ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Alzheimer, incontri del Gruppo di auto aiuto a Locarno

Riprendono gli appuntamenti per chi vive a diretto contatto con una persona affetta da questo morbo o da altri tipi di demenze
Ticino
1 ora

Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero

Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
2 ore

A Muralto una conferenza sui pittori di Savièse

Conferenza di Jacques Levy a cura dell’Alliance française
Locarnese
3 ore

Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono

Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
3 ore

Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga

Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
6 ore

‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’

Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
6 ore

I terreni abbandonati ora profumano di lavanda

L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
6 ore

Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini

La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
6 ore

Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’

Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
13.09.2021 - 09:54
Aggiornamento: 14.09.2021 - 19:42

Mottarone, il nonno ha riportato Eitan in Israele da Lugano

Passa anche dal Ticino la vicenda del bambino sopravvissuto allo schianto della funivia e portato in Israele senza autorizzazione dal nonno, ora indagato

mottarone-il-nonno-ha-riportato-eitan-in-israele-da-lugano
(Keystone)

Passa anche dal Ticino, e precisamente dall’aeroporto di Lugano-Agno, la vicenda del piccolo Eitan, il bambino sopravvissuto alla tragedia dello schianto della funivia Mottarone-Stresa del 23 maggio scorso, in cui hanno perso la vita i suoi genitori e che è ora al centro di un caso internazionale. Come riportato dal Corriere della Sera e da altri giornali italiani, il bambino sarebbe stato portato in Israele dal nonno paterno con un volo privato dallo scalo luganese a Tel Aviv, contro la volontà della zia paterna Aya Biran, residente in provincia di Pavia e nominata dai giudici tutrice legale, che sostiene che il bambino sia stato rapito.

Stando alla ricostruzione dei fatti, Shmuel Peleg, il nonno 58enne di Eitan, ha prelevato il bambino dalla casa di Travacò Siccomario (Pavia) per una delle visite autorizzate dal giudice, ma successivamente, anzichè riportarlo dalla zia si è diretto verso la Svizzera, per poi imbarcarsi a Lugano verso lo Stato di Israele: la partenza è stata possibile in quanto, e sul perchè c’è ancora poca chiarezza, Peleg era in possesso del passaporto del minore, che avrebbe invece dovuto riconsegnare entro il 30 agosto, come ordinato dal Tribunale di Pavia (ma sulla decisione i legali annunciano di aver presentato ricorso). Lo stesso tribunale, inoltre, aveva inoltre imposto un divieto di espatrio nei confronti del piccolo Eitan, decisione che il nonno sostiene non gli sia mai stata notificata. C’è poi la questione del tampone per il Covid. In base alle norme attuali per l’ingresso in Israele è tassativo un tampone Pcr negativo eseguito non oltre le 72 ore precedenti. Eitan, come il nonno, avrebbe dovuto farlo e con anticipo rispetto al viaggio poi effettuato per essere in grado di entrare in Israele.

Peleg, che ha dichiarato di aver portato Eitan in Israele su sua esplicita richiesta e preoccupato per averlo trovato in “pessime condizioni mentali e fisiche”, è ora indagato dalla Procura di Pavia per sequestro di persona.

La nonna materna: ‘Non c’è stato nessun rapimento, Eitan voleva tornare’

“Non c’è stato alcun rapimento, il bambino voleva tornare in Israele già da tempo". A ribadire la versione dei fatti della famiglia in Israele è Ety Peleg, nonna materna di Eitan. “Le sue condizioni sono pessime e finalmente - ha tuttavia denunciato questa mattina in un’intervista a Radio 103 confermando che il bambino è in cura all’ospedale Sheba di Tel Aviv - dopo 4 mesi i medici vedranno cosa è successo al piccolo. Per 4 mesi non ha visto alcun medico a parte sua zia in Italia che è un medico che si occupa dei detenuti. Per 4 mesi hanno impedito a me e a mio marito Shmuel di consultarci con medici e psicologi".” Adesso - ha proseguito - è sottoposto a consultazioni mediche molto approfondite allo Sheba, inclusa una cura psicologica che doveva essere fatta da tempo e non è stata fatta". "Eitan è il nostro mondo e noi - ha aggiuto - vogliamo essere sicuri che stia bene. E’ l’unica cosa che ci interessa". Ety Pleg ha poi detto che Eitan "non aveva legami con la famiglia di Aya". "Ora - ha concluso - sono io a curarmi di lui”.

Leggi anche:

Cade cabina della funivia Stresa-Mottarone. 14 vittime

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved