ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
5 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
7 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
10 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
13 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
17 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
17 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
24.11.2021 - 14:23
Aggiornamento: 15:09

Una campagna anti-violenza sessualizzata contro le donne

Fino al 10 dicembre, più di 150 associazioni partner organizzeranno manifestazioni per attirare l’attenzione sul problema

Ats, a cura de laRegione
una-campagna-anti-violenza-sessualizzata-contro-le-donne
Ti-Press

Una donna su due subisce violenza sessualizzata in Svizzera spesso con conseguenze a lungo termine. Domani inizia una campagna per informare e sensibilizzare su questo fenomeno, che sovente è ancora considerato “normale”.

Fino al 10 dicembre, più di 150 associazioni partner organizzeranno manifestazioni per attirare l’attenzione su questo problema, sotto il coordinamento dell’Ong femminista per la pace (www.cfd-ch.org), indica quest’ultima in un comunicato odierno.

Uno studio del 2019 dell’istituto di ricerche gfs.bern indica che almeno una donna su due in Svizzera subisce violenza sessualizzata, cifre che corrispondono “a dimensioni epidemiche”, sottolinea la nota.

La violenza sessualizzata si presenta sotto diverse forme. Si va dal contatto indesiderato, allo stupro, alle molestie verbali. Viene commessa in tutti gli strati sociali e in luoghi e situazioni più diverse: a casa, nelle relazioni, nelle famiglie, sul posto di lavoro, a scuola o in formazione, nello spazio pubblico e su Internet. Nel 2020, 713 violenze carnali e 683 casi di coercizione sessuale sono stati segnalati in Svizzera. Purtroppo, il numero di casi non denunciati è ben più alto. Solo circa la metà delle vittime racconta a qualcuno della violenza. Solo l’8% delle aggressioni vengono denunciate, e rari sono i casi che portano a una condanna.

Conseguenze a lungo termine

Le donne vittime di questa forma di violenza soffrono in modo grave e a lungo, in alcuni casi per tutta la vita. Nonostante questo, la violenza sessualizzata resta troppo poco tematizzata.

“Le molestie verbali e altri comportamenti che riducono la donna a oggetto forniscono un terreno fertile per aggressioni più gravi ma sono generalmente accettate come ‘normali’. È un problema che ci riguarda tutti”, spiega Anna-Béatrice Schmaltz, responsabile della campagna, citata nel comunicato. Secondo quest’ultima “sono necessarie più misure preventive e un sostegno adeguato per le persone colpite”. La violenza sessualizzata deve finalmente essere presa sul serio. Dobbiamo parlare di questa violenza, dice Schmaltz.

Le persone colpite sono ancora spesso accusate di complicità. I miti sullo stupro sono molto diffusi. Per esempio, spesso viene supposto erroneamente che un certo comportamento o vestito possa causare una violenza carnale, sottolinea.

Il diritto penale svizzero sui reati sessuali deve essere adattato con urgenza, aggiunge Schmaltz. Secondo la legge attuale, gli elementi dello stupro sono presenti solo quando è stata usata violenza e la vittima si è difesa. Questo non rende giustizia alle caratteristiche della violenza sessualizzata perché il semplice atto di ledere l’autodeterminazione sessuale di un’altra persona è già una violenza. “È ora che il principio consensuale del ‘solo sì significa sì’ sia applicato a livello della legge e della società”, sostiene Schmaltz.

Quest’anno le 16 giornate di azione, che inizieranno domani alle 12.30 con un evento nella piazza della stazione di Berna, avranno luogo per la quattordicesima volta. Oltre 150 organizzazioni vi partecipano con oltre 130 azioni ed eventi in Svizzera e nel Liechtenstein, come tavole rotonde, letture, proiezioni di film e altro ancora.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved