asili-nido-e-servizi-extrascolastici-si-al-potenziamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

In Ticino -13 ricoverati (-2 in cure intense) e un decesso

Calano anche i casi giornalieri. Altri 17 contagi registrati in case anziani, con 22 strutture attualmente con residenti positivi al virus
Locarnese
2 ore

Centovalli, il passaggio di consegne slitta

Armando Maggetti, municipale a interim, proseguirà con il proprio mandato fino alla prossima primavera, prima di cedere il testimone a Cristina Tanghetti
Luganese
3 ore

Carabbia, e i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari criticano il Municipio di Lugano, per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria
Luganese
5 ore

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

C’è un ricorso pendente al Tribunale amministrativo ma i finestroni son già stati posati al numero civico 54 del salotto cittadino
Mendrisiotto
6 ore

Aggregazione, il Distretto prende due strade parallele

Basso e Alto Mendrisiotto si accingono a procedere con studi separati. A seguire Vacallo sono altri quattro Comuni. Novazzano resta indeciso
Ticino
11 ore

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
14 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
15 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
16 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
16 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
16 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
17 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
17 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
18 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
18 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
18 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
18 ore

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
Ticino
18 ore

Visita di cortesia del console d’Italia a Lugano

Gabriele Meucci, appena entrato in carica, ha incontrato per la prima volta le autorità cantonali
Locarnese
18 ore

Losone, lavori Ses e interruzione corrente

Il 28 gennaio l’erogazione sarà brevemente sospesa, nel corso del pomeriggio, tra Caraa Servetta e via San Materno
Locarnese
18 ore

Annullato il Carnevale di Ribellonia a Solduno

Il comitato sta valutando di organizzare al suo posto un evento estivo
Locarnese
18 ore

Riapre la Bottega del Mondo a Cavergno

Dopo la pausa natalizia, riprende l’attività benefica della sede alto-valmaggese
Locarnese
18 ore

Fart, treni soppressi la notte tra Muralto e Camedo

A causa di lavori notturni lungo la linea ferroviaria alcune corse serali verranno effettuate con autobus
20.10.2021 - 20:400

Asili nido e servizi extrascolastici, sì al potenziamento

Il Gran Consiglio aderisce al contropogetto. Linda Cortesi: ‘Accolte le nostre principali richieste, si va verso il ritiro dell’iniziativa’

In una nota degli scorsi giorni il Comitato d’iniziativa, appreso dell’esito del lavoro della commissione parlamentare ‘Formazione e cultura’, aveva definito il controprogetto “un compromesso soddisfacente”. E che se fosse stato adottato “senza modifiche” dal Gran Consiglio, avrebbe ritirato l’iniziativa popolare. Ebbene oggi il parlamento ha pronunciato un verdetto netto, senza appello: con 67 sì, un contrario (il democentrista Paolo Pamini) e due astensioni, ha dato luce verde al compromesso all’iniziativa popolare lanciata nel marzo 2013 - ampiamente riuscita avendo raccolto 9’242 firme, oltre 2’200 di quelle necessarie - denominata ‘Asili nido di qualità per le famiglie’. «Ce l’abbiamo fatta!», esclama la correlatrice del rapporto commissionale Maristella Polli (Plr). Un entusiasmo ampiamente motivato, dice, «perché finalmente siamo arrivati in parlamento con questo importante dossier che aiuterà molto la conciliabilità tra lavoro e famiglia, che spesso porta a fare autentici salti mortali genitori, i quali sempre più spesso fanno capo ad asili nido, servizi extrascolastici o famiglie diurne». Il controprogetto commissionale, spiega Polli, «porterà a sensibili miglioramenti come il rilevamento di copertura e bisogni delle famiglie, il miglioramento dei controlli a tutela del bambino, così come dei criteri di qualità delle strutture sussidiate, miglior riconoscimento del personale, preferenza indigena e rispetto del Contratto collettivo di lavoro». Ed è proprio su questo tema che la deputata liberale radicale annota come «con l’obbligo per le strutture ad osservarlo a partire dal 1° gennaio 2023 che sarà uno dei criteri principali per poter beneficiare dei sussidi, giustamente i salari saranno equilibrati e permetteranno ai nostri giovani di interessarsi a questa professione». Il maggior impatto finanziario per il Cantone si misura in 35mila franchi a struttura circa, che essendo un centinaio porta il totale a 3,5 milioni annui. Che, fino al 2025, l’operazione sarà a costo zero «in quanto coperta dagli attuali finanziamenti». Il sì a questo controprogetto per l’altro relatore Raoul Ghisletta (Ps) è «un passo importante che consolida i nidi e i servizi extrascolastici, rendendo attrattiva la professione e indubbiamente favorisce la conciliabilità lavoro famiglia: in Ticino per quanto riguarda le madri in coppia con figli con meno di 3 anni abbiamo la peggior percentuale di occupazione, oltre il 10% meno della media nazionale».

Speziali: fiscalità alleggerita, socialità rafforzata

Sul fatto che la riforma fisco-sociale abbia contribuito a sbloccare l’annoso dossier, Alessandro Speziali non ha dubbi. «Fiscalità alleggerita, socialità rafforzata» è lo slogan coniato dal deputato e presidente del Plr. Secondo il quale, quanto varato dal Gran Consiglio favorisce «l’occupazione di entrambi i genitori, e in particolare il lavoro della donna, migliorandone anche il potere d’acquisto». Per Lelia Guscio «si giunge finalmente dopo otto anni al voto parlamentare» sull’importante dossier. Otto anni dal lancio dell’iniziativa popolare appoggiata dal sindacato Vpod. «È cambiato l’intero concetto di famiglia: a quella tradizionale - ricorda la parlamentare leghista - si è affiancata quella monoparentale e quella estesa»: il controprogetto risponde alle esigenze di queste realtà. Guscio confida anche in «un maggior coinvolgimento delle aziende» per agevolare la conciliabilità lavoro-famiglia, realizzando al loro interno nidi per l’infanzia.

Il popolare democratico e sindacalista Ocst Giorgio Fonio porta l’adesione «convinta» del proprio gruppo al rapporto Polli/Ghisletta: «Si regolamenta un settore importante come quello degli asili nido e dei servizi extrascolastici, un settore che da tempo chiede un riconoscimento e un sostegno». Grazie alla riforma fiscale e sociale, continua Fonio, «si è riusciti a trovare i fondi per concretizzare il controprogetto, che dà una risposta necessaria e adeguata ai bisogni delle famiglie e che valorizza il personale attivo nelle varie strutture». Secondo Daniela Pugno Ghirlanda (Ps), le misure previste contribuiranno anche a «contrastare la denatalità». Con il sì al controprogetto «si sostiene la famiglia e la società nel suo insieme». Perché «la mancanza di servizi di accudimento accessibili incide su diversi ambiti della società, fra cui quello economico». Accettando il testo commissionale «diamo un primo fondamentale sostegno alle famiglie», sottolinea la parlamentare socialista, che spera nel «ruolo trainante» dei Comuni nella creazione di strutture d’accoglienza. Osserva Alessio Ghisla (Ppd) a proposito della denatalità: «Non basterà a invertire la rotta, ma questo controprogetto rappresenta un buon punto di partenza». Di sicuro, rilancia Cristina Gardenghi dei Verdi, «è un passo avanti verso la conciliabilità famiglia-lavoro e la valorizzazione di coloro che operano professionalmente nelle strutture d’accoglienza». Un controprogetto che avrà «un impatto positivo» anche sulle famiglie, assicura Maura Mossi Nembrini di Più Donne.

Pellegrini: si vada finalmente incontro a chi non affida i figli a terzi

Voce fuori del coro quella del democentrista Edo Pellegrini: «Auspico che si vada finalmente incontro anche alle famiglie che decidono di rinunciare a un doppio reddito e si occupano quindi direttamente dell’educazione dei figli, senza affidarli a terzi. Sul tema è pendente da tempo un nostro atto parlamentare».

De Rosa: la pandemia ha messo ancora più in luce la loro importanza

«In Ticino si constata un cambiamento culturale, sociale e politico che si traduce in un maggior interesse sulle istanze politiche che tendono a una maggior conciliabilità lavoro-famiglia: questa evoluzione ha trovato nella recente riforma fiscale e sociale un volano determinante», sottolinea il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa, per il quale «la pandemia ha messo in luce ancor di più il ruolo fondamentale di nidi e strutture d’accoglienza, come anche il bisogno di avere sul territorio persone impegnate, dimostrando di essere un servizio di prima e assoluta necessità». Quindi, ben venga il potenziamento di nidi e micronidi «che vengono visti come luoghi di apprendimento precoce complementari a famiglia e genitori, che se ben gestito e sviluppato ha riflessi positivi sullo sviluppo dei bambini».

Cortesi: i Comuni aiutino chi non ce la fa

Dopo il netto sì del Gran Consiglio al testo messo a punto dalla commissione, si attende ora il ritiro formale dell‘iniziativa, ritiro che eviterebbe il ricorso alle urne. «Sentirò comunque per correttezza i membri del Comitato d’iniziativa, ma è chiaro che si va verso il ritiro», afferma, interpellata dalla ’Regione’, Linda Cortesi, ex sindacalista della Vpod e prima firmataria dell’iniziativa popolare legislativa lanciata nel 2013. «Il grosso dei punti principali dell’iniziativa è stato recepito dal controprogetto e dopo questo lungo tempo non intendiamo certo frenare un passo che va nella giusta direzione. Ed è anche doveroso far entrare in vigore il contratto collettivo di lavoro che il personale degli asili nido attende da almeno otto anni». Aggiunge Cortesi: «Mi auguro che i Comuni accolgano l’auspicio espresso nel rapporto commissionale di usufruire dei contratti tipo del Cantone per aiutare le strutture che hanno difficoltà nel pagamento degli affitti e/o le famiglie che hanno difficoltà nel pagamento delle rette».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved