un-passo-avanti-ma-il-problema-dello-spopolamento-merita-di-piu
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
7 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
11 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
13 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
15 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
15 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
laR
 
30.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 09:52

‘Un passo avanti, ma il problema dello spopolamento merita di più’

La mozione interpartitica per istituire ‘Mister demografia’ fa discutere. E, per ora, non avrà il Ppd: Dadò: ‘Grazie, ma per noi vanno chiariti dei punti’

«Ringraziamo ma per adesso non firmiamo la mozione. Consideriamo che questa proposta potrebbe essere vista come un passo avanti nella direzione giusta, ma prima vanno chiariti molto meglio gli obiettivi, i mezzi e le competenze che si vogliono dare a questa figura». Il giorno dopo la nostra rivelazione di una mozione interpartitica, nata su spunto del Plr e aperta a tutte le forze politiche, che chiede di istituire un ‘Mister demografia’ che rappresenti una figura di coordinamento, fornitore di idee e stimoli per combattere il preoccupante calo demografico che sta vivendo il Ticino, la reazione del Ppd non si fa attendere. Protagonista sin dall’inizio del dibattito su questo tema, il presidente cantonale Fiorenzo Dadò non ci sta e a colloquio con ‘laRegione’ non nasconde un certo stupore: «Fa un po’ sorridere che il Plr scrive a tutti i dirigenti dei partiti di voler fare qualcosa tutti insieme, chiedendo un parere e poi il giorno dopo ce la ritroviamo su un giornale. Quando vengono fatte le cose insieme, a casa mia si fanno davvero insieme».

La vostra è una porta chiusa, Dadò?

Quando sarà il momento faremo i nostri appunti. Magari iniziando dal cambio della denominazione maschilista: ‘Mister demografia’ è proprio brutto come nome. Partiamo da una constatazione: la crisi demografica è la sfida del secolo, altrettanto epocale di quella sui cambiamenti climatici. Sarebbe bello, ma decisamente irrealistico, pensare di poterla risolvere con la designazione di un funzionario che lavora già per il Cantone.

Insomma, non mi sembra molto convinto.

Un giorno magari si potrà anche fare questo passo, ma prima bisogna capire bene quali sono gli obiettivi e i mezzi che vogliamo mettere a disposizione. Va definito qual è il suo mandato, e poi aperto un concorso pubblico, serio e con un budget preciso per istituire una figura che avrebbe questo compito fondamentale. L’Europa ad esempio ha messo in piedi un programma stratosferico, l’Italia investirà 200 miliardi, la Merkel ha deciso la gratuità degli asili nido… Qui in Ticino? Niente, per ora. Un’altra cosa che ci preoccupa è che alla nostra interrogazione con le colleghe Aldi e Riget è stata data una risposta eufemisticamente insufficiente: questo parla già da solo, è il sintomo che all’interno dell’Amministrazione il problema dello spopolamento e della fuga dei giovani non è recepito o non è considerato come si dovrebbe. Questo è già un motivo valido per ritenere inadeguato che sia qualcuno all’interno dell’Amministrazione a prendere in mano la questione che, ripeto, è di capitale importanza. Ma qui potremmo aprire un altro capitolo.

Quale?

Se oggi c’è qualcuno nell’Amministrazione che avrebbe tutto il tempo da dedicare a un tema così difficile e complesso c’è da chiedersi cosa sia lì a fare o perché non lo stia già facendo.

E secondo lei invece su quali assi dovrebbe muoversi l’azione?

Nessuno di noi è in grado di dirlo. Infatti, in mancanza di una riflessione da parte della politica, ha dovuto muoversi la società civile e più precisamente un’associazione privata, ‘Coscienza svizzera’, che ha organizzato per la fine di ottobre un convegno molto importante con professionisti e studiosi non solo ticinesi o svizzeri, ma anche europei. La politica prima di muovere dei passi dovrebbe perlomeno ascoltare, apprendere e sentire cosa verrà detto dagli specialisti durante questo convegno.

Sullo spopolamento delle valli citato anche dal presidente del Plr Speziali sul nostro giornale cosa ne pensa?

Guardi, lo dico da vallerano che vive da sempre in una valle: il problema dello spopolamento della montagna è abbastanza chiaro e di ben altra natura e proprio lo Stato, smantellando i servizi e accentrando tutto, ha delle grosse responsabilità. Per complicato che sia, non ci sono paragoni. Il calo demografico, la fuga di cervelli, la denatalità e l’invecchiamento dell’età media della popolazione sta diventando un problema serissimo in tutta Europa e non va sminuito tirando in ballo le zone periferiche. Dopo averlo studiato, andrà affrontato con un dispiegamento di mezzi, forze e conoscenze molto importanti.

Le prospettive sono fosche a ogni livello, però.

Prospettive che disegnano presto un cantone di serie B o C e se oggi siamo poco attrattivi di altri a medio termine non lo saremo più del tutto. Assistiamo all’invecchiamento della popolazione, a una forte denatalità, una fuga di giovani e di cervelli, un’immigrazione che è diminuita e a grossi problemi nel mercato del lavoro e, come se non bastasse, un peso specifico nella Confederazione in diminuzione. Un recente studio dell’Università di Losanna, al quale nessuno ha reagito, attesta che tra pochi decenni perderemo due rappresentanti alla Camera del popolo. Ci rendiamo conto? È un pessimo segnale che deve preoccuparci molto. Stentiamo già oggi a farci valere come Ticino, immaginiamoci un domani dove andremo a parare.

Leggi anche:

‘Per combattere il calo demografico creiamo un Mister demografia’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calo demografico fiorenzo dadò gran consiglio ppd spopolamento
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved