Inter
1
Venezia
1
2. tempo
(1-1)
Zugo
Langnau
19:45
 
Ambrì
Davos
19:45
 
Friborgo
Lakers
19:45
 
Ginevra
Bienne
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
GCK Lions
1
Olten
2
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 0-1)
Visp
2
Ticino Rockets
1
2. tempo
(0-0 : 2-1)
La Chaux de Fonds
2
Zugo Academy
0
1. tempo
(2-0)
Kloten
Sierre
19:45
 
BUF Sabres
1
PHI Flyers
0
1. tempo
(1-0)
il-procedimento-penale-sempre-piu-social
Edy Salmina (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
13 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
13 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
21 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
23 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
23 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 gior

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
1 gior

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
1 gior

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
1 gior

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
1 gior

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 gior

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
1 gior

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 gior

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
1 gior

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
1 gior

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
Locarnese
1 gior

Muralto, il moltiplicatore può scendere al 78%

Nell’ambito della discussione sui conti preventivi, la Commissione della gestione sostiene la riduzione della pressione fiscale
 
11.11.2021 - 05:300

Il procedimento penale? Sempre più social

Mediatizzazione e indipendenza dei magistrati, l‘avvocato ed ex giornalista Edy Salmina sulla rivista ’forumpoenale’: una riflessione è doverosa

Una giustizia, soprattutto quella penale, sempre più mediatizzata, complice anche la proliferazione dei social. Una mediatizzazione che trasforma di fatto l’opinione pubblica in una parte del procedimento, come il magistrato che sostiene l’accusa e l’avvocato che patrocina l’imputato o l’accusatore privato. E che non di rado rende, o contribuisce a rendere le sentenze e i decreti d’accusa o d’abbandono terreno di scontro politico. Tutto questo, nella “società della comunicazione permanente”, può incidere sull’attività di procuratori e giudici? Può comprometterne l’indipendenza? “In un tale scenario ci si deve domandare se, e a quali condizioni, si possa ancora – e non, beninteso, se si debba ancora – ritenerla”, la giustizia, “indipendente dalle dinamiche delle comunicazioni di massa – scrive Edy Salmina –. La crescente divaricazione tra la cosiddetta giustizia attesa dal pubblico e quella applicata dai tribunali preoccupa ormai anche sedi abituate a olimpico distacco”. Al tema il noto avvocato penalista, membro dell’Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva e già responsabile del Dipartimento informazione della Rsi, dedica un ampio articolo apparso sulla rivista ‘forumpoenale’ (www.forumpoenale.ch). Un argomento, quello dell’autonomia delle toghe, di stretta attualità: domenica 28 il popolo voterà sull’iniziativa che chiede di designare i giudici del Tribunale federale tramite sorteggio e ciò per evitare le asserite ingerenze dei partiti. Di indipendenza della giustizia si occupa anche Salmina, ma da un’altra angolazione.

Opinione pubblica ‘parte’ del procedimento

Da tempo, annota l’avvocato ed ex giornalista, è “in atto la sparizione progressiva, nella realtà, della separazione tra parte pubblica e non delle procedure penali, con il contestuale tendenziale manifestarsi dell’opinione pubblica come nuova parte processuale, operante per il tramite dei mass-media e/o, in tempi più recenti, delle reti sociali”. Ora, il Codice di procedura penale svizzero “prevede che sia pubblico il dibattimento, ma non la fase anteriore al medesimo”. Non l’indagine, non gli atti istruttori che precedono l’eventuale processo. “L’evidenza fattuale è però appunto un’altra”. E i fatti, osserva Salmina nel proprio contributo (titolo: ‘Indipendenza della giustizia nella società della comunicazione’), dicono che “sostanzialmente tutto il procedimento, non solo il dibattimento, è ormai continuativamente mediatizzato”. Aggiunge Salmina: “Poco importa, qui, che ciò derivi da legittime o illegittime scelte comunicative delle parti, segnatamente dell’autorità. Il dato rilevante è che moltissimo di quanto pubblicato si riferisce ad atti procedurali che la legge vuole, di massima, segreti: avvio di procedimenti, arresti, sequestri, rogatorie, interrogatori, reclami, perizie, sopralluoghi e via elencando”. Secondo il penalista, la ragione “di questa diffusiva evoluzione è complessa e le responsabilità distribuite tra i vari partecipanti alle procedure, ognuno dei quali risponde peraltro a specifiche regole di comunicazione”. Salmina non ha dubbi: “Tra i procedimenti penali e i mass-media si è ormai instaurata una circolarità di flusso comunicativo”.

‘Tutto o quasi è mutato’

Insomma, “tutto o quasi è mutato dentro e attorno al processo”. La procedura penale attuale, spiega Salmina, “vive nella dialettica tra le parti e ha perso quel carattere autoritario che giustificava, a maggiore ragione, la necessità di un controllo pubblico finale”. Con “il parziale superamento dell’oralità e dell’immediatezza”, il dibattimento in tribunale “ha smarrito parte della sua importanza comunicativa”. Le procedure che sfociano in decreti, dunque non in atti d’accusa, “costituiscono la stragrande maggioranza delle decisioni: la pubblicità è però garantita anche per i non luoghi, gli abbandoni o i decreti di accusa”. E “non meno grandi i mutamenti socioculturali attorno al processo stesso: al primato della segretezza si è sostituito quello della trasparenza e la stessa sfera privata è sempre meno considerata un bene da difendere ma, vieppiù, da condividere se non esibire”. E ancora: “Sono cresciute vertiginosamente la velocità, l’interconnessione e la concorrenza tra i media e con le reti sociali”. Chiarisce Salmina: “Certo, la tradizionale funzione della cronaca giudiziaria nonché la valenza socialmente educativa del processo conservano tutto il loro significato. ‘Publicity first’, ma oggi vige piuttosto un ‘publicity only’ e mi pare doveroso chiedersi quali effetti ciò generi anche sull’indipendenza della magistratura”.

‘Un’analisi autocritica’

Giustizia e società, giudici e opinioni politiche, scrive ancora il penalista, “non sono mai stati separati. La consapevolezza della delicatezza odierna del rapporto tra interno ed esterno nel procedimento penale passa, in primo luogo, da una riflessione autocritica dei vari soggetti interessati, magistrati e avvocati anzitutto”. Continua Salmina: “Non è né possibile, né augurabile, una giustizia penale sorda e cieca verso l’opinione pubblica. Tuttavia, sono il potere legislativo, quello esecutivo e quello mediatico, non quello giudiziario, a dover tenere adeguato conto delle attese collettive e, se del caso, a rispondervi”. Chi conduce i procedimenti penali o vi partecipa “non può certo vivere sotto una campana di vetro. Per evitare però che le procedure siano – o anche solo sembrino – orientate dal gradimento pubblico, le decisioni giudiziarie diventino opinioni come tutte le altre e gli attori procedurali voci nel coro collettivo, serve ribadire con forza che la giustizia rende conto al pubblico solo della sua autonomia argomentativa e operativa, senza dover diluire entrambe nell’air du temps politico-mediatico”. L’avvocato conclude, citando Heidegger: “Si tratta, forse, di un auspicio ormai superato, eppure credo che formularlo ‘non è abbandono al passato ma riflessione sul presente’”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved