installiamo-pannelli-fotovoltaici-su-dighe-e-laghi-artificiali
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 min

Il Plr di Lumino in assemblea

La seduta si terrà giovedì 27 gennaio alle 20 nella palestra comunale. Obbligatori certificato Covid 2G e mascherina.
Bellinzonese
14 min

Pistole, coltelli e minacce da gangster

La Corte delle Assise criminali di Bellinzona ha condannato a quasi tre anni un 32enne per estorsione aggravata, truffa e infrazione alla legge sulle armi
Bellinzonese
23 min

Auto in fiamme a Camorino, nessun ferito ma disagi al traffico

È accaduto intorno alle 14 su via Tirada. Il conducente e la passeggera, vedendo del fumo uscire dal vano motore, hanno abbandonato il veicolo in tempo
Mendrisiotto
34 min

Morbio Inferiore festeggia un nuovo centenario

Nino Albisetti, assieme ai due figli, ha accolto nella sua casa la sindaca Claudia Casanova per un brindisi e alcune curiosità sul paese
Ticino
34 min

Aperte le iscrizioni alla scuola per cure infermieristiche

Il termine per inoltrare la richiesta di ammissione è fissato per il 28 febbraio. Organizzati alcuni incontri informativi
Locarnese
46 min

Orari Fart, anche l’Astuti chiede il ritorno alla carta

Locarnese, stando all’associazione utenti dei trasporti pubblici sarebbe stata opportuna una transizione a tappe
Luganese
1 ora

Caslano, ristrutturato l’ufficio postale

Creati nuovi spazi funzionali a riunire le prestazioni fisiche e quelle digitali rivolte alla consulenza e all’accompagnamento della clientela
Gallery
Bellinzonese
2 ore

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
4 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
26.10.2021 - 09:470

‘Installiamo pannelli fotovoltaici su dighe e laghi artificiali’

Con una mozione di Passalia e Dadò il Ppd chiede di prendere spunto da esperienze già presenti a Glarona e in Vallese per la produzione di energia pulita

Installare pannelli fotovoltaici sulle dighe e sui laghetti artificiali, valutando la possibilità che il finanziamento arrivi tramite il Fondo delle energie rinnovabili (Fer). A chiederlo con una mozione inoltrata al Consiglio di Stato sono i deputati del Ppd Marco Passalia e Fiorenzo Dadò che hanno volto lo sguardo a cosa succede oltre Gottardo e chiedono di replicarlo in Ticino. Ponendo l’accento “su un modo alternativo di produrre energia anche in inverno, rifacendosi alle tecnologie consistenti in moduli fotovoltaici da posizionare in verticale sulle dighe e su zattere galleggianti nei laghetti alpini artificiali e in bacini di modulazione”, si legge nell’atto parlamentare. Per i due granconsiglieri popolari democratici “è importante sottolineare che la mozione si riferisce a laghetti artificiali e manufatti costruiti dall’uomo e non a laghi naturali né ad aree già occupate da fauna e flora autoctone”.

Tema dove si è già passati dalle parole ai fatti oltre Gottardo, si diceva. Già, perché “al Muttsee (a 2’500 metri di altitudine) nel Canton Glarona, ad esempio, è appena stato ultimato il progetto che, con queste tecnologie, permette di trasformare una diga in centrale fotovoltaica. L’impianto ha una potenza di 2,2 MW ed è sufficiente per coprire il fabbisogno annuo di elettricità di 740 famiglie”. Ma non solo, perché spostandosi in Vallese “a Bourg-Saint-Pierre, 1’810 metri di altitudine, troviamo un parco solare galleggiante tra le acque del Lac des Toules - scrivono Passalia e Dadò -, un impianto unico al mondo che consiste in pannelli solari galleggianti e in funzione dal 2019”. L’intera struttura “copre meno del 2% della superficie del lago e non disturba né la flora né la fauna acquatiche. Diverse associazioni per la protezione dell’ambiente hanno potuto constatare che la struttura, in questo caso, non perturba l’equilibrio del lago”. La tecnologia in questione, però, “non sembra essere idonea per tutti i laghi alpini”. Ma è (anche) con questi spunti che si può passare dalle tante belle intenzioni a qualcosa di più concreto, e proprio per questo il Ppd “chiede di analizzare e approfondire queste possibilità anche in Canton Ticino” perché “l’approvvigionamento energetico è assicurato principalmente dalle fonti rinnovabili indigene, ossia l’energia idroelettrica, quella fotovoltaica, il calore ambientale, il solare termico e la legna. Per tutto il resto si fa capo a importazioni di gas naturale via tubo e di carburanti e combustibili fossili”. La proposta si concentra sull’energia elettrica prodotta in modi alternativi e a impatto zero, “perché in inverno quando le temperature si abbassano la domanda aumenta e la generazione di energia in Svizzera non è in grado di coprire il maggior fabbisogno. Dipendendo dall’estero”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved