sciopero-per-il-clima-siamo-tornati-e-siamo-tanti
Ti–Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
50 sec

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
50 min

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
58 min

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
1 ora

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
1 ora

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
3 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
3 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
3 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
5 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
5 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
6 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
Bellinzonese
6 ore

Due nuovi defibrillatori automatici esterni a Biasca

Gli apparecchi sono stati posati in prossimità dell’entrata della Scuola dell’infanzia Nord e dell’entrata sud-ovest del Palazzo scolastico
Ticino
6 ore

A2-A13: il governo è soddisfatto per le scelte di Berna

Il Consiglio di Stato si rallegra per le decisione del Consiglio federale d’includere i progetti A2-A13 e PoLuMe nel Programma di sviluppo delle strade
22.10.2021 - 17:120
Aggiornamento : 18:59

Sciopero per il clima: ‘Siamo tornati e siamo tanti’

Alcune centinaia di giovani si sono riunite oggi pomeriggio per denunciare la crisi ambientale

«È arrivato il momento di attivarci e far vedere che ci siamo ancora», ci dice Matilde, 15 anni, membro del gruppo ticinese di Sciopero per il clima. Dopo quasi due anni i giovani sono tornati a manifestare per l’ambiente e l’hanno fatto oggi pomeriggio a Bellinzona all’inno ‘Giù le mani dal nostro futuro’. Erano alcune centinaia (circa 700 secondo gli organizzatori) i partecipanti che da Largo Elvezia hanno raggiunto Piazza Governo muniti di striscioni e megafoni. «C’è ancora tantissima gente che vuole combattere per questa causa. Siamo tornati, e più forti di prima».

Assenza da scuola per protestare: ‘Non è un pomeriggio che cambia il nostro rendimento’

‘Stiamo saltando le lezioni per insegnare a voi qualcosa’, si legge su un cartellone. Infatti per essere presenti al raduno i ragazzi hanno marinato la scuola: «Non è un pomeriggio di assenza che cambia il nostro andamento scolastico», risponde Matilde. «Siamo qui a combattere per tutti, la terra è di tutti. Mettiamo in secondo piano l’egoismo per fare del bene comune. Trovo importante essere un collettivo, lottare insieme». Il Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs) ha rilasciato un permesso speciale per giustificare le assenze degli allievi e delle allieve delle scuole post-obbligatorie che hanno partecipato alla manifestazione senza conseguenze sul rendimento scolastico.

‘Anche in Svizzera alcune fasce della popolazione sono più vulnerabili a eventi meteorologici estremi’

«Oggi stiamo ancora scioperando e questa volta per mettere in luce quelle aree e quelle persone che la crisi climatica la vivono già fin troppo», dice Tessa Viglezio, del coordinamento di Sciopero per il clima Ticino. «L’aumento delle temperature ha mostrato come anche qui in Svizzera alcune fasce della popolazione siano più vulnerabili a eventi meteorologici estremi.” Infatti il tema internazionale di questo raduno sono le ‘Mapa’, che sta per ‘Most affected people and areas’, dunque le regioni e le persone più afflitte dalla crisi climatica.

«La Svizzera è una nazione che sta da tempo iniziando a subire le conseguenze della crisi climatica, si stanno sciogliendo i ghiacciai, ci sono catastrofi come le inondazioni di quest’estate e l’aria è sempre meno respirabile. La politica però continua a non agire e l’economia e la piazza finanziaria vengono lasciate fare, come se non fossero i principali responsabili», sottolinea Gal Abramovich, anche lui membro del coordinamento.

«Giustizia climatica significa capire che non siamo tutte e tutti sulla stessa barca – dichiara Larissa Bison, coordinatrice, durante il suo discorso in Piazza Collegiata –. Vuol dire rendersi conto dei propri privilegi e del proprio ruolo inquinante, e agire di conseguenza». Ecco perché, secondo gli attivisti “la Svizzera deve essere promotrice della lotta alla crisi climatica e spingere le altre nazioni a fare lo stesso”.

Manifestazioni anche in altre città svizzere

Il movimento Sciopero per il clima è sceso in piazza anche in altre città svizzere, come Ginevra, Basilea e Berna. In quest’ultima diverse migliaia di persone si sono riversate nella piazza antistante il palazzo del Parlamento. Tra di esse anche numerosi piccoli gruppi provenienti da località della cintura urbana della capitale svizzera, che con una sorta di cammino a forma di stella si sono poi riuniti sulla Piazza Federale. I vari oratori hanno esortato la politica ad adottare misure sociali ed ecologiche di protezione del clima; gli stessi messaggi figuravano anche sui numerosi striscioni branditi dai dimostranti.

A fine mese la 26esima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

Il 31 ottobre a Glasgow, in Scozia, prenderà il via la 26a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Molte sono le critiche mosse alla comunità globale, dato che numerosi Paesi non hanno rispettato gli impegni presi in materia di protezione del clima. Pertanto, secondo gli esperti, l’obiettivo fissato congiuntamente nel 2015 di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi rimane molto lontano.

Queste manifestazioni a livello internazionale intendono aumentare la pressione sui governi e spingerli ad agire finalmente e ad adottare le misure necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici. Per quanto concerne la Svizzera, il movimento “Sciopero per il clima” si aspetta un maggiore impegno in misure internazionali ambiziose e una rapida riduzione delle emissioni in patria.

Ti–Press
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved