo fatto dalla Confederazione è «la conseguenza prevedibile considerata l’accelerazione delle ospedalizzazioni e la comparsa improvvisa della nuova variante». La Cds sottolinea come sia necessario agire al fine di evitare un sovraccarico dei reparti di cure intensive negli ospedali. I direttori cantonali della Sanità ricordano peraltro come numerosi Cantoni abbiano rafforzato le misure di protezione nel corso degli ultimi giorni.

Infatti i Cantoni di Basilea Città, Basilea Campagna, Soletta, Zugo e Svitto hanno deciso di rendere obbligatorio l’uso delle mascherine nei luoghi accessibili al pubblico, compresi bar e club. Le misure entreranno in vigore domani o giovedì a seconda del cantone e rimarranno valide fino al 24 dicembre a Svitto, al 31 gennaio 2022 a Basilea Città e al 20 febbraio a Zugo. A Basilea Città e Soletta le mascherine andranno indossate in tutte le manifestazioni pubbliche all’aperto con più di 1’000 persone. A Basilea Città, gli eventi pubblici a cui parteciperanno tra 300 e 1’000 persone necessitano di un’autorizzazione a partire dal 6 dicembre: gli organizzatori devono annunciarsi presso il Dipartimento cantonale della sanità e presentare un concetto di protezione.

Non sono solo i Cantoni a prendere provvedimenti, anche La Posta rafforza le misure, valide a partire da domani. I dipendenti sono invitati a passare al lavoro da casa quando il tipo d’impiego e la funzione lo permettono. Le riunioni fisiche sono ammesse solo con un massimo di cinque persone e gli eventi di fine anno sono stati annullati. Vengono anche inasprite le regole sulle mascherine: dovrà essere indossata in tutti gli ambienti chiusi, anche quando gli impiegati sono seduti al loro posto di lavoro.

Tornando alle decisioni federali abbiamo chiesto a Manuele Bertoli se le proposte messe in consultazione siano adeguate e se il Ticino preveda restrizioni maggiori. A queste domande, ci dice, risponderà il Consiglio di Stato domani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved