ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

Lugano, lavori notturni in via San Gottardo e in Via Balestra

Dal 12 al 22 dicembre, dalle 20 alle 6 la Divisione spazi urbani eseguirà dei lavori di manutenzione stradale. Anche Ffs aprirà un cantiere dal 12 al 16.
Luganese
5 ore

Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta

Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
5 ore

A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato

Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
10 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
13 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
14 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
14 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
15 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
15 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
16 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
16 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
16 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
16 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
17 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
26.10.2021 - 15:23
Aggiornamento: 27.10.2021 - 11:14

Fermate del trasporto pubblico senza svantaggi per i disabili

Presentato oggi il messaggio per il risanamento delle fermate, volto a eliminare le situazione di svantaggio per persone con disabilità

fermate-del-trasporto-pubblico-senza-svantaggi-per-i-disabili

La fermata del bus Officina Ffs a Bellinzona è stata teatro oggi della presentazione da parte del Dipartimento del territorio (Dt) del messaggio circa il risanamento delle fermate del trasporto pubblico su gomma, volto a eliminare gli svantaggi nei confronti delle persone con disabilità secondo la Legge sui disabili (LDis) del 13 dicembre del 2002. Il suddetto messaggio del 20 ottobre 2021 l’esecutivo stanzia un credito netto di 18 milioni di franchi e autorizza alla spesa di 20 milioni di franchi. L’obiettivo è arrivare a risanare 108 fermate entro il 2024 per un totale complessivo di 400 fermate.

La LDis, entrata in vigore nel 2004, impone che entro il 1° gennaio 2024 tutte le costruzioni e gli impianti esistenti in Svizzera – compresi i veicoli dei trasporti pubblici – tengano in adeguata considerazione le esigenze delle persone con disabilità. Per raggiungere gli obiettivi relativi alle fermate del trasporto pubblico su gomma è necessario un adeguamento dell’infrastruttura, messo in atto di regola con la realizzazione di marciapiedi con bordo speciale di 22 centimetri di altezza che, in combinazione con il sistema di inclinazione laterale dei veicoli, consente di ottenere l’accesso a livello.

Il piano d’azione prevede, in via prioritaria, il risanamento nell’ambito di interventi di sistemazione stradale più ampi già programmati dal Cantone, rispettivamente dai Comuni, ciò che si sta facendo a partire dal 2017, anno di emanazione delle Linee guida cantonali “Concezione delle fermate del trasporto pubblico su gomma”. Anche i programmi d’agglomerato contemplano diverse misure di riqualifica di fermate del trasporto pubblico su gomma, tra le quali figurano i nodi d’interscambio con la ferrovia. In questo ambito si procede anche al loro risanamento ai sensi della LDis. Ciò comporta evidenti vantaggi economici, in quanto il maggior costo per l’adeguamento alle esigenze delle persone con disabilità è relativamente contenuto. In questo modo nei prossimi anni saranno risanate circa 230 fermate che si aggiungono alle circa 50 già presenti sul territorio.

Considerato che in Ticino sono presenti oltre 1’500 fermate del trasporto pubblico su gomma non sarà tuttavia possibile risanarle tutte, in quanto non sarebbe sostenibile, a livello di costi e di impegno.

Per questo motivo, per le rimanenti fermate è stata eseguita una valutazione della proporzionalità degli interventi di adeguamento seguendo una metodologia riconosciuta a livello nazionale anche dalle organizzazioni che rappresentano le persone con disabilità. In particolare viene valutata l’utilità della fermata secondo una serie di criteri, tra cui il potenziale di domanda (numero di persone e posti di lavoro situati nei dintorni), la presenza e la grandezza delle strutture utilizzate da persone con disabilità (istituti per persone con disabilità, case per anziani, ospedali, scuole, servizi), la funzione di interscambio e il numero di utenti. L’utilità della fermata viene successivamente confrontata con i costi di adeguamento ai sensi della LDis.

Al termine del lavoro di approfondimento che ha coinvolto in parte anche i Comuni e le Città interessate, sono state individuate ulteriori 108 fermate prioritarie da risanare suddivise in egual misura tra strade cantonali e comunali. È stata inoltre considerata una certa flessibilità per eventuali ulteriori interventi su singole fermate.

L’investimento complessivo su tutto il territorio cantonale, sulla base di progetti preliminari e di massima, è stimato in 27 milioni di franchi. Il finanziamento avviene sulla base della Legge sui trasporti pubblici (LTPub) che permette al Cantone di finanziare con le stesse modalità interventi previsti lungo strade cantonali e comunali, consentendo un programma di risanamento basato sulle priorità e non condizionato dalla proprietà rispettivamente dalle possibilità finanziarie dei singoli Comuni. La quota cantonale potrà variare tra il 60 e il 70% e sarà stabilita in modo differenziato a seconda della forza finanziaria dei Comuni.

La competenza esecutiva spetta al rispettivo proprietario della strada sulla quale si trova la fermata da risanare. Il Cantone ha tuttavia chiesto ai Comuni e alle Città che dispongono di strutture interne adeguate e che devono già intervenire su fermate su strada comunale, di eseguire in delega la progettazione, come pure il risanamento delle fermate su strade cantonali sul proprio territorio.

Tenuto conto di questa suddivisione dei compiti, il totale lordo a carico del Cantone è pari a 20 milioni di franchi; questo importo, dedotti i contributi comunali di 2 milioni di franchi (incassati laddove il Cantone esegue le opere), rappresenta il credito netto di 18 milioni di franchi

L’obbligo di adeguamento delle fermate ai sensi della LDis è stato colto come un’opportunità per migliorare l’attrattività delle fermate e in generale del trasporto pubblico su gomma. In questo modo, oltre a facilitare l’accesso al mezzo pubblico a persone diversamente abili, in ugual misura potranno beneficiare di questi miglioramenti tutti gli utenti, dagli anziani alle persone con passeggini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved