nel-2010-i-cittadini-salvarono-i-giurati-decisione-azzeccata
Filippo Contarini e Ares Bernasconi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
28 min

Sant’Antonino, potrà iniziare il concorso per il nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato il credito per dare avvio al concorso di architettura per la nuova sede della scuola dell’infanzia
Bellinzonese
35 min

La Società federale di ginnastica Biasca in assemblea

Appuntamento per mercoledì 1° dicembre alle 20. Seguiranno ulteriori informazioni e l’ordine del giorno.
Locarnese
42 min

Al Paravento ‘Grazie Guglielmo’ col MarcoZappaQuartet

Con il leader sono di scena nella sala di via Cappuccini a Locarno lo storico compagno Oliviero Giovannoni, più Nic Angileri e Mattia Mantello.
Ticino
1 ora

In Ticino 18 contagi, 7 persone ancora ricoverate

Una classe in quarantena a Gerra Gambarogno. Da venerdi vaccinate 2’396 persone con doppia dose
Locarnese
1 ora

Locarno, nuova auto-medica per il Salva

Il veicolo prioritario, destinato al Servizio specialistico, è entrato in servizio nei giorni scorsi
Mendrisiotto
1 ora

A Breggia partono i lavori di pavimentazione

Da lunedì 25 ottobre al 19 novembre il cantiere lungo la via strada Növa. Disposto un impianto semaforico
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, ‘è giunta l’ora di aprire i negozi la domenica’

Il comandante della Polcom Ivano Beltraminelli è intervenuto all’assemblea dei commercianti innescando un interessante dibattito
Locarnese
6 ore

Tenero-Contra, ‘quel bosco non si tocca’

Il Municipio si oppone al progetto di dissodamento di un terreno sulla sponda destra della Verzasca, che dovrebbe diventare pascolo alberato
Locarnese
6 ore

Terre di Pedemonte, firme a suffragio della zona 30

Una petizione invita l’autorità ad accrescere e rivedere alcune misure di moderazione del traffico all’interno degli abitati
Ticino
15 ore

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
16 ore

Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge

Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
16 ore

Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune

Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Il nucleo di Ligornetto chiude. E fuori tutti in colonna

Mendrisio difende la misura, Stabio la contesta e chiede un tavolo di discussione. Intanto, c’è chi pensa di riportare al voto la popolazione
Luganese
16 ore

Referendum Pse, lo sport si mobilita a favore

Scendono in campo le 140 associazioni per rivendicare la necessità di disporre di infrastrutture adeguate e moderne
Ticino
16 ore

Maltrattamenti, il veterinario cantonale sarà parte civile

Approvato in Gran Consiglio il rapporto della Commissione giustizia e diritti
Ticino
 
23.09.2021 - 05:150
Aggiornamento : 10:13

Nel 2010 i cittadini salvarono i giurati. ‘Decisione azzeccata’

Giustizia, Ares Bernasconi ricorda ‘la battaglia condotta con Filippo Contarini’. Giurie popolari: se ne parlerà domani alla Biblioteca cantonale di Bellinzona

La permanenza dei giudici popolari nelle corti penali ticinesi non era per nulla scontata quando governo e Gran Consiglio cominciarono a lavorare agli adeguamenti organizzativi e normativi cantonali al nuovo codice di procedura, entrato poi in vigore il 1° gennaio 2011. Se i giurati ci sono ancora e continuano ad affiancare i giudici togati lo si deve in prima battuta a una petizione inoltrata nel febbraio 2010 da due giovani giuristi, Ares Bernasconi e Filippo Contarini, all’epoca assistenti di diritto all’università di Lucerna. Secondo Bernasconi e Contarini, la figura dell’assessore-giurato era compatibile con la procedura penale unificata sul piano federale e (anche) per questo motivo andava quindi confermata. Di tutt’altro parere Consiglio di Stato e parlamento. Ritenendo la figura del giudice popolare incompatibile con il codice, non accolsero la petizione. L’accolsero di fatto i cittadini ticinesi, che nella votazione del 28 novembre 2010 respinsero la modifica della Costituzione cantonale caldeggiata dal governo e dalla maggioranza del Gran Consiglio per rimuovere i giurati dalle corti. La figura del giudice popolare venne così mantenuta. Per volontà popolare.

La conferenza pubblica

L’occasione per riparlarne ci è data dalla conferenza pubblica in programma domani sera, inizio alle 18.30, a Bellinzona, alla Biblioteca cantonale. ‘Giurie popolari. Una controversa storia del rapporto fra popolo e giustizia penale’ è il tema su cui interverranno, in qualità di relatori, lo stesso Contarini e il giudice Roy Garré, presidente della Corte dei reclami penali del Tribunale penale federale. L’accesso, indicano gli organizzatori, sarà consentito soltanto “con certificato Covid, documento d’identità e mascherina” (prenotazione consigliata a bcb-cultura@ti.ch).

Col senno di poi, è stato opportuno opporsi alla cancellazione della figura del giudice popolare?

Direi proprio di sì - annota, interpellato dalla ‘Regione’, Ares Bernasconi, oggi cancelliere del Tribunale federale a Lucerna e lui stesso giudice popolare -. Solo grazie alla battaglia che ho condotto con Filippo Contarini è stato possibile salvare questa importante figura che nel Canton Ticino aveva dato buona prova di sé da oltre cento anni, per la precisione dal 1895, nel panorama giudiziario. Del resto, nei Paesi vicini la compartecipazione popolare ai processi penali riguardanti reati gravi non viene messa in discussione da quasi nessuno. Ma torniamo in Ticino. Al di là di un’avversione personale di alcuni politici e magistrati nei confronti del sottoscritto e di Contarini, ricordo soprattutto lo scarso approfondimento scientifico con cui era affrontato il tema. Si insisteva nell’affermare che il nuovo Codice federale di procedura penale vietasse completamente i giurati. A torto. Ad ogni modo i cittadini nella votazione del novembre 2010 decisero di mantenere gli assessori-giurati. I quali, in virtù del nuovo sistema, intervengono obbligatoriamente nei processi di primo grado dinanzi alla Corte delle assise criminali quando il Ministero pubblico intende proporre una pena detentiva superiore a cinque anni. Per i processi tra i due e i cinque anni di pena detentiva la loro presenza è facoltativa: devono partecipare se l’imputato, la vittima o il Ministero pubblico ne fanno esplicita richiesta. Gli assessori-giurati intervengono anche presso la Corte di appello e di revisione penale quando già in prima istanza la sentenza è stata resa con la partecipazione degli assessori-giurati.

Una figura importante quella del giurato, ha sostenuto. Si spieghi meglio.

Occorre ricordare che nelle corti, sia in primo sia in secondo grado, gli assessori giurati sono quattro, più due supplenti, mentre i giudici togati sono solo tre. Gli assessori-giurati restano in maggioranza. Il loro ruolo è dunque di peso e non marginale nell’elaborazione, insieme con i togati, della sentenza. Con l’attuale procedura oserei dire che i loro compiti sono aumentati. Col previgente Codice di procedura cantonale i giurati esprimevano, in camera di consiglio, la loro opinione sul caso al centro del processo soltanto in base alle risultanze del dibattimento. Oggi consultano gli atti prima del processo. Quest’ultimo aspetto sembrava l’ostacolo maggiore al mantenimento degli assessori-giurati. Invece si è rivelato l’elemento forte. I giurati infatti apprezzano molto il fatto di potersi confrontare e soprattutto di riflettere sul caso prima del dibattimento. I giudici popolari ritengono che il Codice di procedura penale del 2011 abbia valorizzato il loro ruolo.

Insomma, secondo lei i timori di alcuni politici e magistrati, che manifestavano perplessità sul mantenimento degli assessori-giurati, si sono rivelati infondati...

Credo di sì. Certo, un procedimento con gli assessori-giurati è meno agile di un processo senza. Anche un tribunale collegiale di soli magistrati ha però dinamiche differenti rispetto a un giudice unico. All’epoca immagino vi fosse una certa paura nell’implementazione del nuovo codice. Il tempo ha tuttavia permesso di trovare le forme migliori per svolgere processi efficienti nel rispetto dei diritti di tutte le parti. Un processo con gli assessori-giurati poteva protrarsi per un mese, oggi durano non più di qualche giorno. Ho poi potuto constatare che gli attuali assessori-giurati sono molto attenti e interessati al loro ruolo. Che il sistema funzioni è dimostrato dai fatti. E in questi dieci anni sia il Tribunale penale cantonale sia la Corte di appello e revisione penale non hanno mai sollecitato apertamente un qualsivoglia intervento del legislatore sulla questione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved