ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
33 sec

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
35 sec

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
16 min

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
1 ora

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
3 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
3 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
9 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
12 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
12 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
12 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
13 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
13 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
13 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
13 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
13 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
14 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
14 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
14 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
14 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
21.10.2021 - 23:23
Aggiornamento: 22.10.2021 - 10:24

Iniziativa Morisoli, il Ps dibatte e non farà referendum

Il pareggio dei conti entro il 2025 agendo prioritariamente sulla spesa al centro del comitato socialista. Sulla reazione, proposte la prossima settimana

iniziativa-morisoli-il-ps-dibatte-e-non-fara-referendum
Archivio Ti-Press

Grande è la confusione sotto al cielo in casa socialista su come si debba affrontare il tema caldo della settimana: il voto con cui il Gran Consiglio, martedì, ha dato il via libera all’iniziativa parlamentare dell’Udc che fissa l’obbligo del pareggio di bilancio entro il 31 dicembre 2025 da ottenere - dopo l’emendamento del Plr - ‘prioritariamente’ agendo sulla spesa. Dalla nebulosa di proposte emerse durante il comitato cantonale del Ps riunito stasera a Bellinzona, entro mercoledì prossimo la direzione dovrà tirar fuori qualcosa di concreto a livello di reazione. Perché in questa nebulosa di concreto c’è invero poco.

Sirica: decisione a maggioranza

Con ordine. A svelare il segreto di Pulcinella, emerso più volte in maniera pubblica e da voci di corridoio in queste ultime 48 ore, è il copresidente Fabrizio Sirica: «Dopo approfondita discussione, e a maggioranza, abbiamo deciso che oggi non è strategico chiamare un referendum su questa modifica di legge prettamente declamatoria. Quello che dobbiamo fare ora è una ferma opposizione nel dibattito istituzionale, contro ogni taglio ai sussidi, ai servizi, al personale e saremo pronti a raccogliere le firme per un referendum contro ogni deleteria concretizzazione da parte della maggioranza borghese». Una sicurezza che ha provato a mettere un ‘Velo di Maya’ davanti alle diversità di vedute all’interno dei piani alti del Ps. Perché da nostre informazioni, infatti, il consigliere di Stato socialista Manuele Bertoli - che non ha potuto partecipare al Comitato in quanto impegnato con la Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione - era per il lancio del referendum contro il decreto targato Udc uscito martedì dal Gran Consiglio. E questo ritenendo, stando sempre a quanto ci risulta, che vada colto, e colto subito, il confronto innescato dalla destra con l’iniziativa di Sergio Morisoli tradottasi nel decreto. Il direttore del Dipartimento educazione cultura e sport era intervenuto pubblicamente sul tema pochi giorni prima del dibattito in Gran Consiglio. Lo aveva fatto con una riflessione apparsa sabato sulla ’Regione’. “Posso capire - ha scritto fra l’altro Bertoli - che l’Udc spinga in questa direzione, mi pare una logica conseguenza della loro ‘visione’ fondata sulla casta dei vincenti, nella quale a vincere sono sempre in pochi e a perdere sono sempre tutti gli altri, malgrado siano ancora in molti a illudersi di far parte dei ‘soci’ della casta. Capisco invece molto meno il sostegno a questa idea da parte dei partiti che si vogliono interclassisti, che in altri tempi esprimevano visioni ben più politiche e meno contabili, mentre oggi sembrano solo accodarsi alle posizioni espresse dal partito del presidente Marchesi”.

Proposte su proposte

Inutile dire che queste parole hanno echeggiato, e non poco alle Scuole nord di Bellinzona stasera. A partire dalla mano della vicecapogruppo Anna Biscossa che si alza per chiedere la parola e affermare che «è molto importante portare questi temi tra la popolazione fin da subito, perché l‘attacco in parlamento è sistematico, organizzato, a cadenza quasi quotidiana ci arrivano proposte per smontare di fatto lo Stato sociale. È importante riuscire a portare questo dibattito in un ambiente più vasto possibile, il referendum sarebbe un buono strumento per farlo». Però c’è un però, perché Biscossa concorda con Sirica: «La proposta è molto aleatoria, quindi sarebbe difficile argomentare in una campagna». E quindi? E quindi ecco la grande confusione sotto al cielo. Perché se Biscossa propone «una petizione per far conoscere quanto sta succedendo sistematicamente in parlamento e le conseguenze che ne derivano», la discussione del comitato cantonale ha portato di tutto un po’.

A partire dalla copresidente Laura Riget: «Lanciare un referendum su una proposta declamatoria e non parla ancora di tagli concreti è difficile, il dibattito sarebbe complicato per la mancanza di concretezza del tema e si combatterebbe solo su visioni ideologiche. In futuro arriveranno proposte concrete, e le combatteremo con i referendum». Intanto? «Dubito che la petizione sia lo strumento più adatto, si potrebbe pensare a una lettera aperta, una conferenza stampa o altre soluzioni?».

Come? Risponde Marina Carobbio: «Sarà importante coinvolgere subito le associazioni che lavorano nel sociale e che potrebbero essere toccate, e non escluderei il lancio della petizione». Tiene ferma la barra il capogruppo in Gran Consiglio Ivo Durisch: «Noi fin da subito abbiamo cercato di portare questo tema fuori dal parlamento, in due giorni abbiamo fatto un rapporto di minoranza dettagliato e grazie alla tematizzazione della stampa il tutto fuori è stato recepito. Trovare una modalità su come portar fuori dal Gran Consiglio questo tema sarà determinante».

E si torna alla domanda di prima, come? Perché ad alzare la mano è anche Pietro Snider ( collaboratore personale di Manuele Bertoli): «Da un lato si propone un Piano di rilancio che va all’attacco con molte misure e che condivido, dall’altro si rimane in difesa su questo tema così importante: se si blocca la spesa, come si troveranno le risorse per questo piano? Qualsiasi aumento delle uscite va a cozzare contro questo decreto. Il tema sarà astratto e aleatorio, ma è politico».

La preoccupazione di Nenad Stojanovic è che «la petizione diventi un esercizio-alibi, tanto per far qualcosa. Ci vuole qualcuno nelle strade e nelle piazze, ma abbiamo la possibilità e la capacità di farlo? Se pensiamo che politicamente sia successo qualcosa di grave allora tanto vale fare un referendum con un dibattito che lì sì raggiunge la popolazione».

Nella nebulosa di cui sopra il deputato Danilo Forini impersona candidamente i dubbi del partito: «Di cuore reagirei subito con un referendum, ma personalmente non me la sentirei di prendere questa responsabilità: sarebbe un azzardo che il nostro partito non può sostenere».

La parola fine la mette Sirica: «La nostra area vale un 25/30%, riusciremmo a raggiungere il 51% in un referendum sapendo di avere tutti gli altri contro?». Domanda retorica, risposta molto meno: no. «Se perdessimo, sarebbe dire loro di andare a tagliare, perché sarebbero forti del fatto che il popolo gli ha dato il mandato per farlo». Quindi, e siamo alla sintesi, «entro mercoledì come direzione arriveremo con una proposta di campagna su questo tema».

Sì a iniziativa sul salario minimo

Il ‘parlamentino’ socialista, stasera, ha inoltre deciso il lancio di un’iniziativa popolare per portare il salario minimo a 21,50 franchi orari e di un’iniziativa parlamentare «per ora abbozzata» che chiede di togliere la deroga di rispettare il salario minimo dove è firmato un Contratto collettivo di lavoro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved