ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 min

Lugano, alle porte il XV open scacchistico internazionale

Appuntamento a Villa Sassa venerdì per la quindicesima edizione con partecipanti provenienti da almeno sei nazioni. Montepremi: 8’000 franchi
Locarnese
18 min

Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi dell’elettricità?

Lo chiede, unitamente ad altri interrogativi, al Municipio di Locarno (azionista dell’azienda elettrica) il gruppo in Consiglio comunale Sinistra Unita
Locarnese
1 ora

Locarno, prevenzione dei tumori al seno

L’Associazione Triangolo organizza il 6 ottobre un incontro informativo sulla malattia con possibilità di dialogo con il pubblico
Mendrisiotto
2 ore

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
2 ore

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
2 ore

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
3 ore

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
5 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
5 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
11 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
14 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
30.11.2021 - 18:49
Aggiornamento: 19:22

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti

restrizioni-anti-covid-conseguenza-prevedibile
archivio Ti-Press

«Sono delle decisioni che erano attese e che hanno sicuramente senso», ci dice Christian Garzoni, direttore sanitario della clinica luganese Moncucco. «La massa di virus che sta circolando è molta, troppa. Questo porta rapidamente a una curva esponenziale dei contagi che alcuni cantoni svizzeri stanno già registrando». Sotto la lente d’ingrandimento c’è ora la variante Omicron. «Essa è ancora poco conosciuta e ci sono molte domande aperte. Sembra che non porti a uno sviluppo grave della malattia, ma sembra essere molto più trasmissibile. Quando un virus infetta con maggiore facilità i contagi aumentano più in fretta», afferma Garzoni che spiega: «Poniamo che ogni portatore del Covid infetti mediamente due persone, queste ultime trasmettono il virus ad altre quattro e via dicendo. Se la variante è più contagiosa, il portatore invece che due persone ne infetta tre e queste ultime lo trasmettono ad altre nove. La percentuale delle persone che vanno in ospedale è la stessa, ma più infettati vuol dire più ospedalizzati in poco tempo anche se la variante non è maggiormente pericolosa». Il problema è dunque dato «da quante persone necessitano di cure ospedaliere nello stesso momento, che portano ai sovraccarichi pericolosi che conosciamo». I nosocomi in Ticino sono già sovraccarichi? «Per il momento no, alla clinica Moncucco non abbiamo dovuto modificare le nostre attività, ma i numeri sono aumentati parecchio. Fino a un paio di settimane fa i pazienti Covid erano 3-4, ora sono una ventina. Se andiamo avanti con questo incremento diventeranno troppi».

Fino a pochi giorni fa il Consiglio federale non ha preso provvedimenti lasciando la responsabilità ai Cantoni. La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds) accoglie favorevolmente le nuove proposte messe in consultazione dal governo federale per contrastare l’aumento dei casi di coronavirus e la nuova variante Omicron. Per il presidente del Consiglio di Stato ticinese Manuele Bertoli il passo fatto dalla Confederazione è «la conseguenza prevedibile considerata l’accelerazione delle ospedalizzazioni e la comparsa improvvisa della nuova variante». La Cds sottolinea come sia necessario agire al fine di evitare un sovraccarico dei reparti di cure intensive negli ospedali. I direttori cantonali della Sanità ricordano peraltro come numerosi Cantoni abbiano rafforzato le misure di protezione nel corso degli ultimi giorni.

Infatti i Cantoni di Basilea Città, Basilea Campagna, Soletta, Zugo e Svitto hanno deciso di rendere obbligatorio l’uso delle mascherine nei luoghi accessibili al pubblico, compresi bar e club. Le misure entreranno in vigore domani o giovedì a seconda del cantone e rimarranno valide fino al 24 dicembre a Svitto, al 31 gennaio 2022 a Basilea Città e al 20 febbraio a Zugo. A Basilea Città e Soletta le mascherine andranno indossate in tutte le manifestazioni pubbliche all’aperto con più di 1’000 persone. A Basilea Città, gli eventi pubblici a cui parteciperanno tra 300 e 1’000 persone necessitano di un’autorizzazione a partire dal 6 dicembre: gli organizzatori devono annunciarsi presso il Dipartimento cantonale della sanità e presentare un concetto di protezione.

Non sono solo i Cantoni a prendere provvedimenti, anche La Posta rafforza le misure, valide a partire da domani. I dipendenti sono invitati a passare al lavoro da casa quando il tipo d’impiego e la funzione lo permettono. Le riunioni fisiche sono ammesse solo con un massimo di cinque persone e gli eventi di fine anno sono stati annullati. Vengono anche inasprite le regole sulle mascherine: dovrà essere indossata in tutti gli ambienti chiusi, anche quando gli impiegati sono seduti al loro posto di lavoro.

Tornando alle decisioni federali abbiamo chiesto a Manuele Bertoli se le proposte messe in consultazione siano adeguate e se il Ticino preveda restrizioni maggiori. A queste domande, ci dice, risponderà il Consiglio di Stato domani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved