l-aiti-no-all-assoggettamento-dei-ccl-alla-legge
Il direttore dell'Aiti Stefano Modenini (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
2 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
12 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
13 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
13 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
13 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
13 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
14 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
14 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
14 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
14 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
14 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Ticino
15 ore

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’
Mendrisiotto
15 ore

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori
Mendrisiotto
15 ore

‘La Città dia vita a MendrisioNetwork’

Tre consiglieri Lega-Udc-Udf lanciano la proposta nel solco dell’esperienza luganese a favore delle persone in cerca di lavoro
Luganese
15 ore

Lugano ‘non può ospitare persone in fuga da crisi politiche’

In relazione all’emergenza afghana, il Municipio ‘assicura la collaborazione con il Cantone nei limiti concessi dalla Legge sull’asilo’
Locarnese
15 ore

Feri Mazlum, ‘gocce’ di vita alla Biblioteca cantonale

L’autobiografia dell’esponente bahá’í, trapiantato in Ticino dagli anni Sessanta, sarà presentata venerdì 22 ottobre a Palazzo Morettini
Ticino
16 ore

Tre giorni di esercitazione per la Polizia cantonale

L’esercitazione Legione 21 ha avuto lo scopo di mettere alla prova le strutture e le procedure di sicurezza di fronte a una minaccia puntuale
Grigioni
16 ore

È morto Romano Fasani

L’ex sindaco di Mesocco e deputato in Gran Consiglio è deceduto all’età di 77 anni
Luganese
16 ore

Lamone, una serata per ricordare il suffragio femminile

L’appuntamento è organizzato dalla biblioteca comunale di Lamone e avrà luogo mercoledì presso l’atrio delle scuole elementari
Luganese
16 ore

Autogestione, il Municipio rinnova l’appello al dialogo

Nella risposta a un’interrogazione, l’esecutivo di Lugano si dice aperto alla ricerca di una soluzione, ‘indipendentemente dagli eventi occorsi’
Mendrisiotto
16 ore

Accoltellamento all’Osc, ‘è arduo cercare una logica’

Sei mesi di detenzione (sospesi per un trattamento stazionario) a una 35enne che ha ferito un altro ospite dell’alloggio protetto
Bellinzonese
17 ore

Biasca, pattinaggio pubblico durante il fine settimana

Pista aperta alla popolazione sabato 16 ottobre dalle 15.30 alle 18 e domenica 17 dalle 10 alle 12
Ticino
17 ore

Armadietti rinnovati alle stazioni di Bellinzona e Lugano

Di diverse dimensioni, potranno essere aperti con un codice QR senza la necessità di utilizzare una chiave
Luganese
19 ore

Gli ‘Amici della costituzione’ in piazza a Lugano

Domani è prevista una manifestazione dal titolo ‘homo pandemicus, quo vadis?’. Interverranno diversi ospiti.
Ticino
20 ore

Il Dfe a sostegno del collegamento fra start-up e investitori

Il direttore del Dfe prevede di organizzare una Giornata cantonale che avvicini le giovani aziende innovative agli investitori privati
Locarnese
20 ore

Al Monte Verità di Ascona un libro di Mario Botta

Il volume del noto architetto ripercorre la storia dell’Accademia di Mendrisio a 25 anni dalla fondazione
Luganese
21 ore

Lavori sulla cantonale tra Capolago e Bissone

Sono da prevedere disagi al traffico a partire da lunedì. Si potrà circolare su una sola corsia.
Locarnese
21 ore

Muralto, jam session per gli appassionati del jazz

Ritrovo lunedì al Bar Incontro per gli appassionati del genere. Concerto e scambio di esperienze con i musicisti animeranno l’incontro
Ticino
21 ore

In Ticino 22 contagi e un ricovero in più

Fra ieri e oggi sono state vaccinate completamente 980 persone. Una classe in quarantena a Bellinzona, terminate tutte le altre quarantene di classe
Locarnese
21 ore

Alice Bressello, 16 anni, è cintura nera di karate

Notevole traguardo per la ragazza del Karate Club Locarno. Ha superato gli esami sotto la guida dei maestri Melki Toprak e Rikuta Koga (6° e 9° Dan)
Locarnese
22 ore

Gordevio, Caffè riparazione per favorire il riciclo

Martedì il Gruppo genitori Vallemaggia propone l’iniziativa, che si terrà al campo sportivo
Locarnese
22 ore

Locarno, per la Polcantonale un trasloco di sede

Nei prossimi giorni i servizi oggi presenti nel Pretorio di via della Pace 6 saranno trasferiti, provvisoriamente, alla Ferriera
Locarnese
22 ore

Cugnasco, l’alambicco si rimette in marcia

Dal 30 ottobre parte la stagione della distillazione. Soci e interessati possono riservare le date
Locarnese
1 gior

Cloe Ferrari, cronaca di un viaggio a Nord (e ritorno)

La ventenne di Golino, salita su una bicicletta, ha pedalato per circa diecimila chilometri arrivando a Capo Nord, rientrando per i Paesi dell’Est
Bellinzonese
1 gior

Record assoluto di pernottamenti nel Bellinzonese e Alto Ticino

Nei primi otto mesi dell’anno si registra una crescita del 46% rispetto al 2020 e del 6% rispetto al 2019. Juri Clericetti: ‘Dobbiamo fare ancora di più’
Ticino
1 gior

Costi della salute, Ticino sopra la media: 15% in più

Il confronto intercantonale in un recente studio di Santésuisse. Storni: nella perequazione tener conto degli over 80. Farinelli: c’è un’altra strada...
Bellinzonese
1 gior

Brenno Martignoni Polti prende in mano l’Udc di Bellinzona

L’ex sindaco acclamato nuovo presidente dopo le dimissioni di Orlandi travolto dallo scandalo delle targhe
Luganese
1 gior

Crisi a Torricella-Taverne, sindaco e vicesindaco in minoranza

Ambiente teso in Municipio: al vicesindaco Franco Voci è stato tolto il dicastero Educazione e il municipale Lorenzo Montini è stato segnalato alla Sel
Ticino
1 gior

Avvocati praticanti, nuova presidente

Michelle Aleo subentra ad Aleksandra Mikavica. Rinnovato durante la recente assemblea il Consiglio direttivo dell’Agp
Locarnese
1 gior

Tegna, ’Viv Insema’ così non è affatto facile

Il cantiere della cooperativa abitativa si scontra da anni con il vicinato. Lamentele, segnalazioni all’autorità e sopralluoghi esasperano le parti
Mendrisiotto
1 gior

‘Riva San Vitale è un paese molto vivace’

Quattro passi con il sindaco Antonio Guidali alla scoperta delle bellezze del Comune e delle sue sensazioni dopo i primi mesi da sindaco
Mendrisiotto
1 gior

Rapina a un distributore, lievi ferite per la commessa

Il fatto è avvenuto a Novazzano in zona Marcetto. Il malvivente si è fatto consegnare la refurtiva con una pistola. Attualmente è in fuga.
Luganese
1 gior

Mortale di Grancia, si indaga per omicidio intenzionale

La perizia modifica l’accusa nei confronti del 20enne portoghese che provocò il decesso di una 17enne nell’area dei parcheggi dei centri commerciali
Luganese
1 gior

Lugano, ‘il 28 novembre si vota sui costi per la Città’

Il comitato favorevole al Polo sportivo replica ai contrari: ‘Propongono un progetto parziale incompleto che farà perdere quanto speso finora’
Ticino
20.09.2021 - 13:510
Aggiornamento : 14:17

L’Aiti: no all’assoggettamento dei Ccl alla legge

‘Significherebbe snaturare il partenariato sociale’. Contratti collettivi e salari minimi, l’Associazione industrie ticinesi scrive alle aziende affiliate

di Red.

Sull’imminente discussione generale in Gran Consiglio in merito alla legge cantonale sul salario minimo, alla luce del caso delle tre ditte del Mendrisiotto, si esprime l’Associazione industrie ticinesi in un’articolata comunicazione alle aziende associate. “Alcune forze politiche“ scrive l’Aiti, hanno ventilato il lancio di “un’iniziativa popolare per modificare la Costituzione cantonale e assoggettare anche i contratti collettivi di lavoro (Ccl, ndr) alla legge sul salario minimo” oppure la proposta di “una modifica delle forchette salariali” previste dalla legge e questo “a poco più di due mesi dalla sua applicazione!”, considerato che la normativa sul salario minimo entrerà in vigore a dicembre. “Nella misura in cui siamo tutti concordi che le difficoltà di applicazione del salario minimo sono e devono restare una situazione limitata ad alcuni casi, queste proposte a nostro giudizio non si giustificano – afferma l’associazione –. In Svizzera il partenariato sociale ha un valore chiaramente riconosciuto. Sono i partner sociali e non lo Stato a conoscere meglio di tutti gli altri le necessità delle imprese e dei lavoratori e dunque bisogna lasciare a loro lo spazio di manovra per definire insieme le condizioni di lavoro”. Secondo l’Aiti “assoggettare anche i Ccl alle leggi dello Stato significherebbe facilmente snaturare il partenariato sociale e mettere in discussione la continuità dei contratti collettivi di lavoro. D’altra parte, occorre ricordare che la Costituzione federale vieta espressamente la definizione di salari minimi di tipo economico, che sono dunque delegati di fatto alla discussione fra le parti sociali o fra l’azienda e il collaboratore”.

Queste e altre le considerazioni contenute nella comunicazione di queste ore dell’Associazione industrie ticinesi alle imprese affiliate sul tema “Contratti collettivi di lavoro e salari minimi”. Una comunicazione che di seguito riportiamo integralmente.

Il documento

“Pur se non coinvolta nella definizione di un contratto collettivo fra tre aziende a lei associate e un’organizzazione del lavoro denominata TiSin, Aiti – Associazione industrie ticinesi esprime il proprio punto di vista, non senza osservare che sulla questione sono state diffuse diverse inesattezze e sono state pure annunciate proposte di modifica della legge sul salario minimo cantonale, formalmente non ancora applicata, che non hanno alcuna giustificazione. Aiti sottolinea inoltre che la grande parte delle aziende associate non è confrontata al tema del salario minimo perché ha salari superiori.

Aiti sottolinea in particolare che:

  • Come più volte ribadito, il salario minimo riguarda circa 16’000 lavoratrici e lavoratori per circa 230’000 posti di lavoro presenti in Ticino. Per circa 2/3 il salario minimo è percepito da personale residente all’estero.
  • Per circa 3/4 il salario minimo si applica ai settori dei servizi; il settore industriale è toccato più marginalmente. I rappresentanti di altri settori potranno semmai esprimersi nel merito.
  • Sin dalla votazione del 2015 sull’articolo costituzionale proposto dall’iniziativa dei Verdi “Salviamo il lavoro in Ticino”, era noto, perché così proposto, che il salario minimo non sarebbe stato applicato ai contratti collettivi di lavoro di obbligatorietà generale o che prevedono un salario minimo obbligatorio. Il concetto era ed è che in Svizzera si dà precedenza alle parti sociali nella definizione dei contratti di lavoro e che lo Stato deve svolgere un ruolo al massimo sussidiario e di controllo delle condizioni. Il popolo ticinese a maggioranza ha votato l’articolo costituzionale, che prevedeva salari differenziati per mansione e settore e il Gran Consiglio ha successivamente definito la legge di applicazione con una soglia differenziata per settore (di massimo 50 cts) e non per mansione. Scandalizzarsi ora non è giustificato. Non da ultimo, pochi mesi prima, nel 2014, il popolo svizzero e quello ticinese avevano chiaramente bocciato la proposta di un salario minimo uguale per tutti.
  • Sin dalla votazione del 2015 era altrettanto noto quali effetti negativi l’introduzione del salario minimo avrebbe potuto causare, in particolare: maggiore attrazione del mercato del lavoro ticinese per le persone residenti all’estero, minori possibilità di assunzione per il personale meno qualificato. In questi anni Aiti ha fatto presente più volte al Consiglio di Stato, al Gran Consiglio e ai partiti politici, che l’applicazione del salario minimo avrebbe causato questi e altri problemi. Anche se i numeri dimostrano che meno del 10% dei posti di lavoro è toccato direttamente dall’applicazione del salario minimo, a questi posti di lavoro “sotto la soglia” sono legati a senso unico molti posti di lavoro “sopra la soglia”. Quindi era necessario e resterebbe necessario tuttora dare tempo sufficiente alle aziende maggiormente in difficoltà per adeguarsi al salario minimo, tanto più dopo la pandemia, tuttora in corso, che ha aggiunto difficoltà alle difficoltà già presenti.
    È necessario comprendere che è importante mantenere in Ticino l’attività produttiva, perché accanto ad attività meno qualificate ve ne sono molte altre qualificate e molto qualificate. In altre parole, il personale con meno qualifiche convive con il personale maggiormente qualificato e uno ha bisogno dell’altro.
  • Contratti collettivi, dunque firmati dalle parti sociali, che prevedono un salario minimo al di sotto del salario minimo della legge cantonale esistono da tempo in Ticino. Nell’industria si tratta per lo più di un fenomeno che riguarda un gruppo ristretto di aziende, che per tipo di attività hanno al loro interno anche mansioni di fabbrica senza qualifica. Per queste mansioni si trovano salari più bassi, ma complessivamente riguardano una minoranza dell’intera forza lavoro e soprattutto sono delle mansioni che non hanno mai assunto un ruolo sostitutivo nei confronti della forza di lavoro residente. Tuttavia, occorre considerare che anche se si tratta di un numero limitato di imprese, in queste aziende sono comunque attive anche alcune centinaia di persone residenti.
    Sovente i contratti collettivi di lavoro prevedono prestazioni aggiuntive che vanno ad alzare il reddito base. Il datore di lavoro paga il premio di cassa malati o parte del premio del collaboratore; paga una parte del premio di cassa pensione del dipendente, finanzia corsi di formazione non necessariamente direttamente pertinenti con la professione esercitata, ecc. Solo a queste condizioni le parti sociali in genere si mettono d’accordo.
    Se sono già stati firmati contratti collettivi di lavoro che prevedono per i salari di partenza del personale non qualificato dei limiti inferiori a quelli previsti dalla legge sul salario minimo cantonale, è anche perché la parte sindacale prende atto delle difficoltà di alcune aziende più di altre e perché in un contratto collettivo in genere sono previste delle prestazioni aggiuntive che di fatto alzano la retribuzione di base.
  • Registriamo, non senza sconcerto, che diverse persone e organizzazioni di vario genere ritengono accettabile sacrificare decine se non centinaia di posti di lavoro in nome dell’applicazione del salario minimo. Bisogna essere coscienti che queste aziende offrono un buon numero di posti di lavoro retribuiti già sopra la soglia decisa dal Gran Consiglio e occupati anche da residenti. Affermare che queste aziende dovrebbero andarsene, significa accettare il rischio di cancellare molti posti di lavoro sopra la soglia e occupati anche da residenti. Si tratta di collaboratrici e collaboratori di aziende che chiedono alle imprese di poter mantenere il posto di lavoro. Persone che per la gran parte vivono all’estero e che hanno, come tutti, impegni finanziari, famiglia, spese e ipoteche da pagare. Ad esse si aggiungono però anche diverse persone invece residenti sul territorio svizzero. Licenziamenti o delocalizzazioni parziali di attività avrebbero effetti negativi per tutte le lavoratrici e i lavoratori, anche quelli che guadagnano più del salario minimo. Non è una minaccia come alcuni vogliono far credere, ma una mera realtà, che tra l’altro è già avvenuta anche in alcuni casi recenti.
  • In Ticino esiste la libertà d’associazione. Qualsiasi azienda può decidere ad esempio di crearne una con altre aziende e decidere di definire e firmare un contratto collettivo di lavoro con uno o più sindacati. Aiti prende atto della volontà dell’associazione Ticino Manufacturing di fare il possibile per mantenere la produzione delle rispettive aziende in Ticino e non trasferirla all’estero insieme ai posti di lavoro. Registra inoltre il fatto che il contratto collettivo di cui si sta parlando in questi giorni preserva le condizioni previste dagli attuali contratti di lavoro delle aziende coinvolte. Nel nuovo Ccl è stata inserita un’indennità di residenza per il personale che risiede appunto in Svizzera. Ogni contratto di lavoro, nel caso in questione un contratto collettivo di lavoro, deve avere valore legale e le parti sociali devono essere rappresentative e indipendenti l’un l’altra. Queste condizioni sono imprescindibili e devono essere rispettate da ogni parte sociale.
  • Aiti ritiene che queste forme contrattuali debbano restare dei casi specifici e non diffusi, proprio perché tengono conto di specifiche realtà aziendali, che magari sono maggiormente in difficoltà rispetto ad altre per il loro tipo di attività. Difficoltà di cui bisogna tenere conto se vogliamo tutti evitare una perdita di posti di lavoro. Non è il caso per fortuna della maggior parte delle imprese, siano esse associate o meno ad Aiti. Del resto, i numeri menzionati in precedenza dimostrano che oltre il 90% delle lavoratrici e lavoratori ha un salario superiore al salario minimo, e pertanto non dovrebbe esistere l’eventualità. Aiti però considera positivo, ad esempio, che le parti sociali prestino attenzione all’impiego di manodopera residente e ciò sia affermato esplicitamente nei contratti di lavoro.
  • In linea generale, i contratti di lavoro non devono considerare solo gli aspetti di legalità ma anche il contesto nel quale eventualmente la volontà popolare si è espressa. I contratti di lavoro non devono dunque essere utilizzati per aggirare tale volontà. D’altra parte, le leggi dello Stato devono considerare pienamente gli effetti negativi e controproducenti che esse possono causare. Purtroppo, nel caso del salario minimo ciò non è avvenuto.
  • Un’organizzazione come Aiti, che nel 2022 festeggerà i 60 anni di esistenza, è chiamata a tutelare prima di tutto i legittimi interessi delle imprese rappresentate. Questi interessi riguardano in particolare la capacità di fare impresa e di essere competitiva, la cura delle condizioni quadro del territorio, l’innovazione e la formazione e tanto altro ancora. Ad essi si aggiungono condizioni sempre più necessarie e richieste non solo dal personale ma anche dai mercati di sbocco dei prodotti, come la responsabilità sociale d’impresa, la conciliabilità fra lavoro e famiglia e la tutela del territorio e dell’ambiente, il minor consumo di energia.
    Si tratta di ambiti che Aiti sostiene e promuove sempre di più. Aiti si attende pertanto che le imprese che ne fanno parte promuovano condizioni di lavoro appropriate e contratti di lavoro moderni in linea anche con questi obiettivi.
  • Nella misura in cui un contratto collettivo di lavoro non viene definito per venire meno a una legge dello Stato e rispetta anzi le leggi, esso è pertanto legittimo. Ma accanto al rispetto delle leggi vi sono anche gli aspetti di opportunità. Ribadiamo la comprensione per le aziende che vogliono evitare licenziamenti. Aiti ha sempre combattuto il salario minimo perché lo ritiene controproducente e dannoso per le lavoratrici e i lavoratori, per gli aspetti che Aiti ha sempre sostenuto: le soglie, come votato dal popolo, dovrebbero essere differenziate anche per mansione; la soglia decisa dal Gran Consiglio, è troppo alta per alcune mansioni e non rispecchia quanto per anni si è visto in diversi Ccl; ci sarebbe voluto un tempo di adattamento più lungo, partendo da soglie più vicine a quelle proposte dal Consiglio di Stato a suo tempo. Ma a meno che il Tribunale federale approvi i ricorsi contro la legge sul salario minimo cantonale, tale salario minimo è stato approvato dal popolo ticinese ed è diventato legge dello Stato. Bisogna prenderne atto e adeguarsi di conseguenza. Sarà comunque in ultima istanza il Tribunale federale a stabilire se la legge sul salario minimo cantonale così come è stata approvata dal Gran Consiglio è di fatto legale oppure no. Ma anche se non lo fosse, prima o poi comunque una legge cantonale sul salario minimo esisterà.
    Aiti non firma contratti collettivi di lavoro al posto delle aziende; non è legittimata legalmente a farlo. Nella misura in cui le parti sociali dichiarano la volontà di dotarsi di un Ccl, Aiti rispetta questa scelta e la sostiene.
    Aiti è e vuole essere sempre più un’organizzazione industriale moderna, che promuove la cultura d’impresa, la qualità e competitività del settore industriale e condizioni di lavoro moderne e adeguate alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori. Essendo un settore di specializzazioni, l’industria ricerca il personale qualificato e deve essere pronta e capace a offrire condizioni di lavoro appropriate. Non esiste oggi né esisterà in futuro altro modo di fare impresa. È questa la direzione nella quale andrà l’economia; Aiti ne è consapevole e lo sostiene.

Va ricordato che la legge sul salario minimo cantonale prevede il primato dei Ccl, proprio a tutela dei posti di lavoro e della discussione fra le parti sociali. Il momento storico non può non essere considerato. La pandemia è arrivata in contemporanea con la decisione della soglia minima e quindi ha di fatto impedito qualsiasi adattamento a quelle realtà che ne avrebbero avuto bisogno. Non va dimenticato che in queste aziende maggiormente in difficoltà ci sono diverse persone e un cambio repentino, metterebbe in difficoltà molte famiglie (incluse quelle dei molti lavoratori che erano comunque già oggi sopra la soglia).

I contratti collettivi di lavoro, ma in genere ogni forma di contratto di lavoro, devono creare fiducia fra le parti e sono costruiti per durare nel tempo, regolando non solo il salario ma diversi altri aspetti del mondo del lavoro, ugualmente importanti. Chi vuole fare capo a dei contratti collettivi di lavoro deve ispirarsi a questi principi. Ciò vale beninteso per ogni forma di contratto di lavoro.

Il Gran Consiglio prevede a breve termine di discutere nuovamente il tema del salario minimo. Alcune forze politiche hanno paventato di lanciare un’iniziativa popolare per modificare la Costituzione cantonale e assoggettare anche i Ccl alla legge sul salario minimo; oppure di proporre una modifica delle forchette salariali della legge sul salario minimo cantonale già in vigore, a poco più di due mesi dalla sua applicazione!
Nella misura in cui siamo tutti concordi che le difficoltà di applicazione del salario minimo sono e devono restare una situazione limitata ad alcuni casi, queste proposte a nostro giudizio non si giustificano. In Svizzera il partenariato sociale ha un valore chiaramente riconosciuto. Sono i partner sociali e non lo Stato a conoscere meglio di tutti gli altri le necessità delle imprese e dei lavoratori e dunque bisogna lasciare a loro lo spazio di manovra per definire insieme le condizioni di lavoro. Assoggettare anche i Ccl alle leggi dello Stato significherebbe facilmente snaturare il partenariato sociale e mettere in discussione la continuità dei contratti collettivi di lavoro.
D’altra parte, occorre ricordare che la Costituzione federale vieta espressamente la definizione di salari minimi di tipo economico, che sono dunque delegati di fatto alla discussione fra le parti sociali o fra l’azienda e il collaboratore.

Aiti ritiene sia interesse di tutti aiutare le aziende in maggiore difficoltà e difendere così i posti di lavoro; promuovere il settore industriale e le sue eccellenze nelle diverse forme; applicare la legge sul salario minimo cantonale e monitorarne gli effetti per intervenire laddove necessario; ribadire, dati alla mano, che il mercato del lavoro ticinese non è affatto il far west che viene regolarmente e a torto dipinto; sostenere l’innovazione e la formazione aiutando sia le nuove aziende sia le aziende esistenti sul territorio ad accrescere la propria competitività allo scopo di offrire condizioni di lavoro dignitose e moderne; diffondere una cultura d’impresa orientata allo sviluppo armonioso delle attività economiche”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved