ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 min

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
1 ora

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
1 ora

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
1 ora

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
1 ora

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
2 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
2 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
3 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
3 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
3 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
3 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
laR
 
15.10.2021 - 16:55
Aggiornamento: 26.03.2022 - 15:43

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’

i-40-anni-da-sindacalista-di-ambrosetti-in-un-libro
Ti-Press
Renzo Ambrosetti (sinistra) e Marco Tognola

«Un viaggio nel tempo per capire cosa sono stati il sindacato e la nostra società in questi quarant’anni». Il giornalista Marco Tognola definisce così il libro che ha curato sulla figura di Renzo Ambrosetti. La pubblicazione, dal titolo ‘Dalla parte giusta’ ed edita da Fontana edizioni, ripercorre gli anni dal 1978, quando Ambrosetti è stato assunto come funzionario della Flmo a Lugano, al 2015, quando ha lasciato la copresidenza nazionale di Unia. Vengono anche toccati altri temi, legati all’impegno politico e alla vita privata. Un periodo che è ora impresso su carta sotto forma di intervista, seguito da alcune testimonianze e documenti. «Il testo non vuole essere un saggio storico, ma una testimonianza, uno spaccato di vita soggettivo», dice lo stesso Ambrosetti. «Spero che possa contribuire a mantenere un po’ di memoria per le giovani generazioni».

‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’

«Renzo ha avuto un ruolo centrale nella storia del movimento sindacale svizzero. Questo in un momento chiave come la nascita di Unia», ricorda Vania Alleva, presidente nazionale del sindacato. «È un grande difensore e promotore dei contratti collettivi di lavoro. Essi permettono di personalizzare per settore e azienda le condizioni di lavoro e di coinvolgere direttamente i lavoratori e le lavoratrici nelle trattative. I Ccl sono al centro del nostro impegno e vengono ora di nuovo attaccati da forze liberiste. Ci criticano a causa del nostro patrimonio, ma in realtà vogliono osteggiare la protezione dei salari».

Grandi cambiamenti

Nei decenni raccontati nel libro i cambiamenti economici, politici e sociali sono stati «dirompenti, con alcune fasi estremamente rapide – ricorda Ambrosetti –. L’inizio della mia attività è stato contraddistinto ancora dalla scia degli anni del dopoguerra. Era raro che un’azienda lasciasse a casa personale e se proprio era necessario si trovava facilmente un posto ai lavoratori in questione. Poi le dinamiche sono cambiate e i primi shock si ebbero quando i licenziamenti toccarono centinaia di persone, come nel caso della Monteforno. Eravamo un po’ smarriti, non sapevamo bene come affrontare queste situazioni. Increduli erano anche i dirigenti e i dipendenti».

‘La solidarietà all’interno delle associazioni padronali è venuta a mancare’

Altri mutamenti sono stati quelli della posizione dei datori di lavoro, «dei ‘padroni’, come si diceva all’epoca», racconta Ambrosetti. «Questi conoscevano i loro dipendenti, avevano una sensibilità sociale e veniva loro il mal di pancia se dovevano licenziare qualcuno». Con il tempo sono arrivati i manager «catapultati da chissà dove, che non avevano assolutamente nessuna radice, nessun contatto con la realtà locale. Per loro, che dovevano sottostare agli obiettivi aziendali, l’importante era salvare la loro sedia e la remunerazione. Di riflesso è diventato più difficile instaurare un rapporto di partenariato sociale». Riguardo alle associazioni padronali: «Non ci sono più delle controparti con cui adesso si può lavorare in modo concreto. La solidarietà all’interno delle associazioni padronali è venuta a mancare. Ognuno guarda per se stesso e quindi queste organizzazioni hanno meno peso».

‘Se non si uniscono le forze certi risultati non si possono ottenere’

«Parte del testo parla anche del valore delle fusioni, delle aggregazioni», spiega Marco Tognola. «Si sono uniti sindacati molto diversi fra di loro, ma il mondo cambia e giustamente bisogna andare in quella direzione. Se non si uniscono le forze certi risultati non si possono ottenere». Con la realtà che cambiava «si è presentata la necessità di adattarsi, di passare da un sindacato professionale a uno interprofessionale – dice Ambrosetti –. Una delle cose fondamentali era coinvolgere gli associati nella fusione, per far sì che si sentissero ancora a casa. Per farlo è stato necessario l’ascolto, la comprensione. Come sindacalista bisogna voler bene alla gente, avere voglia di passare del tempo con loro».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved