KOZLOV S. (USA)
STRICKER D. (SUI)
16:00
 
test-sui-vini-pesticidi-e-metalli-entro-valori-conformi
foto: laboratorio cantonale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
12 min

Fiumi di coca spacciata a Bellinzona: chiesti 4 anni e mezzo

A processo un 47enne campano accusato di aver trattato quasi 1,3 kg di droga. Ma lui respinge l’accusa: ‘Facevo solo da intermediario’
Locarnese
28 min

Locarno, la Città strizza l’occhio al Bio

Le aziende che investono in questo settore beneficeranno di aiuti su un arco temporaneo assai lungo, così da generare una catena virtuosa
Bellinzonese
35 min

Interroll di Sant’Antonino, fatturato e nuove commesse da record

In un anno le vendite sono salite del 20,6% a 640,1 milioni di franchi, mentre le nuove commesse sono aumentate del 43,9% a 788,4 milioni
Locarnese
44 min

Minusio, ‘recuperare i corsi d’acqua’ caduti nel dimenticatoio

La mozione di Massimo Mobiglia e Andrea Branca chiede un progetto generale per interventi generosamente finanziati dalla Confederazione
Ticino
45 min

Pablo Biffi dirigerà la Centrale comune d’allarme

La nomina va a colmare la partenza del capitano Alessio Lo Cicero
Locarnese
54 min

Legge sui sentieri, occorre una proroga della consultazione

Vallemaggia: Germano Mattei, di Montagna Viva, non condivide l’allargamento alle bici rampichino dei contenuti. Invita i patriziati a scrivere al Dt
Bellinzonese
1 ora

Officine a Castione inserite nel Piano settoriale dei trasporti

Lo ha deciso il Consiglio federale che nel documento ha integrato ‘diversi progetti della fase di ampliamento ferroviaria 2035’
Ticino
1 ora

Sviluppo strade nazionali: c’è l’A2-A13, no alla Stabio-Gaggiolo

Il Consiglio federale ha inserito il progetto nel Prostra, il Programma di sviluppo strategico delle strade nazionali. Esclusa invece la Stabio-Gaggiolo
Mendrisiotto
1 ora

Cercansi bagnini responsabili e aiuto-bagnini a Mendrisio

Le candidature sono da inoltrare entro lunedì 28 febbraio per corriere all’Ufficio sport e tempo libero di Rancate
Luganese
1 ora

Letture domenicali in due lingue a Collina d’Oro

Domenica 6 febbraio al Museo Hermann Hesse di Montagnola con tema del giorno “Tra i canali di Venezia”, brani tratti ‘Dall’Italia’
Bellinzonese
3 ore

Il Plr di Bellinzona: ‘Rifare la parte alta di viale Stazione’

Stando a una mozione (primo firmatario Vito Lo Russo) la sistemazione di questo tratto porterà vantaggi ai cittadini, ai turisti e ai commercianti
29.09.2021 - 14:570
Aggiornamento : 15:22

Test sui vini: pesticidi e metalli entro valori conformi

La campagna del laboratorio cantonale è stata condotta su 21 campioni di vini svizzeri e italiani. Rilevate tre dichiarazioni non corrette sul grado alcolico

a cura de laRegione

Il Laboratorio cantonale ha condotto una campagna di monitoraggio del contenuto di pesticidi e metalli particolarmente tossici nei vini di produzione svizzera e di importazione, che ha visto anche la verifica della corretta indicazione del grado alcolico sull’etichetta. L’indagine è stata condotta su 21 campioni di vini (13 rossi, 6 bianchi e 2 spumanti) di cui 16 provenienti dalla Svizzera e 5 dall’Italia di cui uno bio, prelevati sia da importatori e grossisti, sia dalla vendita al dettaglio.

I risultati mostrano valori di residui di pesticidi conformi ai requisiti legali. I vini bianchi hanno mostrato da zero fino a un massimo di due residui. I vini rossi da un minimo di uno fino a un massimo di sette residui, valori tutti in linea con quelli degli anni scorsi. Il contenuto totale medio di residui, ovvero la somma di tutti i prodotti fitosanitari usati per la protezione della vite dalle malattie, è di 165µg/L, in diminuzione rispetto ai dati degli anni passati anche riguardo l’ampiezza dei dati, cioè la differenza dal valore minimo a quello massimo. I pesticidi più utilizzati sono i fungicidi Folpet e Boscalid. Tutti i prodotti rilevati sono conosciuti per il loro largo impiego in viticoltura.

Quanto alla presenza di metalli pericolosi per la salute, essi possono contaminare il vino sia in quanto presenti nel suolo come nel caso dell’arsenico, anche in alcune zone del Ticino, sia in seguito a inquinamento di origine umana come ad esempio per l’uso che se ne faceva in passato nella benzina, o anche attraverso i vari stadi del processo di vinificazione in particolare con l’impiego di particolari materiali filtranti. Nelle analisi effettuate, arsenico e cadmio sono risultati non rilevabili analiticamente o a livelli di assoluto sottofondo in tutti i vini esaminati, mentre il piombo è presente in tracce (in media 0.010 mg/kg) chiaramente sotto al valore massimo.

Tre vini, pari al 14% dei campioni esaminati, sono risultati non conformi all’Ordinanza del Dfi concernente le informazioni sulle derrate alimentari (Oid) per una designazione in «% vol.» non corretta del tenore alcolico effettivo (che si discosta di più dello 0,5 per cento in volume dal valore indicato sull’etichetta), mentre per altri quattro questa indicazione è stata giudicata ancora corretta grazie all’incertezza di misura. L’ordine di grandezza degli scostamenti del tenore alcolico effettivo di tutti i vini esaminati dai rispettivi valori indicati in etichetta sono riportati nel grafico seguente con evidenziati in rosso i valori superiori a ±0,5% vol.

I risultati della campagna, secondo il Laboratorio cantonale, sono “molto confortanti per quanto riguarda la presenza di residui nel vino”, dato che tutti i vini sono risultati conformi. I tenori totali di residui ritrovati nei vini sono in diminuzione rispetto agli anni passati, “probabilmente un primo effetto del lavoro che è stato fatto negli ultimi anni in questo ambito”. Riguardo al numero di residui non si vede ancora una tendenza rispetto al passato. “Va però detto che quest’indagine è parziale e prende in considerazione solo una minima parte dei vini in commercio”, precisa il Laboratorio, aggiungendo che questo tipo di risultato dipende molto dal tipo di vino (ad esempio: monovitigno o assemblaggio). Bene anche il livello molto basso dei tenori di arsenico, cadmio e piombo, quest’ultimo tendente al ribasso già dagli anni 90 in virtù della scomparsa della benzina con l’additivo e dell’impiego di materiali più idonei al contatto alimentare nel processo di vinificazione e imbottigliamento.

“Rispetto alla dichiarazione del tenore alcolico del vino c’è per contro margine di miglioramento” osserva il Laboratorio cantonale che informa che queste verifiche verranno ripetute nei prossimi anni. Per quanto riguarda i residui di prodotti fitosanitari saranno prese in considerazione anche le uve da vino per le quali l’Oaova prevede dei valori massimi specifici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved