ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
51 min

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
51 min

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
3 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
3 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
3 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
9 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
11 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
12 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
13 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
14 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
14 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
14 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
15 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
15 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
15 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
16 ore

Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo

Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Luganese
16 ore

Il gruppo Ps&Si Capriasca si riunisce in assemblea

L’appuntamento è per domenica 12 febbraio a Tesserete
Ticino
16 ore

Dichiarazione di fedeltà alle Leggi per Luca Federico Guastalla

La cerimonia a Palazzo delle Orsoline per il nuovo procuratore pubblico supplente nominato a titolo temporaneo in sostituzione della pp Canonica Alexakis
Ticino
16 ore

‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’

Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
17 ore

Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’

Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
17 ore

Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia

Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
morbio inferiore
17 ore

Dimissioni del vicesindaco, un subentrante entro fine mese

Il Municipio ha dato avvio alla procedura di designazione del successore di Matteo Mombelli
Locarno
18 ore

Voto ai 16enni e agli stranieri, ‘la Città cosa ne pensa?’

Lo chiedono con un’interrogazione al Municipio i consiglieri comunali dei Verdi Buzzi, Machado, Antunovic e Mileto
Mendrisiotto
18 ore

A Morbio Inferiore due giorni per festeggiare il Carnevale

L’appuntamento è per sabato 18 febbraio al campo sportivo e per domenica 19 sul piazzale della casa comunale
Locarno
18 ore

La vita e l’opera di Pietro Morettini alla Biblioteca

Appuntamento giovedì alle 18.15, a Palazzo Morettini. Relatore sarà Marino Viganò, dottore in storia militare
Ticino
19 ore

Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani

La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Mendrisiotto
20 ore

Giovani e sportivi a Chiasso, la gran parte è ticinese

Passate in rassegna le società attive sul territorio comunale, è emerso che gli atleti provenienti dall’estero sono la minoranza
Luganese
21 ore

Cantiere in vista in via Maraini a Lugano

Da lunedì 6 febbraio e per quattro giorni il traffico sarà regolato da agenti di sicurezza
Bellinzonese
21 ore

Le Terre del Ceneri incontrano la Città dei mestieri

Mercoledì 15 marzo porte aperte nelle aziende formatrici del territorio di Cadenazzo, Gambarogno e Monteceneri
Locarnese
22 ore

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
22 ore

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
23 ore

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
23 ore

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
23 ore

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
laR
 
03.09.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:45

Molestie sessuali e mobbing, ecco la nuova Direttiva del governo

In vigore dal 1° luglio, mette nero su bianco la tolleranza zero nell'Amministrazione cantonale. Ma Guerra (Lega): 'Strano saperlo da voi giornalisti'

molestie-sessuali-e-mobbing-ecco-la-nuova-direttiva-del-governo
Ti-Press

Ventuno articoli volti, recita il secondo, a “prevenire e tutelare i collaboratori dell’Amministrazione cantonale da violazioni dell’integrità personale quali molestie psicologiche, sessuali e discriminazioni e di stabilire la procedura da seguire in tali situazioni”. Ventun articoli entrati in vigore, come da risoluzione governativa del 9 giugno, poco più di due mesi fa, il 1º luglio. Ma in sordina. Complice forse la meteorologia bizzarra, che ha spostato l’attenzione su afa e temporali violenti. Complici forse le prime partenze per le agognate ferie. Complice magari il fatto che il parlamento non sia stato (non sarebbe stato) formalmente informato dall’Esecutivo, nonostante si stia occupando del delicato dossier da tempo. Complice il fatto che da parte dello stesso Esecutivo non ci sia stata una presentazione pubblica dell’importante documento. Sia quel che sia, stiamo parlando della ‘Direttiva del Consiglio di Stato concernente le molestie psicologiche, sessuali e le discriminazioni all’interno dell’Amministrazione’. Ha rimpiazzato quella del 1º settembre 2003. Le due direttive differiscono non solo per il numero delle disposizioni: il documento di diciotto anni fa conta dieci articoli. Quella recente ne contiene più del doppio e, sul piano dei contenuti, è assai più dettagliata e ricca di novità. Soprattutto è di strettissima attualità alla luce dell’istanza, pendente nella commissione parlamentare della Gestione, per la precisione nella sottocommissione Finanze, di istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta sulla questione molestie. A proporre, o meglio a riproporre, la Cpi sono il popolare democratico Fiorenzo Dadò, i leghisti Boris Bignasca e Sabrina Aldi e Tamara Merlo di Più Donne dopo la condanna in via definitiva – la sentenza d’Appello non è stata impugnata – dell’ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità per coazione sessuale e per violenza carnale ai danni, nel 2004, di una diciottenne stagista.

Passiamo allora in rassegna alcuni articoli della nuova Direttiva. Il primo è la ‘Dichiarazione di principio’: “Nella sua veste di datore di lavoro l’Amministrazione cantonale promuove relazioni professionali all’insegna del rispetto reciproco. In particolare le molestie psicologiche, sessuali, così come ogni forma di discriminazione, sono vietate e non sono tollerate (...) . Creare un ambiente di lavoro sano e rispettoso è dovere e responsabilità del datore di lavoro e di ogni collaboratore e ognuno è chiamato a dare il proprio contributo in tale direzione. I rapporti tra i collaboratori, ad ogni livello gerarchico, devono avvenire all’insegna del rispetto reciproco ed essere privi di ogni forma di violenza e di atteggiamenti che possano ledere la personalità altrui”. A tutela della salute e dell’integrità personale, il Consiglio di Stato “mette in atto le necessarie misure di prevenzione e di intervento”. La Direttiva, precisa l’articolo 3, si applica “a tutti i dipendenti dell’Amministrazione cantonale, delle Magistrature permanenti, comprese le cariche elettive e al personale ausiliario”. Articolo 4: “L’Amministrazione cantonale, in un’ottica preventiva, sensibilizza e informa i collaboratori e forma i funzionari dirigenti sui comportamenti lesivi dell’integrità personale. I funzionari dirigenti informano i collaboratori sui comportamenti da seguire e vigilano sulla loro applicazione. I collaboratori sono informati sul contenuto della presente direttiva, sulle conseguenze del suo mancato rispetto e sulle procedure da seguire in caso di violazioni”. Il 5 riguarda le definizioni: “Nella presente direttiva s’intende: per molestie psicologiche (mobbing) ogni atteggiamento ostile che altera il clima di lavoro, in particolare comportamenti, parole, atti, gesti, scritti, che si ripetono in modo frequente e per un certo periodo di tempo, che ledono la personalità e la dignità di una persona e la sua integrità fisica e/o psichica, mettendo in pericolo il suo posto di lavoro; per molestie sessuali ogni tipo di comportamento a connotazione sessuale che lede la dignità di donne e uomini”. Le molestie sessuali “si manifestano con atti o comportamenti indesiderati – fisici, verbali o non verbali – che hanno una connotazione sessuale, in particolare: 1. contatti fisici indesiderati; 2. tentativi di avvicinamento abbinati a promesse di vantaggi o minacce; 3. inviti indesiderati che celano intenzioni di ottenere favori sessuali; 4. osservazioni allusive e imbarazzanti a carattere sessuale; 5. presentazione o esposizione di materiale pornografico”. Per “discriminazioni”, continua l’articolo 5, si intende “qualsiasi dichiarazione o azione volta a pregiudicare, trattare in maniera differente o discreditare una persona, senza valido motivo, a causa dell’origine, della razza, del genere, dell’età, della lingua, della posizione sociale, del modo di vita, delle convinzioni religiose, filosofiche o politiche, e di menomazioni fisiche, mentali o psichiche”.

Significativo l’articolo 12, che mira a evitare che i casi finiscano dimenticati in un cassetto o, peggio, che vengano insabbiati. Primo capoverso: “Il collaboratore che si ritiene vittima di molestie o discriminazioni può inoltrare una segnalazione formale al proprio funzionario dirigente e/o all’istanza gerarchica superiore”. Ed ecco il secondo capoverso: “Il funzionario dirigente e/o l’istanza gerarchica superiore informano tempestivamente i servizi centrali del personale e intervengono in collaborazione con essi. I servizi centrali monitorano l’evoluzione della segnalazione”. In base all’articolo 14 i servizi centrali del personale “hanno la facoltà di: a) ascoltare la persona che ha inoltrato la segnalazione formale; b) ascoltare la persona accusata ed eventuali testimoni ritenuti necessari al fine di chiarire la fattispecie; c) analizzare la situazione e valutare le misure da intraprendere; d) valutare la possibilità di ricorrere a una mediazione; e) valutare la necessità di avviare un’inchiesta secondo l’art. 36 segg. Lord (Legge sull’ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti, ndr); f) condurre l’inchiesta secondo le competenze di cui all’art. 42 RDSt (Regolamento dei dipendenti dello Stato, ndr) e proporre al Consiglio di Stato eventuali provvedimenti ai sensi della Lord. Se necessario i servizi centrali del personale possono ricorrere al sostegno di servizi esterni”. Il 15 è intitolato “Obbligo di intervento”: “Il datore di lavoro è chiamato ad adottare tutti i provvedimenti necessari per proteggere i propri collaboratori e ha l’obbligo di intervenire nel momento in cui riceve una segnalazione formale”. Secondo l’articolo 16, “la segnalazione può essere effettuata in forma orale o scritta. Se la segnalazione è orale, i referenti (tra cui il funzionario dirigente, ndr) sono tenuti a redigere una nota scritta”.

Le sanzioni sono contemplate dall’articolo 18: “Chi compie molestie o discriminazioni è passibile dei provvedimenti disciplinari previsti dalla Lord. Chi compie un reato perseguibile d’ufficio è passibile di segnalazione al Consiglio di Stato o al Ministero pubblico in base all’art 31a Lord. È sanzionabile anche chi deliberatamente accusa a torto altri di adottare un comportamento molesto, effettuando segnalazioni manifestamente infondate”.

Bertoli: non è l’unico tassello

«La nuova Direttiva riprende anche, raggruppandole in un solo testo, disposizioni già codificate in altre normative. L’esperienza dirà se questo strumento è valido, sufficiente o insufficiente – osserva il presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli, contattato dalla ‘Regione’ –. Chiaramente la Direttiva non è l’unico tassello sul tema. Un altro è per esempio la formazione. Ricordo poi che come governo stiamo lavorando al codice di comportamento del funzionario pubblico», continua Bertoli. Il quale, tornando alla Direttiva, pone l’accento sul secondo capoverso dell’articolo 12. «L’esistenza di ogni segnalazione è messa quindi a conoscenza dei servizi centrali del personale, che devono seguirne l’iter», sottolinea.

Guerra: strano riceverla dai giornalisti...

«È un po’ strano – afferma il presidente della sottocommissione Finanze Michele Guerra (Lega) – dover ricevere questa Direttiva dai giornalisti e non dal governo. Infatti non c’è stata intimata. E non è il massimo... tenuto conto che sono due anni che stiamo trattando il tema molestie. Quanto ai contenuti del recente documento, si tratta comunque di un passo avanti e qui il Consiglio di Stato ha sicuramente fatto bene. Prima – aggiunge Guerra – c’era la Direttiva ‘Stop molestie’ che dava la possibilità di denunciare abusi a un gruppo chiamato ad analizzare il caso in modo confidenziale a tutela del denunciante. Con la nuova Direttiva – che ho appena letto, perché ricevuta da voi giornalisti – sono state riprese le disposizioni in essere e viene pure formalizzata la via diretta in cui un funzionario può fare una denuncia alle Risorse umane e al proprio funzionario dirigente. Viene pure scritto nero su bianco l’obbligo a carico del funzionario di intervenire. Un elemento certamente notevole e importante. Sarebbe quindi stato opportuno ricevere dal Consiglio di Stato il documento... anche perché, ribadisco, stiamo trattando il tema».

Merlo: ma le valutazioni restano interne...

«Eh? Di che risoluzione stiamo parlando?». Cade letteralmente dalle nuvole la deputata di Più donne Tamara Merlo quando la raggiungiamo per un commento. Il tempo di leggerla e studiarla non le è sufficiente per sbollire: «Trovo veramente triste che non sia stata trasmessa al Gran Consiglio, o anche solo alla Commissione parlamentare della gestione o alla sua sottocommissione Finanze che esercita l’alta vigilanza», dice. E rincara: «È una cosa gravissima. Evidentemente al governo dà fastidio questo tema e si sono dimenticati, diciamo così, di trasmettere questa risoluzione. Noi l’altroieri (martedì, ndr.) siamo stati audizionati dalla sottocommissione e nessuno ne era in possesso».

Ribadito ancora una volta il suo «sconcerto» per questa mancata comunicazione, Merlo entra nel dettaglio della risoluzione e la bocciatura è sonante: «La leggo e mi chiedo se io, ipotetica dipendente pubblica che vive una situazione di mobbing, molestie sessuali o discriminazioni mi sentirei sufficientemente tutelata e tranquilla nel denunciarle. La risposta è tristemente semplice: no». I motivi per Merlo sono tanti, anzi, «troppi». Innanzitutto, «dovrei chiamare il Gruppo stop molestie che è raggiungibile tre giorni a settimana per tre ore al giorno: io da molestata devo anche guardare gli orari in cui posso essere sentita?». Nel caso il problema non venisse risolto, ci si può rivolgere ai Servizi centrali del personale, «e qui trovo all’articolo 13 capoverso 2 che questi servizi ‘analizzano e chiariscono gli elementi della fattispecie e valutano le azioni più opportune al fine di far cessare il comportamento lesivo’. Insomma, la valutazione viene fatta internamente. Garanzia di indipendenza e imparzialità nel giudizio? Non penso proprio».

Per Merlo, ad ogni modo, il dato più allarmante è che «oggi manca completamente una cultura aziendale nella pubblica amministrazione, perché una persona può affidarsi a una inchiesta interna solo se ha fiducia al 101%, e oggi non è così». Il motivo è presto spiegato: «Non c’è un vero e proprio obbligo di formazione seria, perlomeno dei dirigenti. In una recente risposta a un’interpellanza dell’Mps siamo venuti a sapere che, oggi, i dirigenti nominati a partire dal 2007 hanno un corso specifico di soli due giorni, sulla gestione dei conflitti che tematizza anche le molestie: sarà mezz'oretta in tutto. Questo è il loro concetto di formazione, e lo trovo gravissimo». Che fare, quindi? «Una formazione obbligatoria e per tutti, anche per i funzionari più anziani perché è una questione di mentalità». E Merlo non si esime anche da qualche considerazione in merito al caso dell’ex funzionario del Dss. Perché «le due ragazze vittime non erano dipendenti dell’Amministrazione, e ad esempio queste direttive non menzionano altre categorie rispetto ai dipendenti. Una stagista, sempre ad esempio, è considerata come una dipendente? Mica ci viene detto». 

Leggi anche:

Ex funzionario condannato anche per stupro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved