la-sottile-linea-tra-precarieta-mestruale-e-studentesca
J. Erard/Unige
Uno dei sedici distributori installati dall’Università di Ginevra
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’

Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
Ticino
6 ore

Refezione scuola infanzia, facoltativa per alcuni allievi

La maggioranza commissionale con il rapporto di Ghisletta
Ticino
7 ore

Ermotti-Lepori: ‘Calcoli fuorvianti’. Filippini: ‘No, legittimi’

È polemica per il rapporto sull’iniziativa che chiede al Cantone un abbonamento Arcobaleno per i deputati che rinunciano al rimborso spese per trasferte
Ticino
7 ore

Preture di protezione, sì al voto preliminare dei cittadini

Riorganizzazione tutorie: la commissione parlamentare firma il rapporto stilato da Luca Pagani e Sabrina Aldi. Sei i correlatori
Ticino
8 ore

‘La lotta al riciclaggio è pane quotidiano per i fiduciari’

Cristina Maderni, presidente della Ftaf, ricorda che la legge è vincolante per chi opera nella gestione dei patrimoni. ‘Ma il tema è di tutta l’economia’
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona, Castles & Go pronta a scattare

Domenica 29 maggio si terrà la prima edizione della corsa podistico-culturale in stile medievale
Mendrisiotto
9 ore

Marito violento condannato anche in Appello

La Corte riduce, però, la pena di tre anni e infligge tre anni e sei mesi. Caduta l’accusa di tentato omicidio
Ticino
10 ore

Nuove tecnologie, la ticinese Arca24 vince un premio in America

Vinta l’edizione 2022 dell’HR Tech Award, organizzato da una società di analisi degli Stati Uniti
Locarnese
10 ore

Il mercato dell’artigianato anima il villaggio di Avegno

Giovedì 26 maggio grazie all’Associazione Artigiani di Vallemaggia. A pranzo risotto e luganighe. Musica con i Gyrumetha
Ticino
10 ore

Allerta temporale, da Russo a Malvaglia (e a Nord del Gottardo)

Il fronte del maltempo dovrebbe portare con sé grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Allarme di intensità rossa
Ticino
10 ore

Pensioni statali e risanamento, ‘rischi dal calo delle Borse?’

Interpellanza di Raoul Ghisletta (Ps): ‘Gli indici sono al ribasso sia in America sia in Europa, cosa fa il governo per evitare perdite enormi?’
Locarnese
10 ore

Una cinquantina di espositori per il ritorno della Brocante

Dal 27 al 29 maggio a Locarno il mercato all’aperto con materiale dal fascino vissuto proveniente da Svizzera, Nord Italia e Liechtenstein
Ticino
10 ore

Un convegno sul consumo eccessivo di alcol

Il Dipartimento sanità e socialità, Ingrado, Ticino Addiction e Radix promuovono una conferenza sui rischi del bere troppo
Locarnese
10 ore

Avanza l’inchiesta sui fatti di Solduno, oggi la ricostruzione

Dopo la consegna della perizia sul ventenne sangallese in aprile, gli inquirenti tornano sul luogo della sparatoria per ricrearne le dinamiche
Luganese
10 ore

‘Il-rispetto-non-ha-età’: la polizia di Lugano gioca d’anticipo

Presentata la campagna di sensibilizzazione ‘mirata a promuovere una serena convivenza tra chi ha il diritto di divertirsi e chi di riposare’
Locarnese
10 ore

Locarno, Alzheimer Café con Anna Margani 

La direttrice di Casa VitaCore, a S. Antonino, proporrà una riflessione sull’accompagnamento nella malattia
Bellinzonese
10 ore

Un successo il ritorno dell’accademia della Sfg Bellinzona

Dopo due anni la Società è tornata a organizzare la manifestazione, tenutasi per la prima volta allo stadio Comunale davanti a un migliaio di persone
Locarnese
10 ore

Il secondo tiro obbligatorio allo stand di Cevio

Mercoledì 25 maggio tra le 16 e le 19, organizzato dalla società Tiratori Vallemaggia
Locarnese
10 ore

Pedemonte, Associazione Amici Tre Terre in assemblea

La riunione si terrà a Cavigliano. Oltre al rendiconto finanziario spazio alle nomine statutarie e a una discussione sulle finanze
Mendrisiotto
10 ore

Porte aperte agli scavi paleontologici sul San Giorgio

Per un giorno si potrà vedere da vicino il lavoro dei ricercatori in uno tra i più importanti giacimenti fossiliferi al mondo
Locarnese
10 ore

Ascona, una conferenza sul linguaggio d’odio

‘Fare male con le parole’ è la tematica dell’incontro organizzato da Agorà Ascona con il direttore delle Biblioteche cantonali, Stefano Vassere
Bellinzonese
11 ore

Biasca, un progetto a sostegno delle famiglie fragili

Mercoledì 8 giugno dalle 20 alla Casa Cav. Pellanda sarà presentata l‘iniziativa ‘Una famiglia per una famiglia’
Locarnese
11 ore

Fermata Tilo: ‘Niente votazione, ma chiedo accorgimenti’

Minusio, Tiziano Tommasini intende rinunciare alla chiamata alle urne contro uno dei due crediti contestati (ma potrebbe doverla confermare)
Mendrisiotto
11 ore

Cade il carcere per il cacciatore che uccise per sbaglio l’amico

I giudici della Corte di appello hanno ridotto e sospeso a 2 anni la condanna per omicidio colposo all’autore, un 53enne del Mendrisiotto
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio, al campo Adorna arrivano le finali di Coppa allievi

L’appuntamento è per questo giovedì. A sfidarsi saranno i migliori giovani calciatori del cantone.
laR
 
14.09.2021 - 05:10
Aggiornamento : 10:26

La sottile linea tra precarietà mestruale e studentesca

Un progetto pilota dell’Università di Ginevra distribuirà tamponi e assorbenti gratuiti per un anno. Alves (Sisa): ‘Un diritto, non un privilegio’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«La difficoltà economica per donne e ragazze di accedere ai prodotti per l’igiene mestruale, anche nota come ‘period poverty’, è un tema di grande importanza che in Svizzera si sta cominciando ad affrontare in particolare nelle scuole dell’obbligo». Questa la reazione di Gloria Dagnino, responsabile scientifica del Servizio pari opportunità dell’Università della Svizzera italiana (Usi), in merito a un progetto pilota lanciato lo scorso 1° settembre dall’Università di Ginevra (Unige) per combattere la precarietà mestruale.

Ascoltare la comunità degli studenti

Attraverso quest’iniziativa, della durata di un anno e promossa dal Service égalité & diversité (Sed) dell’Unige, sono infatti stati collocati sedici distributori di prodotti igienici gratuiti in alcuni luoghi discreti e accessibili di cinque dei principali edifici dell’ateneo. I costi si attestano a 37 mila franchi per due semestri accademici.

Stando a Dagnino, «si tratta di un’idea interessante che risponde a una sollecitazione della comunità studentesca dell’Unige». In effetti, come emerge dal comunicato dell’ateneo romando, con questo progetto il Sed si è impegnato nei confronti di una necessità che “riguarda più del 62% degli studenti dell’istituzione”. Anche se per il momento all’Usi non sono previste iniziative analoghe, prosegue Dagnino, «il nostro Servizio pari opportunità, che tra l’altro dialoga e collabora da molti anni con il Sed, e tutti gli enti coinvolti nella vita studentesca restano in ascolto per recepire questo tipo di esigenze e, laddove possibile, anticiparle».

Una questione di uguaglianza e di salute pubblica

Alla base del progetto ginevrino vi è dunque una questione di uguaglianza e di salute pubblica. La decisione d’installare questi distributori, ha spiegato infatti la direttrice del Sed Juliette Labarthe è dettata dal fatto che “la maggior parte delle persone che frequentano l’Unige sono giovani e in formazione, cioè senza reddito. L’uso di prodotti mestruali dovrebbe essere accessibile a tutti, non un lusso”.

Tutte buone ragioni secondo Rudi Alves, coordinatore del Sindacato indipendente degli studenti e apprendisti (Sisa), che ritiene si tratti «sicuramente di un’iniziativa da espandere al di fuori dei confini ginevrini, oltre che nelle università, anche negli istituti secondari. Chi frequenta le scuole medie e le scuole medie superiori spesso si trova in un periodo in cui si ha a che fare per la prima volta con le mestruazioni. Possono dunque crearsi quelle situazioni di disagio tipiche di quell’età. Comunque sia, non stiamo parlando di un progetto impossibile da attuare, anche perché in alcune scuole pubbliche di altri Cantoni è già una realtà. In tal senso, anche noi come Sisa avevamo rivendicato già tempo fa l’introduzione di tamponi e assorbenti gratuiti nelle sedi di formazione secondaria».

Le università dispongono però di un margine di manovra più ampio rispetto agli istituti cantonali: «Partire dalle scuole terziarie – continua Alves – potrebbe aiutare a fare quel clic parlandone pubblicamente e contribuendo a cambiare mentalità, cosicché si capisca quanto di fatto prendersi cura di sé stessi e del proprio corpo debba essere un diritto e non un privilegio».

Alves evoca poi come assorbenti e tamponi siano tassati al pari di beni di lusso: «Nonostante il Consiglio nazionale abbia approvato la proposta di considerarli come beni di prima necessità abbassandone l’imposta sul valore aggiunto (Iva) al 2,5%, attualmente questi prodotti igienici per le mestruazioni sono ancora soggetti a un’Iva del 7,7% (la revisione della cosiddetta ‘aliquota Iva per i prodotti destinati all’igiene intima femminile’ è tuttora in corso, il Consiglio degli Stati non si è ancora pronunciato in merito, ndr)».

‘Incertezza è instabilità, purtroppo una realtà’

In questo contesto, per l’Università di Ginevra la pandemia ha messo in evidenza la precarietà in cui vivono alcuni studenti, a volte privi di reddito durante la loro carriera accademica. Tendenza registrata anche all’ateneo ticinese, come osserva Dagnino. «Per quanto riguarda le difficoltà economiche che hanno colpito tante famiglie a seguito della crisi sanitaria, nel 2020 l’Usi si è mobilitata con le borse di solidarietà: 95 studenti e studentesse hanno beneficiato di un fondo costituito grazie ai contributi di chi lavora presso il nostro ateneo e a donatori esterni».

Alves conferma che pure il Sisa è stato sollecitato da studenti in situazioni complicate. «Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni relative alle borse di studio. Infatti, vista la mutata situazione finanziaria a causa del lavoro ridotto, dei licenziamenti e via dicendo, avevamo chiesto al Cantone d’intervenire e di aprire uno sportello legato all’aiuto allo studio a cui riferirsi per ricevere più rapidamente un cambio del calcolo per l’ottenimento di queste sovvenzioni. Peraltro, siamo a conoscenza di alcuni studenti che hanno dovuto abbandonare il proprio percorso accademico perché non erano in grado di sopperire ai costi rimasti invariati, al netto di entrate drasticamente inferiori. Questa è purtroppo una realtà», evoca il coordinatore del sindacato.

Tornando al tema della distribuzione gratuita di prodotti mestruali, Alves considera che «un altro indicatore di quanto sia urgente rendere questo tipo di servizio di prima necessità un diritto accessibile a tutti è che circa tre quarti degli studenti esercita un’attività lavorativa parallela agli studi, la cui rimunerazione costituisce il 39% delle loro entrate mensili. Questi dati ci mostrano quanto sia importante per uno studente trovare fonti di guadagno alternative per poter finanziare la propria formazione. Esigenza che però aumenta la precarietà tra studio, lavoro e accessibilità e tutta una serie di servizi che di base dovrebbero essere universali».

La precarietà mestruale si inserisce quindi secondo Alves in una problematica più ampia. «Parlo dell’incertezza e instabilità che troppo spesso caratterizzano i percorsi accademici dei giovani e che comportano l’emergere di numerose faccende difficili da affrontare, come tra l’altro l’indebitamento giovanile. L’estensione dell’accesso gratuito a tamponi e assorbenti dovrebbe essere ricalcato anche su altre tematiche: trasporto pubblico e alloggio sono due esempi di servizi essenziali che devono essere garantiti per portare avanti la propria vita studentesca dignitosamente. Ci sono dunque numerose questioni che dovrebbero essere affrontate maggiormente affinché la precarietà studentesca in generale venga meno».

Rompere un tabù

L’iniziativa dell’Unige mira inoltre anche a rompere e mettere in discussione il tabù delle mestruazioni. Riferendosi a questa problematica e pensando alla pandemia, Alves afferma che «parlare di certi argomenti legati alla sfera intima e sessuale resta tutt’oggi difficoltoso. È assurdo che non si possa affrontare apertamente un fatto così importante nella vita di più della metà della popolazione, il che mette in evidenza quanto ancora sia necessario fare dei passi avanti. Non dimentichiamoci però che le disuguaglianze sociali esistevano e persisteranno anche dopo l’emergenza sanitaria. Perciò è necessario che nelle scuole questo tipo di servizio venga inserito proprio per andare a contrastare l’accesso diseguale alla cura di sé».

Sollecitato anche il Consiglio di Stato ticinese

Sul tema, è stata presentata ieri dalla deputata verde Cristina Gardenghi un’interrogazione al Consiglio di Stato. Insieme a lei, altri cinque cofirmatari verdi e un’esponente del Partito socialista. Prendendo spunto da un progetto pilota ideato dal Dipartimento dell’educazione, gioventù e cultura del Canton Vaud che, dallo scorso 2 giugno, prevede la distribuzione gratuita di prodotti igienici per le mestruazioni in 52 stabilimenti scolastici pubblici, l’interrogazione sollecita il Governo sulla situazione in Ticino in merito al fenomeno della precarietà mestruale. A tal proposito, i sette deputati mirano a fare chiarezza sull’offerta attuale di queste risorse igieniche negli istituti scolastici, ospedali e stabili pubblici del Cantone, ma anche a capire se l’iniziativa potrebbe essere implementata in queste strutture. Un altro punto per il quale sono richieste delle precisazioni riguarda un’eventuale strategia di sensibilizzazione da parte del Consiglio di Stato sull’argomento in quanto tale, sulla garanzia di accesso a prodotti sanitari adeguati e sull’utilizzo di protezioni igieniche più sostenibili, come la coppetta mestruale o gli assorbenti lavabili.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved