per-combattere-il-calo-demografico-creiamo-un-mister-demografia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
1 ora

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’.
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
11 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
12 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
12 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
12 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
13 ore

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
13 ore

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
13 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
13 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
13 ore

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
13 ore

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
14 ore

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
Grigioni
14 ore

Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi

È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz
laR
 
29.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 08:42

‘Per combattere il calo demografico creiamo un Mister demografia’

Su spunto del Plr prende forma una mozione: ‘Aperti a tutti, il tema riguarda l’intero cantone. La figura può essere di coordinamento e sintesi per tutti’

Il calo demografico «è una delle sfide principali che abbiamo di fronte e che dobbiamo vincere», e anche il Plr, dopo Ppd e Ps, vuole essere della partita «in modo propositivo». Lo fa con una mozione, con primi firmatari il presidente Alessandro Speziali e la capogruppo Alessandra Gianella e aperta a tutte le forze in Gran Consiglio, che chiede di dotare il Ticino di un ‘Mister demografia’. Una figura cantonale, si legge nel testo, “che coordini e stimoli le azioni per far fronte al rallentamento demografico”. Per i liberali radicali “è opportuno un approccio attivo e intraprendente”, da sviluppare anche grazie a questo delegato che per il Plr deve avere obiettivi concreti e misurabili: “Monitoraggio dell’evoluzione della situazione demografica; coordinamento di un eventuale tavolo di lavoro sulla demografia; gestione dei rapporti col parlamento con lo scopo di monitorare la coerenza delle proposte e delle misure quali risposte alla crisi demografica, un aspetto importante per orientare l’azione politica; coordinamento e sensibilizzazione interdipartimentale delle possibili misure e della loro realizzazione; fungere da punto d’incontro e di contatto per tutte le forze politiche sul tema e da contatto, e coordinatore, con gli attori esterni alla politica”.

«Il calo demografico sta colpendo tutto il cantone – commenta alla ‘Regione’ Speziali –. Purtroppo è un’emergenza conosciuta da tempo nelle valli, per non parlare delle alte valli dove lo spopolamento sta diventando un fattore sempre più grave. Ma questo fenomeno sta cominciando a interessare anche le città, ed è più di un campanello d’allarme». Insomma, «è un problema di tutto il Paese» e per questo «la proposta di istituire questa figura l’abbiamo estesa a tutte le forze politiche. Ci sono già suggerimenti su come migliorare il testo, o su come porre accenti diversi… Noi siamo assolutamente aperti al dialogo e a delle modifiche, perché riteniamo pericoloso mettere una bandiera di partito su un tema che riguarda tutto il cantone».

‘Una proposta concreta che sarà uno stimolo per i prossimi passi’

Per Speziali questa sorta di delegato alla sfida demografica «può rappresentare un passo concreto per facilitare le prossime tappe del percorso e che può aiutarci a meglio individuarle e scoprire in quali ambiti siamo magari ancora un po’ manchevoli». Secondo il presidente del Plr «è importantissimo avere una bussola. Magari, inconsciamente, siamo già sulla strada giusta. Ma avere una persona che possa aiutarci a scoprirlo, sostenere e coadiuvare un Dipartimento quando vuole iniziare una certa politica, essere un riferimento per un privato che ha qualche spunto anche per la politica può aiutarci davvero». ‘Mister demografia’, afferma ancora Speziali, «potrebbe essere il radar che ci manca, un fornitore di idee e spunti». Questa persona «può essere identificata all’interno dell’Amministrazione cantonale», sottolinea il presidente liberale radicale: «Ci sono tante competenze che possono essere sfruttate e raggruppate. Molti collaboratori validi dispongono delle qualifiche per contribuire agli obiettivi che ci poniamo».

RIENTRO DEI CERVELLI

Raballo: ‘Ticino polo di ricerca e sviluppo’

di Simonetta Caratti

‘Back to Ticino’ è l’interessante slogan della campagna di reclutamento di ‘Accenture Interactive’, l’azienda (leader mondiale nella consulenza in materia di digitalizzazione, tecnologia, trasformazione aziendale), che si è da poco insediata a Lugano e punta a riportare nel cantone profili qualificati. «Siamo pragmatici, cerchiamo chi è andato via, svizzeri formati impiegati all’estero, lo facciamo perché lavorando spesso in collaborazione con l’Università della Svizzera italiana, la Supsi e le autorità cantonali vogliamo contribuire a costruire una realtà solida in Ticino», spiega il direttore Michele Raballo. Il Ticino sarà per Accenture – aggiunge – un importante polo di ricerca e sviluppo nei prossimi anni. «Assumere dipendenti elvetici ha dei vantaggi: sono professionisti che conoscono il territorio, sono ambasciatori che hanno una interessante rete professionale in Svizzera e all’estero». Accenture conta 500mila dipendenti nel mondo e ha diverse sedi in Svizzera. «Assumiamo e assumeremo usando soprattutto canali di reclutamento moderni e campagne social», dice Raballo senza volere dare cifre più precise. I dipendenti devono risiedere in Ticino. «Questa è una politica aziendale, dunque, di regola, niente frontalieri», precisa. Una chance in un cantone dove la fuga di cervelli sta diventando cronica. Se ne vanno in 800 l’anno. Anche giovani molto preparati che, partendo, indeboliscono il potenziale economico del cantone. Se ne vanno per trovare un posto di lavoro che corrisponda alle loro capacità e che sia ben remunerato. In quasi tre decenni sono oltre 9mila i giovani che hanno lasciato il Ticino per trasferirsi in altri cantoni o all’estero. Iniziative come quella di Accenture possono forse invertire questo trend. Quello della fuga dei cervelli è un fenomeno che, ci ha detto il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta nei giorni scorsi (cfr. edizione del 25 settembre) è “monitorato con attenzione”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro speziali calo demografico mister demografia plr
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved