ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
20 min

I Matiröö presentano ‘Quand la toca la taca’

Domenica 29 gennaio la compagnia teatrale si esibirà in uno spettacolo offerto dal Comune di Novazzano
Luganese
45 min

Quale futuro per l’aeroporto di Agno?

Organizzata una serata informativa per discutere del futuro dello scalo. Presenti il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Luganese
48 min

Giovane arrestato mentre trasportava eroina

Il fermo è avvenuto agli inizi di questa settimana, l’ipotesi di reato è d’infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacienti
Mendrisiotto
3 ore

È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito

Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
4 ore

La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale

Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
7 ore

La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa

La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
7 ore

‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’

Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Bellinzonese
12 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
14 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
15 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
16 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
16 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
17 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
18.10.2021 - 15:26
Aggiornamento: 18:15

La conciliabilità al centro della Giornata dei familiari curanti

L’evento cantonale del 28 ottobre sarà dedicato alle aziende come partner della promozione della conciliabilità fra lavoro e cura dei familiari

la-conciliabilita-al-centro-della-giornata-dei-familiari-curanti
Ti-Press

La Giornata dei familiari curanti 2021 sarà dedicata in Ticino a un tema sul quale ultimamente sono state prese iniziative rilevanti, ovvero la conciliabilità tra l’attività lavorativa e l’assistenza alle persone della famiglia più vulnerabili. Per il Dss, che ricorda come due terzi dei familiari curanti siano impegnati in un’attività lucrativa, nella maggior parte dei casi a tempo pieno, “conciliare l’assistenza a una persona cara con gli impegni lavorativi richiede un importante sforzo, sia al collaboratore, sia al suo datore di lavoro”. Per facilitare questa conciliazione, nel 2021 sono stati introdotti un congedo di assistenza breve e un’indennità per i genitori che devono occuparsi dei figli con gravi problemi di salute. La nuova legge federale sul miglioramento della conciliabilità tra attività lavorativa e assistenza ai familiari “rappresenta un importante traguardo e giunge in un momento in cui i familiari curanti hanno dato ulteriore conferma del proprio fondamentale ruolo nella cura delle persone più vulnerabili”.

28 ottobre, prendersi cura di chi cura, anche sul posto di lavoro

A fronte dei rilevanti cambiamenti introdotti, l’evento cantonale di giovedì 28 ottobre, che vedrà la partecipazione dei consiglieri di Stato Raffaele De Rosa e Christian Vitta, sarà dedicato alle aziende, che nel comunicato del Dss vengono indicate come “uno dei principali partner nella promozione della conciliabilità e del benessere del collaboratore-familiare curante”.

L’evento, organizzato dal Dipartimento della sanità e della socialità con la partecipazione del Dipartimento delle finanze e dell’economia, si svolgerà all’Auditorium dell’Istituto cantonale di economia e commercio a Bellinzona e vedrà una serie di interventi per discutere le principali sfide, ma soprattutto per dare risalto a quelle realtà che hanno saputo trovare un ponte tra cura e lavoro. La giornata cantonale è parte dell’iniziativa intercantonale “30 ottobre, Giornata dei familiari curanti”, alla quale il Cantone Ticino ha aderito nel 2019.

Come ogni anno, il calendario degli eventi è arricchito da numerose proposte degli enti partner della Piattaforma cantonale familiari curanti.

A tutte le persone che si prendono cura di un familiare, il Dss dedica inoltre il nuovo opuscolo informativo, che contiene informazioni, consigli pratici e contatti utili per la gestione quotidiana del ruolo di familiare curante.

Il messaggio dei consiglieri di Stato dei nove Cantoni che aderiscono all’iniziativa:

La pandemia di Covid-19, con cui siamo confrontati dalla primavera del 2020, all’interno di un contesto molto difficile ci ha spinti a rafforzare i legami di solidarietà nei confronti delle persone più vulnerabili, mettendo pienamente in luce il ruolo fondamentale svolto dai familiari curanti nella nostra società.

La nuova Legge federale concernente il miglioramento della conciliabilità tra attività lucrativa e assistenza ai familiari, del 20 dicembre 2019, assume in questo senso una valenza notevole, consentendo ai familiari curanti di disporre di un congedo pagato: fino a tre giorni per prendersi cura di un membro della famiglia a seguito di un incidente o di una malattia, oppure di 14 settimane per genitori di bambini gravemente malati o vittime di un incidente.

A livello cantonale, attraverso numerosi progetti, la nostra attenzione è concentrata sul riconoscimento del ruolo di familiare curante e su una sempre migliore integrazione delle sue specifiche competenze all’interno dell’ambito socio-sanitario. La pandemia ha dimostrato che i familiari curanti rappresentano un sostegno essenziale per le persone che essi assistono; ci adoperiamo quindi per sostenerli nei diversi compiti che devono assumersi nella loro funzione.

In segno di riconoscenza per l’imprescindibile contributo sociale offerto dai familiari curanti, si è deciso di dedicare loro la giornata del 30 ottobre. In questo modo desideriamo esprimere la nostra gratitudine a tutti i familiari curanti per l’impegno e la presenza costante nei confronti delle persone che assistono quotidianamente.

I consiglieri di Stato: Mauro Poggia (GE), Rebecca Ruiz (VD), Anne-Claude Demierre (FR), Nathalie Barthoulot (JU), Laurent Kurth (NE), Mathias Reynard (VS), Raffaele De Rosa (TI), Pierre Alain Schnegg (BE), Peter Peyer (GR).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved