iniziativa-cantonale-su-cure-a-domicilio-audizione-a-berna
Servizi pubblici e privati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
24 min

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
38 min

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
55 min

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
1 ora

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
1 ora

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
1 ora

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
1 ora

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
1 ora

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
2 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
2 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
2 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
2 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
09.11.2021 - 20:51
Aggiornamento : 23:00

Iniziativa cantonale su cure a domicilio, audizione a Berna

La Commissione sanità degli Stati sentirà giovedì Ghisletta e Galusero sulla proposta di permettere ai Cantoni di pianificare il settore

La Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati li ha convocati per dopodomani. Trasferta a Berna per il socialista Raoul Ghisletta e il liberale radicale Giorgio Galusero: giovedì i due deputati al Gran Consiglio presenteranno alla Css-Cs l’iniziativa cantonale ticinese che chiede - attraverso una modifica della LaMal, la Legge federale sull‘assicurazione malattie - di accordare ai Cantoni la possibilità di pianificare il settore delle cure a domicilio. Con loro, all’audizione, ci sarà Chiara Gulfi, responsabile al Dipartimento sanità e socialità del settore Assistenza e cure a domicilio. L’iniziativa all’indirizzo dell’Assemblea federale è stata proposta da Ghisletta e cofirmatari nel maggio del 2018 ed è stata approvata (settanta sì, un contrario e tre astensioni) nell’ottobre dello scorso anno dal plenum del Gran Consiglio, su invito della propria commissione ’Sanità e sicurezza sociale’, della quale lo stesso Ghisletta e Galusero fanno parte.

A fine 2017 in Ticino, si afferma nel testo nell’iniziativa, “accanto ai 6 servizi di assistenza e cura a domicilio di interesse pubblico, erano attivi ben 36 servizi commerciali, di cui 26 hanno sottoscritto un contratto di prestazioni (volontario) con il Cantone“. A questi numeri “occorre aggiungere circa 150 infermieri indipendenti che operano a domicilio: solamente una parte di loro ha stipulato un contratto di prestazioni (volontario) con il Cantone“. Il “forte” aumento “di attori con scopo di lucro nel settore dell’assistenza e cura a domicilio preoccupa le autorità politiche cantonali sia per gli aspetti finanziari sia per gli aspetti di corretta presa a carico degli utenti“. In generale, prosegue l’iniziativa, "si può affermare che le casse malati sono poco attive nel controllo dell’appropriatezza delle prestazioni svolte a domicilio a carico della assicurazione malattie LaMal”. Almeno un paio i quesiti che si pongono: "Le prestazioni a domicilio sono svolte esclusivamente da personale qualificato? Le ore svolte e le prestazioni fatturate dalle persone dispensanti cure a domicilio concernono veramente ed esclusivamente ambiti LaMal?”. Gli iniziativisti non hanno dubbi: "Solamente l’obbligo di disporre di strumenti informatici tracciabili garantisce che il personale dei servizi a domicilio eroghi prestazioni a carico della LaMal e non prestazioni quali la spesa, le pulizie o altre attività non a carico della LaMal”. Inoltre "solamente servizi a domicilio ben strutturati e dotati di personale qualificato possono rispettare i criteri di economicità e qualità della LaMal, nell’interesse degli assicurati (premi a carico), del Cantone (che si assume il finanziamento residuo) e dei pazienti (sicurezza)”. Ebbene, "per far fare questi passi ragionevoli a tutte le organizzazioni dispensanti cure a domicilio, occorre prevedere una base legale nella LaMal che dia la possibilità (non l’obbligo) ai Cantoni di effettuare una pianificazione cantonale basata sul bisogno e fondata su contratti di prestazione tra Cantone e fornitori di prestazioni”.

’LaMal da modificare’

Da qui la proposta al parlamento federale di inserire nella Legge sull’assicurazione malattie la disposizione secondo cui "Ogni Cantone può decidere se autorizzare le persone dispensanti cure a domicilio previa prescrizione o indicazione medica e le organizzazioni che le occupano alle seguenti condizioni cumulative: a) corrispondono alla pianificazione intesa a coprire il fabbisogno approvato; b) figurano nell’elenco, compilato dal Cantone, classificante le diverse categorie di persone e di organizzazioni; c) dispongono delle necessarie qualifiche professionali”. D’accordo con “le finalità dell’iniziativa cantonale” (anche) il Consiglio di Stato, come si ricorda nel rapporto commissionale (relatrice Maristella Polli, Plr) dell’ottobre 2020 favorevole all’iniziativa.

La quale, dice Raoul Ghisletta alla ‘Regione’, «non chiede la luna, chiede di permettere ai Cantoni di pianificare il settore delle cure a domicilio per garantire qualità ed economicità nell’interesse dei pazienti e del controllo dei costi sanitari». Secondo Giorgio Galusero, la pianificazione «consentirebbe anche di regolamentare la situazione che si registra oggi soprattutto nei cantoni di frontiera, come il nostro e Ginevra, caratterizzata da un importante numero di servizi privati attivi nel settore».

‘Servizi commerciali e infermieri indipendenti: così nel 2021’

Nel 2021, riprende Ghisletta, in Ticino «i servizi commerciali sono saliti a 47, di cui 32 con contratto di prestazioni con il Cantone, mentre gli infermieri indipendenti sono 342, di cui 177 con contratto di prestazioni con il Cantone».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cure domicilio galusero ghisletta iniziativa cantonale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved