salario-minimo-il-ps-dai-giudici-di-losanna-base-di-ripartenza
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
47 sec

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
13 min

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
23 min

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
17 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
18 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
23 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
23 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
1 gior

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
1 gior

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
1 gior

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
16.11.2021 - 19:07
Aggiornamento : 19:31

Salario minimo, il Ps: dai giudici di Losanna base di ripartenza

I socialisti prendono slancio per l’iniziativa su 21,50 franchi l’ora e deroga per i Ccl. Ma il Plr: il problema è il monitoraggio all’acqua di rose

Il Tribunale federale respinge i due ricorsi delle undici ditte, attive soprattutto nel Mendrisiotto, e dice sì alla legge ticinese sul salario minimo. Ma se con la bocciatura delle opposizioni promosse nell’aprile dell’anno scorso viene messa una base legale certa da Losanna, meno chiaro è ciò che attende il dossier. Perché stamattina è stato intimato solo il dispositivo, le motivazioni non sono ancora state rese pubbliche. E saranno le motivazioni a far capire, nel dettaglio, quali potranno essere le basi per futuri sviluppi: leggasi, l’iniziativa lanciata dalla sinistra per alzare la soglia del salario minimo a 21,50 franchi l’ora e per togliere la deroga all’attuazione dove è firmato un Contratto collettivo di lavoro. Solo dopo aver letto le motivazioni, infatti, si saprà se i giudici di Mon Repos hanno qualcosa da annotare in merito alle questioni tra salario sociale ed economico, o su altri punti. Si vedrà. Intanto le reazioni non mancano. A partire dal governo.

Vitta: confermato che l’impianto legislativo è buono, ora applicazione lineare

«L’impianto legislativo ha retto bene di fronte ai ricorsi, quindi vuol dire che il tutto è stato costruito in maniera corretta», commenta tirando un sospiro di sollievo il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta: «Per noi si tratta, adesso, di avere un punto fermo che toglie tante incertezze – spiega –. C’erano aspetti delicati perché da un lato avevamo l’articolo costituzionale votato dal popolo che lasciava spazi di criticità, dall’altro il diritto federale che doveva essere rispettato». A ogni modo, il direttore del Dfe ricorda che «non potendo ovviamente aspettare la sentenza ci siamo da tempo organizzati in funzione dell’entrata in vigore del salario minimo, in modo da avere un apparato già pronto per monitorarne gli effetti e per procedere con i relativi controlli». Il Tf ha messo un punto fermo, dice Vitta. Ma in campo c’è già l’iniziativa lanciata da Ps, Verdi, Pc e Pop. Insomma, dopo il sospiro di sollievo si rischia di sparigliare tutto di nuovo. C’è timore per questo in governo? «Come detto – risponde Vitta –, si tratta di applicare l’articolo costituzionale votato dal popolo e la legge varata dal parlamento, confermata nella sua validità dal Tribunale federale. Bisogna essere lineari e seguire il quadro di riferimento, sennò il rischio è di creare ulteriori incertezze dove, appunto, il Tf ha invece fatto chiarezza».

Sergi (Mps): il Tribunale federale dice che la deroga per i Ccl va bene, di cosa si esulta?

E non per tutti è una buona notizia. «È un guaio!», esclama il coordinatore del Movimento per il socialismo Giuseppe Sergi. «Questa sentenza vuole dire anche che l’articolo sulla deroga per i Ccl è stato confermato, che è conforme al diritto superiore, e mi sembra tutto tranne che positivo», commenta. E con l’iniziativa popolare lanciata dalla sinistra la cui raccolta firme è ancora in corso? «Ci vediamo tra cinque anni...», risponde caustico Sergi. Salvo poi aggiungere che «a livello parlamentare e a livello costituzionale ci sono già in campo delle nostre proposte. Se il parlamento davvero vorrà agire, sarà solo una questione di volontà».

Il Partito socialista dal canto suo tira dritto e con rinnovata spinta. Per il capogruppo Ps in Gran Consiglio Ivo Durisch, infatti, «sicuramente c’è soddisfazione per questa sentenza, che in qualche modo conferma l’entrata in vigore della legge. Oggi abbiamo una base legale solida, che per noi sul punto della deroga per i Ccl non è chiara, e da questo momento si può iniziare a lavorare su questa legge che abbiamo detto sin dall’inizio non era perfetta». Avanti tutta, quindi, «con la nostra iniziativa popolare, perché questa sentenza è una base di ri-partenza per migliorare sia la questione dei Ccl sia del montante del salario orario».

Uno slancio, quello socialista, che trova la «ferma opposizione» del Plr. La capogruppo Alessandra Gianella, infatti, parte da «una doverosa premessa». Vale a dire che «i nostri emendamenti alla legge sul salario minimo chiedevano un monitoraggio a ogni passaggio di forchetta, per verificare gli effetti della misura sui salari in particolare dei residenti. Il parlamento questa cosa non l’ha voluta, ora va in automatico che le forchette si susseguiranno e ci sarà questa strategia di controllo che si basa su segnalazioni e controlli a campione: chiaramente, rispetto a un messaggio annuale del Consiglio di Stato, è acqua di rose». A questo punto, «oltre che ricordare che si parla di circa 16mila lavoratori su quasi 190mila di cui due terzi sono frontalieri», per Gianella è importante sottolineare che «se l’obiettivo era favorire i ticinesi, bisognerà invece capire se e quanto i salari dei residenti non saranno livellati verso il basso e se non si perderanno posti di lavoro». Ciò detto, «è inutile fare delle proposte ora perché ci si è accorti che quanto si è votato fa acqua, non è andando a proporre una gara a rialzo delle cifre che si risolve il problema. Perché il problema di fondo è monitorare l’effetto di questo salario minimo sui residenti, cambiando la cifra non si risolve niente».

Ricciardi (Ocst): continuare con contrattazione collettiva

Netta è l’analisi che, sul fronte cristiano sociale, offre il sindacato Ocst. In una nota firmata dal segretario cantonale Renato Ricciardi, si registra soddisfazione e si ribadisce che “la legge stabilisce un salario minimo vitale, non economico. Continueremo nel nostro impegno per la stipula di contratti collettivi, con minimi al di sopra di quanto previsto dalla legge». E tenendo sempre fermo, come rilevato anche da Gianella, che “il salario è una componente fondamentale, ma è anche importante agire sulle altre condizioni e questo può avvenire solo nell’ambito della contrattazione collettiva”.

Rimanendo all’oggi, il via libera all’applicazione è sancito una volta per tutte. Il salario minimo in vigore da fine anno sarà compreso tra i 19 e i 19,50 franchi all’ora. La forchetta passerà a 19,50-20 franchi a fine 2023 e a 19,75-20,25 il 31 dicembre 2024.

Leggi anche:

Salario minimo, il Tribunale federale respinge i ricorsi

Salario minimo ticinese, due ricorsi al Tribunale federale

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ricorsi salario minimo tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved