Ajoie
3
Lugano
4
2. tempo
(1-2 : 2-2)
Zugo
0
Bienne
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Ginevra
2
Losanna
1
2. tempo
(2-1 : 0-0)
Friborgo
1
Berna
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Lakers
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
Zurigo
3
Davos
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Langenthal
1
Olten
5
2. tempo
(1-0 : 0-5)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
4
2. tempo
(2-2 : 0-2)
Sierre
0
Zugo Academy
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
salario-minimo-prevale-quello-del-contratto-normale-di-lavoro
Ti-Press
Una sentenza importante contro il dumping salariale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
16 min

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
1 ora

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
2 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
2 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
2 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
2 ore

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
2 ore

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
2 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
2 ore

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Locarnese
2 ore

Curling, ‘Torneo Camelie’ ad Ascona

Iscritte 14 squadre provenienti da tutta la Svizzera
30.11.2021 - 13:270
Aggiornamento : 18:05

Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro

Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge

Il Contratto normale di lavoro (Cnl), in linea con i minimi salariali legali, è in vigore retroattivamente dallo scorso primo luglio: è il Cnl per il settore della fabbricazione di apparecchiature elettriche decretato obbligatorio dal Consiglio di Stato lo scorso 26 febbraio. Il Tribunale federale ha infatti respinto il ricorso di due ditte del Mendrisiotto contro il decreto, patrocinate dallo studio legale Delogu: si tratta della Ligo Electric Sa e di Cebi Micromotors, fra le aziende che avevano impugnato, sempre davanti al Tf, ma senza successo, la Legge cantonale sul salario minimo, che entra in vigore proprio domani.

Nel caso concreto – come segnala il Dipartimento finanze ed economia rendendo nota sul ‘Foglio ufficiale’ odierno la decisione della massima autorità giudiziaria elvetica – i livelli salariali per gli occupati nel settore della fabbricazione di apparecchiature elettriche partono, per il personale non qualificato, da 19,50 franchi (quanto stabilito dalla legge). Mentre per il personale qualificato la paga è di 21,35 franchi l’ora. I salari minimi per gli impiegati di commercio attivi in queste aziende sono di 20,06 franchi per gli impiegati generici; 21,67 franchi per quelli operativi e di 24,64 franchi per gli impiegati responsabili.

Da ricordare che la Commissione tripartita in materia di libera circolazione delle persone ha il compito – definito nell’ambito delle misure collaterali – di osservare l’evoluzione del mercato del lavoro, di individuare eventuali situazioni di abuso (dumping salariale, ndr) e, se necessario, di proporre all’autorità politica (Consiglio di Stato) l’adozione di misure. Queste ultime prevedono l’emanazione di un Contratto normale di lavoro (Cnl) o il conferimento dell’obbligatorietà generale di un Contratto collettivo di lavoro (Ccl) attraverso una procedura agevolata.

Quella con cui la I Corte di diritto civile del Tf boccia il ricorso delle due ditte è una sentenza assai importante. «Il Contratto normale di lavoro – rammenta dal Dipartimento finanze ed economia Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia – rappresenta un atto normativo obbligatorio che prevale su accordi contrattuali tra privati che stabiliscono salari inferiori. Tra questi accordi contrattuali rientrano anche a tutti gli effetti i Contratti collettivi di lavoro. Qualora un’azienda appartenente a un settore coperto da un Cnl dovesse sottoscrivere un Ccl con salari inferiori a quelli del Cnl, i salari del Ccl non esplicherebbero alcun effetto. Di fatto – aggiunge Rizzi – dovranno essere applicati i salari del Cnl. Resterebbero per contro valide tutte le altre disposizioni del Ccl». Come per esempio le disposizioni relative al tempo di lavoro, alle vacanze e via dicendo. Ma sui livelli salariali fa stato il Contratto normale di lavoro: non si può insomma andare sotto gli importi contemplati dal Cnl. Quello oggetto della sentenza del Tf concerne un settore economico, la fabbricazione di apparecchiature elettriche, dove alcune aziende pensavano con la sottoscrizione di un Contratto collettivo di lavoro di non dover sottostare alla legge cantonale sul salario minimo, la quale non si applica laddove esiste un Ccl (è la famosa deroga che un’iniziativa popolare costituzionale e atti parlamentari chiedono di rimuovere): dopo il verdetto di Mon Repos, quelle aziende non possono però più sfuggire al salario minimo obbligatorio definito dal Contratto normale di lavoro.

Anche gli altri Cnl vigenti in Ticino (attualmente ventidue) contemplano già salari minimi in linea con la legge. «Lo impone la legge stessa: se un Cnl – continua Rizzi – contempla un salario minimo inferiore a quello legale, quel salario viene automaticamente adeguato al salario minimo stabilito dalla legge».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved