da-un-sacco-di-juta-il-processo-del-secolo
La corte presieduta dal giudice Gastone Luvini (Adolfo Tomasini)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
41 min

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
1 ora

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
1 ora

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
1 ora

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
1 ora

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
2 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
3 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
8 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
8 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
8 ore

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
8 ore

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
13 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
15 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
15 ore

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
17 ore

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
18 ore

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
18 ore

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
18 ore

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Ticino
18 ore

Il Soccorso d’inverno ha accettato oltre 500 richieste d’aiuto

Il calo del reddito alla base di molte situazioni di povertà
Ticino
19 ore

Masaba Coffee vincitore del premio per l’etica d’impresa

Riconoscimenti anche per Lighthouse Tech, Agroval Sa, Plastex Sa e Gottardo Arena
Bellinzonese
19 ore

Cancro: importante premio assegnato a Davide Rossi dell’Ior

Riconoscimento di 80mila franchi per le sue ricerche nell’ambito dell’ematologia
Luganese
19 ore

Massagno ringrazia i suoi volontari

Al rinnovato Lux, i partecipanti hanno visto in anteprima il documentario ‘Aromi’ scritto e diretto dalla regista Anna Hungerbühler Luraschi
Luganese
19 ore

Tesserete, slitta per neve il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sabato 11 dicembre. Gli organizzatori auspicano un’ampia adesione da parte degli espositori
Mendrisiotto
19 ore

‘I camion devono restare nel Mendrisiotto’

Simonetta Sommaruga risponde a Marco Romano. ‘Spostare più a nord l’attesa dei veicoli pesanti non è la soluzione adeguata’. Delusione del Distretto.
Locarnese
19 ore

Verzasca, l’Associazione deve trovare il giusto equilibrio

Dopo l’aggregazione in un solo Comune della Valle, occorre riorientare le strategie in modo da assicurare un percorso di crescita subregionale
Locarnese
19 ore

Muralto, per il nodo intermodale si cerca un’alternativa

Dopo l’incontro di oggi della Delegazione delle autorità, il Municipio incaricherà un ingegnere del traffico di verificare la fattibilità di un ‘piano B’
Luganese
19 ore

Gandria, slitta a domenica il mercatino dell’olio

La Bottega invita a fare un giro nel villaggio anche per visitare i numerosi presepi allestiti lungo i vicoli
Locarnese
19 ore

Ad Ascona la Scuola popolare di musica di Locarno

Tradizionale concerto natalizio degli allievi
Luganese
20 ore

Melano, annullata la Festa di Natale per gli anziani

La Società ricreativa ha deciso, con rammarico, di rinunciare all’appuntamento previsto domani, a causa del coronavirus
Video
Mendrisiotto
20 ore

Mendrisio, finge di farsi investire per una pizza

Un uomo ha bloccato il traffico nei pressi dell’Accademia mentre aspettava il cibo. Ne è nato un litigio con l’autista del bus
Locarnese
20 ore

Atte Locarno, pranzo e tombola

Appuntamento al Centro diurno
Ticino
 
28.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 07:11

Da un sacco di juta ‘il processo del secolo’

Il caso Zylla in un libro dell’avvocato ed ex magistrato Luciano Giudici, che sostenne l’accusa al dibattimento tenutosi nel 1973 a Locarno

“Dopo tre settimane di udienze estenuanti e drammatiche, siete chiamati a giudicare i responsabili dell’assassinio più efferato commesso da più persone nel nostro Cantone in questi decenni, se non in questo secolo”. Attaccò così l’allora trentaquattrenne procuratore pubblico sopracenerino Luciano Giudici la requisitoria, rivolgendosi alla Corte. Era giunto il suo turno, il turno dell’Accusa, al processo Zylla, apertosi il 5 novembre e conclusosi il 4 dicembre 1973. Si celebrò a Locarno, la città dove Giudici è nato e dove ancora oggi si trova il suo studio legale. La requisitoria è riportata integralmente nel recente libro ‘Il processo Zylla’ (Armando Dadò Editore), di cui è autore l’avvocato ed ex magistrato, già procuratore straordinario nel 2000, designato dal Consiglio di Stato, per l’affaire ‘Ticinogate’, sfociato nella condanna dell’allora presidente del Tribunale penale cantonale per corruzione passiva. Luciano Giudici presenterà il volume domani, venerdì, alla Biblioteca cantonale di Locarno, con inizio alle 18.15.

Il ‘padre’ di tutti i casi giudiziari ticinesi

Un attempato dissipatore di capitali germanico, la ‘diabolica coppia’ che se ne serviva per motivi economici e ne avrebbe poi ordinato l’uccisione, un omicida psicopatico con precedenti penali, e l’intermediario ‘viveur’. Gli elementi c’erano tutti, per fare del ‘caso Zylla’ il ‘padre’ di tutte le vicende giudiziarie ticinesi. Un caso che ha inizio il 19 settembre del 1971, quando due turisti sentono un nauseabondo odore dolciastro mentre passeggiano sulle pendici del Monte Brè: sembra provenire da un sacco di juta abbandonato sul ciglio della strada. I due se ne vanno ma avvisano la polizia. Quel che c’è dentro lo scopriranno due agenti: il cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione. Ha una calza da donna strettamente attorcigliata al collo ed è solo grazie a un altro indumento, le mutande, che sarà possibile stabilirne l’identità. Si tratta di Egon Zylla, cittadino germanico originario di Amburgo e residente da alcuni anni al Monte Verità, già in cura per etilismo e confrontato a seri problemi psichiatrici. Di lui si saprà che era arrivato in Ticino con 4 milioni di marchi, tra capitali e immobili, in gran parte già dilapidati nelle notti brave che impazzavano in quegli anni ad Ascona.

Le indagini sono pressanti e nel giro di un paio di settimane danno i loro frutti. Finiscono in manette Wilhelm Geuer e Gisela Kemperdick, germanici anche loro e come Zylla frequentatori del belmondo asconese. Dell’uomo si dicono amici e consulenti, ma secondo gli inquirenti lo hanno solo spremuto a dovere e poi fatto ammazzare per paura di essere scoperti dai suoi parenti. Vengono arrestati anche l’autore materiale dell’omicidio, Wolfgang Manser, pregiudicato per aver ucciso, senza movente, un omosessuale a Basilea anni prima; e Romolo Stoppini, l’intermediario, residente a Minusio. Mentre Manser e Stoppini ammettono subito ruoli e responsabilità, Kemperdick e Geuer negano tutto e continueranno a farlo come “inespugnabili fortezze teutoniche”, secondo la felice immagine che ne diede anni dopo il giornalista Teresio Valsesia.

Tutti colpevoli

Il ‘processo del secolo’ inizia due anni dopo a Locarno, il 5 novembre del ’73. Pubblico e addetti ai lavori si assiepano nella sala della Sopracenerina, preferita all’aula di tribunale per ragioni di spazio. Ai banchi dell’accusa c’è il procuratore Luciano Giudici; a quelli della difesa un agguerrito collegio composto dagli avvocati Franco Ferrari, Pino Bernasconi, Gabriello Patocchi (con una giovane praticante di nome Carla Del Ponte) e Sergio Salvioni a patrocinare le figlie di Zylla. La verità giudiziaria emerge il 4 dicembre con una sentenza di colpevolezza emessa dalla Corte presieduta dal giudice Gastone Luvini. Geuer, definito “l’unica mente del delitto”, va alla reclusione perpetua; gli altri vengono tutti condannati a 18 anni (Manser, che beneficia della scemata responsabilità, fuggirà dal carcere di Regensdorf nell’81 e verrà rintracciato, ormai 76enne, in Messico nel 2004).

Negli anni successivi emergeranno, secondo i difensori della ‘diabolica coppia’, fatti nuovi tali da giustificare una revisione del processo. Fra essi, anche una clamorosa ritrattazione di Manser, pronunciata in carcere confidandosi con una suora e un cappellano, secondo cui non sarebbe stato lui l’omicida, ma un suo amico. Le istanze di revisione vengono però rigettate. La prima nell’82 dalla Corte di cassazione allora presieduta dalla giudice Clementina Sganzini; la seconda, dopo un’interminabile battaglia giudiziaria, dal Tribunale federale il 25 marzo 2000, 29 anni dopo i fatti.

Per la giustizia, il 20 agosto 1971 i quattro imputati attirarono Zylla in una casa di Gordemo. Appena varcato l’uscio, l’uomo venne strangolato da Manser. Secondo i ricordi dell’omicida, quello emesso della vittima prima di soccombere fu “un urlo soffocato”. A Stoppini, che osservava la scena, parve invece “un gemito, come di una bambola”.

L’ex procuratore pubblico

‘Mi colpì l’impassibilità di Manser e Geuer’

«Era una domenica e mi trovavo a Bellinzona, alla Caserma, ospite, con rappresentanti di altre autorità, della festa organizzata per i ventenni di tutto il Ticino. A un certo punto fui avvertito dal commissario della Cantonale Giacomo Brumana, capoposto di Pubblica sicurezza, che avevano trovato un sacco di juta con dentro il cadavere di un uomo. Mi precipitai a Locarno, dove nel frattempo la polizia aveva identificato quel corpo senza vita e questo perché il nome Zylla era scritto sulla biancheria intima. Come venni a sapere dopo, la vittima fu in precedenza ricoverata per cure psichiatriche e l’istituto stampava le generalità dei pazienti sui loro capi di biancheria intima per permetterne il riconoscimento nel caso in cui, scappati dall’istituto, non fossero stati in grado di fornire, incontrando terze persone, nome e cognome». È trascorso mezzo secolo, ma quel 19 settembre del 1971 lui, Luciano Giudici, 82 anni, avvocato, all’epoca procuratore pubblico sopracenerino, che due anni più tardi sosterrà l’accusa al processo per l’assassinio di Egon Zylla, ce l’ha scolpito nella memoria.

Il caso destò un interesse mediatico e di riflesso nella pubblica opinione senza precedenti in Ticino e fuori del Ticino. Come se lo spiega, avvocato Giudici?

Non per niente il giudice Gastone Luvini, presidente della Corte delle Assise criminali, sentite anche le parti, decise per questioni di spazio di celebrarlo non nell’aula penale del Pretorio di Locarno, ma nella ben più ampia sala della Sopracenerina, sempre a Locarno. Soprattutto per la prevedibile massiccia presenza di giornalisti. Parteciparono una cinquantina di cronisti, se non ricordo male, di cui la maggior parte proveniente dalla Germania. Tant’è che si dovette allestire una sorta di sala stampa, con telefoni e telex. Il grande interesse per questo processo era da ricondurre comunque a più fattori.

Per esempio?

Le modalità del delitto, commesso con efferatezza e premeditazione. Zylla venne strangolato e il cadavere infilato in un sacco di juta, gettato in un dirupo dove fu rinvenuto un mese dopo l’assassinio. Un fatto prima di allora mai accaduto in Ticino e ciò turbò i cittadini e le cittadine di questo cantone. Ad alimentare il clamore mediatico contribuirono anche le testate giornalistiche germaniche, per evidenti ragioni: la vittima era di Amburgo e i mandanti dell’assassinio, Wilhelm Geuer e Gisela Kemperdick, che non confessarono mai, erano tedeschi. Poi c’era, penso, il fattore Ascona, in quegli anni frequentata in particolare da artisti e intellettuali germanici: era un’élite culturale, un mondo a parte, rispetto al resto del cantone, vissuto anche da Zylla, Geuer e Kemperdick. Un mondo inizialmente scettico sulla colpevolezza di Geuer e Kemperdick. Infine, ma non da ultimo, a suscitare interesse era il carattere indiziario di questo processo. Anche se dal mio punto di vista, quello dell’accusa, le prove c’erano tutte e la validità del lavoro svolto dalla Polizia cantonale, dal compianto giudice istruttore Fausto Celio e dal sottoscritto venne poi confermata dalla sentenza di condanna per tutti gli imputati. Come disse il presidente della Corte Luvini, gli indizi vanno non solo considerati singolarmente, ma anche e soprattutto nel loro insieme.

Il processo durò addirittura un mese.

Fu indubbiamente lungo e questo anche perché molti furono i testimoni convocati, per essere interrogati e controinterrogati. Decine e decine. In diversi arrivarono dalla Germania, dove avevano già deposto davanti alla polizia tedesca. Un’importante sfilata di testi.

Al processo cosa la colpì in particolare degli imputati?

L’impassibilità di Wolfgang Manser, l’autore materiale del delitto, e di Geuer, uno che aveva fatto la Seconda guerra mondiale nelle file dell’esercito tedesco e che si era fatto tre anni di prigione in Russia, uno con una resistenza fisica e psicologica notevoli. Quando venne arrestato, Manser confessò subito. D’altronde nella sua abitazione a Gordola, a Gordemo per la precisione, sequestrammo calze di nylon simili a quelle usate nel delitto e dei sacchi di juta. Manser, sempre su incarico di Geuer e Kemperdick, avrebbe dovuto uccidere Zylla una settimana prima e questo in Germania, dove la potenziale vittima si era recata. Come però raccontò lui stesso agli inquirenti, Manser non se la sentì di agire in quanto fuori dal suo ambiente. Andò in Germania, incontrò Zyllla, passeggiarono in un bosco e rientrò in Ticino. Confessò, anche se non subito, pure Romolo Stoppini, che chiamò in causa Geuer e Kemperdick come mandanti. I quali invece non confessarono mai. Di Gisela Kemperdick mi colpirono i suoi tentativi di convincimento, anche quando c’erano testimonianze ed elementi fattuali che la contraddicevano in maniera evidente. Ricordo poi che poco prima che la Corte si ritirasse in Camera di consiglio per deliberare, il giudice Luvini le chiese se non fosse stata succube di qualcuno e trascinata di conseguenza nella situazione di cui era chiamata ora a rispondere davanti ai giudici. Esprimendosi in tedesco, rispose: “In nessuna maniera, semmai ero io la persona dominante”.

Quello sul caso Zylla non fu il suo unico grosso processo come magistrato inquirente…

Due anni prima mi ero occupato della sciagura sul lavoro a Robiei. I processi che mi hanno impegnato parecchio sono tre: il caso di Robiei, il caso Zylla e quello legato al cosiddetto Ticinogate, con il processo, nel giugno 2001, a carico dell’allora presidente del Tribunale penale cantonale, coimputato. Quest’ultimo procedimento penale, per il quale venni nominato dal Consiglio di Stato procuratore straordinario, mi ha segnato molto sul piano umano. In tutti questi casi ho sempre proceduto comunque con senso delle istituzioni e con serenità d’animo, convinto con fermezza delle conclusioni a cui approdavo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved