ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 min

Lavori sulla strada cantonale Gordola-Sonogno

A Vogorno tratto chiuso da giovedì 9 febbraio alle 22 a venerdì 10 febbraio alle 5.30, con un’apertura al traffico di 15 minuti alle ore 00.30
Locarnese
23 min

Alla Biblioteca cantonale di Locarno per ‘diventare scrittrici’

È il tema della conferenza organizzata dal Lyceum club venerdì 10 febbraio alle 18.15
Locarnese
31 min

Serata dedicata al dolore nel paziente oncologico

La organizza l’Associazione Triangolo in collaborazione con il Circolo Medico di Locarno giovedì 9 febbraio alle ore 18.30 alla Sopracenerina
Luganese
40 min

Acli organizza corsi per referenti delle comunità di migranti

Le formazioni avranno luogo il 20 febbraio e il 13 marzo alla sede delle Associazioni cristiane lavoratori italiani di via Simen a Lugano
Locarnese
48 min

‘Locarno ieri e oggi’, mostra fotografica a Tenero

Scatti che ripercorrono lo sviluppo urbanistico e architettonico della città
Mendrisiotto
51 min

Ecco le date 2023 dello Sportello energia di Mendrisio

Torna il servizio di consulenza gratuita in ambito energetico della Città, con possibilità di scegliere appuntamenti in presenza oppure a distanza
Locarnese
52 min

La stazione Fart di Muralto sarà a misura di disabili

Al via dal prossimo 13 febbraio i lavori di adeguamento, divisi in due fasi. Si concluderanno il prossimo mese di ottobre
Mendrisiotto
1 ora

Estratti i numeri vincenti della riffa del Carnevale di Tremona

La lotteria è avvenuta il 29 gennaio scorso. Sono stati estratti cinque numeri vincenti, corrispondenti ad altrettanti premi
Locarnese
1 ora

A Locarno un incontro per conoscere i candidati Ps

Appuntamento della sezione socialista cittadina... ‘tra deliziosi stuzzichini e stuzzicanti domande’
Mendrisiotto
1 ora

Spaccio di cocaina, un arresto nel Mendrisiotto

Un 46enne della regione è finito in manette nell’ambito di un’inchiesta svolta con i servizi antidroga delle polizie di Mendrisio, Chiasso e Stabio
Mendrisiotto
3 ore

Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero

La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Bellinzonese
4 ore

Pranzo Atte a Faido

Appuntamento mercoledì 15 febbraio alle 12 al centro
Locarnese
5 ore

Alzheimer, incontri del Gruppo di auto aiuto a Locarno

Riprendono gli appuntamenti per chi vive a diretto contatto con una persona affetta da questo morbo o da altri tipi di demenze
Ticino
6 ore

Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero

Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
6 ore

A Muralto una conferenza sui pittori di Savièse

Conferenza di Jacques Levy a cura dell’Alliance française
Locarnese
7 ore

Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono

Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
7 ore

Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga

Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
laR
 
24.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:00

Vendita serale dei distillati, ricorso al Tf contro il divieto

Impugnate le limitazioni orarie previste dalla legge sui negozi per lo smercio dei superalcolici. In aprile il Gran Consiglio ha tolto solo quelle per birra e vino

vendita-serale-dei-distillati-ricorso-al-tf-contro-il-divieto
Si va al Tribunale federale (TI-Press)

Sul controverso tema dello smercio serale in Ticino di bevande alcoliche non è ancora scritta la parola fine. C’è infatti un ricorso al Tribunale federale: chiede ai giudici di abolire (anche) il divieto di vendita dei distillati. Lo ha inoltrato la scorsa settimana il commerciante che nel gennaio del 2020, sempre davanti al Tf, aveva impugnato la riformata legge cantonale sull’apertura dei negozi, sollecitando la rimozione dalla normativa delle restrizioni orarie nello smercio degli alcolici. Un divieto di vendita serale - dopo le 19 il lunedì, il martedì, il mercoledì e il venerdì; le 21 il giovedì; le 18.30 il sabato e dopo le 18 la domenica - nei negozi, inclusi quelli annessi ai distributori di benzina, che nell’aprile di quest’anno il Gran Consiglio ha soppresso parzialmente. Lo ha abrogato per i fermentati, cioè birra e vino, mentre per i distillati ha mantenuto le limitazioni orarie indicate. Così ha deciso la maggioranza del parlamento, che approvando il rapporto del liberale radicale Alessandro Speziali ha accolto in parte l’iniziativa depositata il 17 febbraio 2020, a poco più di un mese e mezzo dall’entrata in vigore della legge, dal leghista Andrea Censi e da Fabio Käppeli (Plr), i quali proponevano la cancellazione del divieto sia per i fermentati sia per i superalcolici.

Dello stesso tenore di quella di Censi e Käppeli era - ed è - la richiesta del commerciante ticinese, che di recente ha presentato ricorso a Mon Repos. Un nuovo ricorso, dopo che quello inoltrato lo scorso anno è divenuto privo di oggetto per quanto concerne il divieto di vendita serale dei fermentati, essendo stato nel frattempo abolito. Tramite l’avvocato Ivo Wuthier, ha quindi impugnato le disposizioni della legge negozi che contemplano ancora le limitazioni orarie nello smercio dei distillati. Disposizioni che secondo il commerciante violerebbero i principi della libertà economica e dell’uguaglianza giuridica sanciti dalla Costituzione federale.

'Interesse pubblico tutt'altro che chiaro'

Il ricorrente rileva delle presunte incongruenze nella decisione del Gran Consiglio. “La maggioranza della Commissione (parlamentare, ndr) economia e lavoro - si afferma nel ricorso - ha analizzato la questione del divieto di vendita di bevande alcoliche distillate dopo determinati orari unicamente dal punto di vista della prevenzione dell’abuso di alcol, senza riferimenti né alla prevenzione della guida in stato di ebrietà, né alla prevenzione della violenza giovanile. L’interesse pubblico perseguito dal legislatore è insomma tutt’altro che chiaro, ciò che già di per sé mette in dubbio la proporzionalità della misura”. Il divieto di vendita di distillati “a partire da determinati orari, differenti a dipendenza del giorno della settimana, sarebbe, a detta della maggioranza della Commissione, idoneo a ostacolare la vendita di superalcolici che per una stretta minoranza rappresentano un problema importante, come il 'binge drinking', ossia la pratica di bere quantità eccessive di alcol in poco tempo: in realtà, una restrizione degli orari di acquisto delle bevande alcoliche distillate nei negozi" come stabilito dalla legge “non è idonea a raggiungere lo scopo di interesse pubblico desiderato”. Per più di un motivo. “In primo luogo - partendo dal presupposto, tutto da verificare, che l’abuso di alcol avvenga dopo gli orari in cui entrano in vigore i divieti voluti dal Cantone, altrimenti la normativa sarebbe già di per sé priva di qualsiasi efficacia - a essere determinante non è certo il momento dell’acquisto delle bevande alcoliche distillate, bensì del loro consumo. Ora, le restrizioni qui censurate - prosegue il ricorso - non impediscono certo a un giovane, comunque maggiorenne, poiché in Ticino la vendita di alcol (distillato e non) ai minori è già vietata dall’articolo 51 della Legge sulla promozione della salute e il coordinamento sanitario, di acquistare bevande alcoliche distillate prima dell’inizio del divieto e di consumarle - magari a dismisura - dopo tali orari”. Inoltre, “anche ben dopo gli orari limite in discussione qualsiasi maggiore di 18 anni potrà consumare distillati negli esercizi pubblici del cantone".

Non solo: "Visto che non vi è una norma legale che impedisce a un bar o ristorante di vendere bibite alcoliche distillate da asporto, il potenziale 'binge drinker' potrà acquistarle in un locale pubblico e consumarle altrove". Stesso discorso "vale per i punti vendita nelle stazioni Ffs o, dal 1. gennaio 2021, nei negozi annessi alle stazioni di servizio lungo le strade nazionali, dove ogni maggiorenne può acquistare distillati". E al riguardo il commerciante lamenta pure "un'ingiustificata disparità di trattamento tra i negozi annessi alle stazioni di servizio ubicati lungo le strade principali e gli analoghi negozi situati nelle stazioni Ffs e nelle aree di sosta lungo le strade nazionali", dove si possono vendere distillati "durante tutto il periodo di apertura, vale a dire almeno fino alle 22".

'Si rasenta l'assurdo'

Di più. Il legislatore cantonale, continua il ricorso, "parte dal presupposto, tutto da verificare, che l’abuso di alcol, e in particolare il 'binge drinking', sia prevalentemente da ricondurre al consumo di superalcolici. In realtà, anche birra e vino, il cui acquisto è ora permesso anche dopo gli orari di chiusura dei negozi, possono facilmente condurre ad abusi. Come se non bastasse, non si spiega nemmeno la differenza degli orari limite per la vendita di bevande alcoliche a dipendenza dei giorni della settimana (dopo le 18 la domenica, dopo le 18.30 il sabato, dopo le 21 il giovedì e dopo le 19 negli altri giorni della settimana). A prendere per buono il ragionamento del Cantone sembrerebbe infatti che l’abuso di alcol si manifesti a partire da orari differenti, a seconda del giorno della settimana; si rasenta l’assurdo". Aggiunge il ricorrente: “E se proprio si vuol prendere per buono che il 'binge drinking' avviene nelle serate prefestive, la contraddizione con il divieto più radicale, ossia con quello previsto la domenica (notoriamente non prefestiva e non certamente la serata in cui i giovani esagerano nel festeggiare) a partire dalle 18, diviene ancora più manifesta e dimostra l’insensatezza e l’improvvisazione con cui ha operato il parlamento cantonale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved