BUF Sabres
3
DAL Stars
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
BOS Bruins
2
WAS Capitals
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
PHI Flyers
0
COB Jackets
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
PIT Penguins
3
OTT Senators
1
1. tempo
(3-1)
NAS Predators
1
WIN Jets
0
1. tempo
(1-0)
EDM Oilers
FLO Panthers
03:00
 
aumentare-le-imposte-non-e-un-opzione
Ti–Press
Sabrina Aldi (Lega)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
6 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
7 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
7 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
7 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
7 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
7 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
7 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
8 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
Luganese
8 ore

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto
Locarnese
8 ore

I semafori intelligenti sull’A2-A13 piacciono a Tcs e Acs

L’Ustra propone un impianto di autoregolazione del traffico per risolvere il grave problema sul Piano di Magadino, in attesa del nuovo collegamento
 
14.10.2021 - 18:120
Aggiornamento : 18:29

‘Aumentare le imposte non è un’opzione’

Sul pareggio di bilancio entro fine 2025 proposto dall’Udc, Aldi (Lega): ‘Urgente agire. Ogni misura dovrà comunque essere approvata dal parlamento’

«Un obiettivo che definisce l’importanza di agire in fretta». Si esprime così la leghista Sabrina Aldi, vice capogruppo in Gran Consiglio, sull’iniziativa Udc di Sergio Morisoli che intende pareggiare il bilancio del Cantone entro fine 2025. Il gruppo ha deciso di sostenere la proposta (il tema sarà in parlamento settimana prossima), questo nonostante lo scetticismo del consigliere di Stato Claudio Zali emerso martedì in Commissione della gestione. Per il leghista agire sulla spesa coinvolgerebbe necessariamente la sanità, la socialità e il personale. Un intervento sarebbe possibile solo tramite la non sostituzione dei partenti. Ma ha ricordato comunque che il Cantone stipendia 10mila persone, un importante contributo al Pil. Aldi rammenta tuttavia che, se l’iniziativa venisse avallata, il parlamento dovrà comunque approvare ogni misura.

Sabrina Aldi, come si pone il gruppo Lega di fronte all’iniziativa dell’Udc?

Siamo consapevoli che c’è un problema a livello di finanze cantonali. Il preventivo non lascia ben sperare. Le soluzioni sono due: o si aumentano le entrate o si riducono le spese. Siamo dell’idea che non è possibile colpire il cittadino in un momento del genere, quindi qualsiasi tipo di aumento delle imposte per noi non è accettabile. La conseguenza logica di questo ragionamento è la diminuzione delle uscite. Sui tipi di interventi da effettuare è necessario discuterne e prendere decisioni puntuali. Ricordo che non si tratta di cambiali in bianco e le misure non dovranno necessariamente tagliare sul sociale.

Non è rischioso accettare un limite temporale? Magari avvicinandosi a quella data ci si rende conto che è necessario un periodo più lungo.

Se verrà accettata l’iniziativa Udc, il Gran Consiglio dovrà comunque accettare le singole misure per rispettare l’obiettivo di fine 2025. Il parlamento è libero di porre una proroga o approvare un altro decreto diverso. Questo termine permette di dire ‘la situazione è urgente, bisogna rientrare in fretta’. Denota infatti l’urgenza nella quale ci si trova alla luce della presentazione dei preventivi.

Arriviamo però da un anno e mezzo particolare.

Non abbiamo la sfera di cristallo e non sappiamo se quelli a venire saranno migliori o peggiori. Quindi bisogna correre ai ripari. Non è mai bello dover ridurre la spesa e nessuno crede che i dipendenti statali non lavorino. È una questione di sforzi e sacrifici che devono essere chiesti un po’ a tutti. In questo momento, secondo noi, non possono essere pretesi da tutti i cittadini con aggravi fiscali. Quindi magari si rinuncia a qualche risorsa, senza lasciare a casa nessuno evidentemente. È vero che ci può essere un maggior impatto su chi rimane, però è ancora il minore dei mali.

Zali ha espresso scetticismo riguardo a un contenimento che toccherebbe necessariamente la sanità e la socialità.

All’interno del gruppo non abbiamo discusso delle esternazioni del consigliere di Stato. C’è una ripartizione di ruoli e ognuno deve fare il suo. Zali ha preso la sua posizione personale e non sta a noi metterla in discussione. Abbiamo parlato delle posizioni che sono presenti ora nel panorama politico: sembra che ci sia una divisione tra chi vuole risparmiare e chi preferisce aumentare la pressione fiscale. Storicamente la Lega è contraria all’aumento delle imposte e lo siamo anche in questo caso. Anzi, in generale favoriamo gli sgravi.

Secondo lei vi sono incompatibilità fra la proposta dell’Udc e la legge sul freno ai disavanzi?

Non vedo problemi. Anche lo stesso freno, come l’iniziativa che voteremo, non permette automatismi. L’ultima parola, sulle singole misure, spetta sempre al Gran Consiglio. Ricordo che il freno ai disavanzi c’è e rimane. Ora andiamo a votare un decreto che è più stringente per un determinato tempo. Al termine di questo periodo torna a essere applicato l’altro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved