scuole-musicali-e-costi-alti-in-ticino-i-comuni-danno-poco
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
15 min

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
1 ora

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
2 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
5 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
8 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
13 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
22 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
23 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
23 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
23 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
23 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
23 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
1 gior

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
1 gior

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
1 gior

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
laR
 
23.10.2021 - 05:30

Scuole musicali e costi alti in Ticino: ‘I Comuni danno poco’

Il Consiglio di Stato risponde a 6 deputati: ‘Fondi cantonali in media, ma quelli comunali sono all’8% contro il 42 nazionale. Tematizzeremo la questione’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Risulta evidente che, se il contributo cantonale è mediamente in linea con quello medio intercantonale, il contributo dei Comuni ticinesi è invece complessivamente molto al di sotto della media”. È questo, in soldoni, il senso della risposta che ha dato il Consiglio di Stato alla preoccupata interrogazione interpartitica sui costi che comporta per le famiglie un’educazione musicale per i figli. Costi che in Ticino arrivano a essere il doppio rispetto alla media nazionale, scrissero al governo Maurizio Agustoni (Ppd), Anna Biscossa (Ps), Alessandra Gianella (Plr), Michele Guerra (Lega), Sergio Morisoli (Udc) e Nicola Schönenberger (Verdi) partendo dal rapporto ‘Le scuole di musica della Svizzera (con il Liechtenstein) in cifre’. Infatti, “se nella maggior parte dei cantoni la quota a carico delle famiglie è attorno al 30/40 per cento, in Ticino questa percentuale è del 75”. Questo, per gli interroganti, è uno scoglio non da poco poiché è un sistema “che pone il 75% dei costi a carico delle famiglie e che non consente a tutte di accedere a una formazione musicale di qualità”. Di rimpallo si apre anche un’altra questione, vale a dire che senza gli adeguati fondi alcune scuole non hanno le risorse per pagare i docenti indipendenti seguendo quanto previsto dalle tabelle della Società svizzera di pedagogia musicale, considerando anche la pressione dall’estero di docenti in grado di accettare compensi cui un docente residente non può dire di sì. Il tutto, era il leitmotiv dell’interrogazione, non soddisfacendo – eufemisticamente – l’articolo 67a della Costituzione federale, il quale prevede che la Confederazione e i Cantoni promuovano la formazione musicale.

Il 75% a carico delle famiglie

Nel suo rapporto del 2020 l’Associazione svizzera delle scuole di musica (Assm) ha affermato che il Ticino sarebbe di gran lunga il cantone nel quale gli enti pubblici contribuiscono di meno alla formazione musicale dei giovani. Ebbene, rispondendo alla domanda se ciò corrisponda al vero, il Consiglio di Stato mette qualche puntino sulle i e snocciola i numeri: “I dati presentati dall’Assm mostrano unicamente le voci di ricavo delle scuole di musica in un confronto intercantonale, con la suddivisione delle voci di ricavo presenti sul conto economico delle scuole in contributi ricevuti dal Cantone, contributi ricevuti dai Comuni e tasse d’iscrizione degli allievi. Secondo i dati riportati – scrive il governo – le otto scuole di musica ticinesi che hanno partecipato al sondaggio hanno dichiarato che il 75% dei loro ricavi deriva dalle tasse pagate dagli allievi, il 18% dai contributi cantonali e il 3% dai contributi dei Comuni”. Il dato del contributo cantonale “si attesta poco al di sotto della media intercantonale (21%), ma la raggiunge se si considera il rimborso ai Comuni di un terzo del loro impegno finanziario”. Per contro, “il dato dei contributi comunali è molto al di sotto della media di riferimento, che è del 42%. Dall’esiguità di quest’ultimo dato discende il saldo elevato inerente alla quota a carico delle famiglie ticinesi (75%)”. In breve: se le famiglie ticinesi per l’educazione musicale dei figli in una scuola di musica pagano il doppio rispetto alla media nazionale è (anche e soprattutto) per l’esigua partecipazione ai costi da parte dei Comuni. Pure se il governo annota che “il dato non considera i rimborsi effettuati dai Comuni non alle scuole di musica ma alle famiglie degli allievi, poiché le scuole di musica registrano esclusivamente i contributi che percepiscono direttamente”. Insomma, “confrontando i dati inerenti alle erogazioni notificate dai Comuni e togliendo il rimborso cantonale, i sostegni comunali alle famiglie degli allievi superano comunque di poco i cinque punti percentuali, che aggiunti al 3% rilevato dallo studio porta a un impegno comunale dell’8%”. Ben lontano ancora dalla media, però. E dai dati in possesso del Dipartimento educazione, cultura e sport “si riscontrano differenze sostanziali nell’erogazione di contributi da parte dei Comuni, ma anche all’interno dello stesso Comune: si richiama per esempio il caso di Locarno, dove delle due scuole riconosciute presenti sul territorio (e che hanno partecipato al sondaggio dell’Assm) solo una riceve contributi comunali”.

‘Tematizzeremo la questione invitando a fare di più’

Che fare, quindi? “Un intervento per aumentare significativamente questa quota di finanziamento comunale è senz’altro pensabile, ma arrischia di confrontarsi con le resistenze locali in nome dell’autonomia”, scrive il Consiglio di Stato nella risposta. Ma aggiunge come “va pur detto che, malgrado il rimborso cantonale ai Comuni di un terzo degli aiuti comunali alle famiglie, che quando introdotto intendeva proprio stimolare i Comuni a fare la loro parte, la maggioranza dei Comuni ticinesi dai dati in nostro possesso non eroga contributi: nel 2020 i Comuni che hanno ottenuto un rimborso dal Cantone erano 45”. In questo senso, ad ogni modo, “si concorda con gli interroganti sulla necessità di misure adeguate ed efficaci per coinvolgere i Comuni in modo più propositivo e con maggiori investimenti nel settore”. Il Consiglio di Stato afferma, quindi, “che si farà comunque parte attiva nel tematizzare la questione presso le rappresentanze degli enti locali, invitando i Comuni ad agire laddove non sono attivi e a fare di più dove l’intervento risulta insufficiente”. Per non fare in modo che, come più volte ricordato dall’esecutivo nelle cinque pagine di risposta ai sei interroganti, le lezioni di educazione musicale nella scuola dell’obbligo e in parte nel postobbligo siano l’unico modo che hanno i giovani di avvicinarsi a uno strumento e appassionarsi alla musica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
scuole musica ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved