mottarone-il-nonno-ha-riportato-eitan-in-israele-da-lugano
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
19 min

Omofobia, denunce per discriminazione. Anche in Ticino

Si riferiscono in particolare a testi e video pubblicati sul web o nel contesto della campagna per l’iniziativa “matrimonio per tutti”
Locarnese
15 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
16 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
18 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
1 gior

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
1 gior

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Ticino
13.09.2021 - 09:540
Aggiornamento : 14.09.2021 - 19:42

Mottarone, il nonno ha riportato Eitan in Israele da Lugano

Passa anche dal Ticino la vicenda del bambino sopravvissuto allo schianto della funivia e portato in Israele senza autorizzazione dal nonno, ora indagato

Passa anche dal Ticino, e precisamente dall’aeroporto di Lugano-Agno, la vicenda del piccolo Eitan, il bambino sopravvissuto alla tragedia dello schianto della funivia Mottarone-Stresa del 23 maggio scorso, in cui hanno perso la vita i suoi genitori e che è ora al centro di un caso internazionale. Come riportato dal Corriere della Sera e da altri giornali italiani, il bambino sarebbe stato portato in Israele dal nonno paterno con un volo privato dallo scalo luganese a Tel Aviv, contro la volontà della zia paterna Aya Biran, residente in provincia di Pavia e nominata dai giudici tutrice legale, che sostiene che il bambino sia stato rapito.

Stando alla ricostruzione dei fatti, Shmuel Peleg, il nonno 58enne di Eitan, ha prelevato il bambino dalla casa di Travacò Siccomario (Pavia) per una delle visite autorizzate dal giudice, ma successivamente, anzichè riportarlo dalla zia si è diretto verso la Svizzera, per poi imbarcarsi a Lugano verso lo Stato di Israele: la partenza è stata possibile in quanto, e sul perchè c’è ancora poca chiarezza, Peleg era in possesso del passaporto del minore, che avrebbe invece dovuto riconsegnare entro il 30 agosto, come ordinato dal Tribunale di Pavia (ma sulla decisione i legali annunciano di aver presentato ricorso). Lo stesso tribunale, inoltre, aveva inoltre imposto un divieto di espatrio nei confronti del piccolo Eitan, decisione che il nonno sostiene non gli sia mai stata notificata. C’è poi la questione del tampone per il Covid. In base alle norme attuali per l’ingresso in Israele è tassativo un tampone Pcr negativo eseguito non oltre le 72 ore precedenti. Eitan, come il nonno, avrebbe dovuto farlo e con anticipo rispetto al viaggio poi effettuato per essere in grado di entrare in Israele.

Peleg, che ha dichiarato di aver portato Eitan in Israele su sua esplicita richiesta e preoccupato per averlo trovato in “pessime condizioni mentali e fisiche”, è ora indagato dalla Procura di Pavia per sequestro di persona.

La nonna materna: ‘Non c’è stato nessun rapimento, Eitan voleva tornare’

“Non c’è stato alcun rapimento, il bambino voleva tornare in Israele già da tempo". A ribadire la versione dei fatti della famiglia in Israele è Ety Peleg, nonna materna di Eitan. “Le sue condizioni sono pessime e finalmente - ha tuttavia denunciato questa mattina in un’intervista a Radio 103 confermando che il bambino è in cura all’ospedale Sheba di Tel Aviv - dopo 4 mesi i medici vedranno cosa è successo al piccolo. Per 4 mesi non ha visto alcun medico a parte sua zia in Italia che è un medico che si occupa dei detenuti. Per 4 mesi hanno impedito a me e a mio marito Shmuel di consultarci con medici e psicologi".” Adesso - ha proseguito - è sottoposto a consultazioni mediche molto approfondite allo Sheba, inclusa una cura psicologica che doveva essere fatta da tempo e non è stata fatta". "Eitan è il nostro mondo e noi - ha aggiuto - vogliamo essere sicuri che stia bene. E’ l’unica cosa che ci interessa". Ety Pleg ha poi detto che Eitan "non aveva legami con la famiglia di Aya". "Ora - ha concluso - sono io a curarmi di lui”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved