permessi-controlli-esagerati-e-pratiche-non-conformi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Ponte Brolla, tiro obbligatorio

Ultima occasione per tutti i militi sabato pomeriggio. Non è invece agibile lo stand dai 25m per la pistola
Locarnese
14 min

Losone, concerto al Meriggio

Domenica, per l’ultimo appuntamento della rassegna ‘PoMeriggio in musica’, si esibiranno Amanda Nesa e Nicolas Mottini
Ticino
51 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 26 contagi in 24 ore

Scende di 4 unità il numero di persone ricoverate negli ospedali ticinesi
Locarnese
52 min

Locarno nelle immagini, nel paesaggio e nella letteratura

Ultimo appuntamento alla Biblioteca cantonale con il ciclo Chilometro zero’ venerdì sera
Luganese
58 min

A Bissone si festeggia san Carpoforo

Alla Messa che sarà celebrata domenica 26 settembre alle 10 sarà presente il vescovo emerito monsignor Giacomo Grampa
Locarnese
59 min

Locarno, la squadra del Salva è pronta

Nel corso dell’Assemblea del Servizio ambulanza nominati i rappresentanti nei vari organi statutari. Lorenzo Tomasetti alla presidenza.
Grigioni
59 min

Il ‘vaxbus’ riparte per un nuovo giro nei Grigioni

L’autobus per le vaccinazione spontanee visiterà altre 38 località. Durante la prima tornata sono state effettuate 3’900 vaccinazioni
Luganese
1 ora

Arrivano le bici, traffico auto deviato a Lugano

In occasione dell’evento ciclistico “Lugano Bike Emotions 2021” che si terrà da sabato 25 a domenica 26 settembre
Locarnese
1 ora

Il PALoc: ‘pensato male e realizzato peggio!’

Duro attacco de I Verdi del Locarnese ai contenuti del piano d’agglomerato. Troppe le soluzioni adottate che non convincono il gruppo
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio può chiudere il nucleo di Ligornetto al traffico

Il Tribunale cantonale amministrativo dà ragione alla Città sulle limitazioni a fasce orarie. Ma Stabio è già pronto ad appellarsi all’Alta Corte
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Don Feliciani: ‘Il cristiano deve fare politica’

In occasione dei suoi primi 20 anni di attività a Chiasso, l’arciprete ha pubblicato il suo quarto libro. Lo abbiamo incontrato
Ticino
13 ore

‘Salario minimo, Ccl e storture: tocca a noi dare la risposta’

Nella discussione generale in Gran Consiglio emerge un asse Ps-Lega. Fonio e Jelmini (Ppd) sulle barricate. Speziali (Plr): ‘Ombre, ma ci sono tante luci’
Bellinzonese
13 ore

Enti autonomi Bellinzona: qualche ombra, tanti ‘sì’

Votati i consuntivi 2020. Il gruppo Lega/Udc sollecita più trasparenza e intraprendenza per Musei e Teatro. Nuova illuminazione per i castelli
Locarnese
14 ore

Ascona, giù gli alberi pericolanti per proteggere la litoranea

Lavori urgenti su due ettari di bosco in zona Moscia, dopo la frana dello scorso 13 agosto
Ticino
 
14.09.2021 - 20:090
Aggiornamento : 22:08

‘Permessi, controlli esagerati e pratiche non conformi’

Oggi la Commissione della gestione ha ricevuto in audizione sindacati e padronato. Emergono resoconti preoccupanti. Modenini: ‘A volte è accanimento’

A quasi un anno dall’audizione - era l’ottobre 2020 - del direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi e di collaboratori della Sezione della popolazione, stamattina è stato il turno di sindacati e organizzazioni imprenditoriali. La commissione parlamentare della Gestione ha ripreso in mano il dossier dei permessi, congelato a causa anche della pandemia, sentendo Unia, Ocst, Associazione industrie ticinesi e Camera di commercio. «Controlli esagerati che finiscono per colpire anche persone che sono qui per lavorare, e pratiche messe in atto dal Cantone al momento del rinnovo dei permessi che sarebbero non conformi alla giurisprudenza, in particolare a quella del Tribunale federale: sono i due aspetti principali emersi dall’incontro», dice alla ’Regione Ivo Durisch, capogruppo in Gran Consiglio del Ps, partito che nel settembre dello scorso anno ha chiesto l’attivazione dell’alta vigilanza da parte del parlamento con l’obiettivo di “fare chiarezza su procedure e prassi adottate dall’Esecutivo": istanza inoltrata in seguito all’inchiesta giornalistica di ‘Falò ’(Rsi) sui (serrati) controlli di polizia in materia di stranieri e sulla (restrittiva) politica del Dipartimento istituzioni in materia di permessi, fra reclami e sentenze del Servizio dei ricorsi del Consiglio di Stato.

‘In un anno non è cambiato molto’

«Sia dalla parte sindacale, sia dalla parte padronale abbiamo avuto la conferma dell’impressione di essere davanti a un sistema messo in atto per mettere il bastone tra le ruote all’economia e ai lavoratori». Il deputato del Plr Matteo Quadranti, tra i primi un anno fa a voler vederci chiaro sulla questione dei permessi, dall’audizione di oggi esce sconfortato. «Gobbi ha detto che avevano aggiustato la prassi, ma oggi ci è stato risposto che le cose stanno andando più o meno come prima», rincara. Con tutto quello che, per Quadranti, ne consegue. Perché «si crea un danno mandando via gente che non ha mai avuto problemi, integrata e che può fare ricorso solo se può permetterselo e sapendo che i tempi di evasione sono lunghissimi». Senza contare, «l’effetto perverso che si crea con chi decide di tornarsene in Italia e fare un permesso G da frontaliere. Con il problema che - rileva Quadranti - se prima con il B o il C pagavano tutte le imposte qui, con i ristorni si ottiene meno. Ci si perde a livello di imposte e a livello di immagine del Cantone, perché se da un lato viene fatta molta promozione sul Ticino come luogo dove insediarsi, dall’altro quando qualcuno arriva il trattamento riservato è questo».

«Noi abbiamo riferito di varie esperienze raccontate ai nostri sportelli, nella speranza che non accadano più anche se in questo ultimo anno grandi passi avanti non sono stati fatti» ci spiega il segretario regionale di Unia Giangiorgio Gargantini. Che alza il tiro: «Adesso, dal governo mi aspetto un sussulto di dignità. Prendano in mano la situazione e dicano che non è più possibile che persone, colleghi, amici, vicini di casa subiscano questo genere di trattamento e queste pressioni». E aggiunge: «Si metta una volta per tutte mano alla situazione. Se sono necessari approfondimenti e perizie si facciano, noi siamo a disposizione perché questa realtà continuiamo a toccarla con mano e riteniamo che il Ticino non la meriti».

‘Gli uffici amministrativi si adeguino’

Afferma il direttore dell’Aiti Stefano Modenini: «I controlli, ci mancherebbe altro, vanno fatti per evitare che sul nostro territorio vi siano soggetti che non hanno diritto a un permesso o addirittura malavitosi ricercarti dalle autorità giudiziarie di altri Paesi. Ma devono essere fatti con equilibrio, affinché non penalizzino gli stranieri che in Ticino lavorano, pagano le imposte e rispettano la legge. Ci sono infatti ancora situazioni che vedono la polizia comunale reiterare i controlli su persone titolari di un permesso di lavoro, ciò che configura secondo noi un accanimento. Se pensiamo poi ai globalisti, persone facoltose che non possono lavorare per statuto, non vediamo che senso abbia chiedergli quanto latte acquistano in un anno per poter dimostrare che vivono qui. Se si tratta di cittadini dell’Ue le regole sottoscritte anche dalla Svizzera stabiliscono che una persona deve risiedere da noi almeno sei mesi all’anno, dove trascorre i restanti sei mesi non deve interessarci. Oppure una persona che chiede il permesso B non deve essere obbligata a portare qui la famiglia, non c’è l’obbligo del ricongiungimento famigliare: al riguardo il Tribunale amministrativo sovente boccia la decisione cantonale di diniego del permesso e dà ragione al ricorrente. È ora che i competenti uffici amministrativi si adeguino».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved