certificati-covid-falsi-per-ora-no-ma-restiamo-vigili
Giovan Maria Zanini (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
3 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
7 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
7 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
7 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
13 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
15 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
16 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
04.11.2021 - 22:52

’Certificati Covid falsi? Per ora no, ma restiamo vigili’

Dopo il caso di Ginevra. Il farmacista cantonale: ‘In Ticino al momento non abbiamo segnalazioni’. Ma aggiunge: ‘Nel sistema c’è un punto da regolare’

A Ginevra il caso sta assumendo proporzioni preoccupanti. Sarebbero già più di quattrocento, stando alla Rts e a un recente dispaccio dell’Ats, i certificati Covid falsi finiti sotto la lente della Procura. Un vasto e illecito traffico di documenti che avrebbe portato 120mila franchi e passa nelle tasche di coloro che lo hanno architettato. Quattro finora le persone fermate. Fra queste, indica l’Ats, alcuni militi della Protezione civile attivi in un centro di vaccinazione. Le indagini degli inquirenti ginevrini non sono terminate. Pertanto non sono da escludere ulteriori clamorosi sviluppi della vicenda in odor di mazzette. In Ticino sono emerse irregolarità? «No, per il momento non abbiamo segnalazioni in tal senso - afferma il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini -. Restiamo comunque vigili e siamo pronti a dar seguito a eventuali informazioni riguardanti l’emissione di presunti documenti truccati, ciò che sarebbe grave».

Spiega Zanini, interpellato dalla ‘Regione’: «Nel nostro come in tutti gli altri Cantoni, per generare e poi rilasciare un certificato attestante l’avvenuta vaccinazione o l’esito negativo di un test, così come la guarigione dalla malattia occorre accedere a un sistema informatico realizzato e gestito dalla Confederazione». E questo «tramite identificazione personale e un accesso sicuro con più fattori». Gli accessi, aggiunge il Farmacista cantonale, «vengono forniti unicamente agli operatori sanitari e alle strutture che vaccinano, testano e/o dichiarano l’avvenuta guarigione». Non è tutto. «Come autorità cantonale e in accordo con l’Ordine dei farmacisti, quello dei medici, gli ospedali e le case per anziani, abbiamo designato delle persone quali responsabili della gestione e del rilascio degli accessi agli operatori sanitari». Un percorso con più step.

Tutto bene? Non esattamente. «Un punto da migliorare, secondo noi, c’è e come Cantone l’abbiamo segnalato immediatamente a Berna, ma non è stato ancora regolato - fa sapere Zanini -. La pecca è la possibilità per l’operatore sanitario di emettere certificati per attestare situazioni diverse da quelle di sua competenza. Mi spiego con un esempio: un operatore di una struttura è incaricato unicamente di eseguire i test per stabilire la negatività o la positività di una persona al coronavirus; con gli accessi assegnatagli può tuttavia emettere anche un certificato di vaccinazione, così come attestante la guarigione. Insomma - rileva il Farmacista cantonale - per ridurre ancor più i margini di azione di chi intende agire illegalmente, è sicuramente auspicabile intervenire in questo ambito e limitare l’emissione di certificati unicamente agli ambiti di competenza dei singoli operatori».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificati covid farmacista cantonale segnalazioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved