22.11.2021 - 14:15
Aggiornamento: 21:15

Pianificazione integrata anziani, piace anche ai Comuni

La strategia basata sul potenziamento dei servizi a domicilio e la creazione di 1’180 posti letto nelle case anziani ottiene consensi anche dai Comuni

pianificazione-integrata-anziani-piace-anche-ai-comuni
Ti-Press

La consultazione sulla “Pianificazione integrata anziani e cure a domicilio fino al 2030” compie un ulteriore importante passo. Si è infatti chiusa con una sostanziale condivisione del rapporto da parte dei Comuni ed enti interessati.

I colloqui, avvenuti durante i mesi di luglio, agosto e settembre 2021, hanno coinvolto le diverse autorità comunali interessate da questa pianificazione, 85 delle quali hanno espresso il loro parere e fornito importanti contributi, anche attraverso specifici incontri. Ciò ha permesso di definire le priorità d’intervento d’implementazione della Pianificazione, elementi che saranno inseriti nel Messaggio governativo.

In generale c’è condivisione sui contenuti del documento, come si legge dalla stessa nota stampa del Dss, in cui si dice che “la maggioranza degli interpellati si è manifestata favorevolmente sui principi di base della Pianificazione integrata, sugli approfondimenti qualitativi, sulla strategia di promozione di gestione integrata dell’offerta tramite progetti pilota e ha condiviso la necessità di migliorare l’accesso e rafforzare il coordinamento delle prestazioni”.

Per quanto riguarda l’aspetto quantitativo, la maggioranza dei partner interpellati condivide la scelta dello scenario posto in consultazione, che conferma l’orientamento al mantenimento a domicilio e prevede, in particolare, la creazione di 1’180 nuovi posti letto nelle Case per anziani, la conferma dei posti RAMI (Reparto acuto di minore intensità) già in fase di realizzazione (30 nuovi posti letto), l’incremento dell’offerta di cure a domicilio di 290’000 ore e un importante sviluppo (+105% in termini di spesa) dei servizi d’appoggio.

L’esito della consultazione è stato presentato al Consiglio di Stato durante la seduta del 27 ottobre 2021 scorso e nelle settimane successive è stato condiviso con i rappresentanti dei Comuni. Prossimamente il Consiglio di Stato trasmetterà il Rapporto di pfianificazione al Gran Consiglio, competente per la sua approvazione definitiva.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved