BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
2
fine
(2-6 : 5-7)
per-contenere-i-cambiamenti-climatici-bisogna-decarbonizzare
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Media, i comunisti chiedono di monitorare il pluralismo

Una mozione chiede di effettuare un’analisi annuale delle testate pubbliche e private per vedere se danno voce a tutti. Intervista a Massimiliano Ay
Ticino
3 ore

Meteo, in corso uno degli inverni più caldi

Temperature record in montagna. Luca Nisi di MeteoSvizzera: ‘È la frequenza del fenomeno a essere sintomo del cambiamento climatico’
Luganese
3 ore

Circo Knie: fra ‘Cenerigraben’ e futuro incerto in Ticino

Dove andrà il tendone nazionale? Da Trevano a Breganzona, alcune ipotesi sul tavolo. E mentre la famiglia rassicura, si mormora di un addio al cantone
Locarnese
3 ore

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Ma le manovre, volute per evitare le ripercussioni di un’eventuale siccità a valle della Miorina, sono criticate dalle località rivierasche
Ticino
11 ore

L’accusa: ‘Erano mossi da intenti egoistici e avidità di denaro’

Caso Fec-Hottinger, chiesti quattro anni di reclusione per Rocco Zullino e due anni e nove mesi per Alfonso Mattei. Venti mesi per Tartaglia
Ticino
11 ore

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
12 ore

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
13 ore

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
13 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
13 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
13 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
13 ore

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
14 ore

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
14 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
14 ore

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Locarnese
14 ore

Curling, ‘Torneo Camelie’ ad Ascona

Iscritte 14 squadre provenienti da tutta la Svizzera
Luganese
15 ore

Guasto alla stazione di Lugano, bloccati i treni verso nord

Emergenza ferroviaria. Dalle 16.30 attivati i bus navetta per Taverne e Giubiasco. Si indaga sulle cause della panne, ancora irrisolta
Bellinzonese
15 ore

Nuovo ospedale di Bellinzona: comprato il terreno

Firmato l’atto di compravendita tra Cantone e Armasuisse per la Saleggina e l’atto di servitù per l’Infocentro di Pollegio
Locarnese
15 ore

Verzasca, annullato l’incontro con Flavio Zappa

La causa: spazi stretti al Castello Marcacci di Brione non permettono il rispetto del distanziamento sociale
Luganese
15 ore

Tresa, la popolazione ha scelto il nuovo stemma comunale

Il sondaggio pubblico ha premiato ‘Tre-/-isca’ realizzato da Marco Andina. Sarà ora sottoposto a Municipio e Consiglio comunale per l’adozione
Luganese
16 ore

Agno, San Provino annullato per il terzo anno

La decisione è stata presa dal Municipio. Le formule alternative studiate non avrebbero permesso di vivere spensieratezza, allegria e spontaneità tipiche
Locarnese
16 ore

Lo svuotamento del lago Vogorno ha intorpidito l’acqua potabile

Problemi a Minusio e Tenero-Contra. Chiusa la captazione alle Brere e creati collegamenti con le reti idriche dei comuni vicini
Bellinzonese
16 ore

Faido-Carì, non c’è la neve ma c’è l’hockey in alternativa

Impossibile sciare sulle piste della località leventinese. Per creare ambiente e allegria ecco allora un quadrangolare di disco su ghiaccio amatoriale
Locarnese
16 ore

Passerella sulla Melezza, argini da consolidare

Nei pressi del ponte ciclo-pedonale tra Tegna e Losone, l’erosione delle piene ha minato la tenuta dei ripari. Sarà necessario intervenire a breve
Grigioni
17 ore

Passeggiando (e scrivendo) con la Pro Grigioni italiano

Riproposto il concorso letterario ampliando la partecipazione a tutte le fasce d’età dai 13 anni
Bellinzonese
17 ore

Un pomeriggio con la Fraternità francescana

Incontro mensile domenica 23 con fra Martino Dotta sull’enciclica del papa
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio, incontro con il missionario Giuseppe Manara

La serata è organizzata dal locale gruppo della Medaglia Miracolosa e si terrà giovedì 27 gennaio
Luganese
18 ore

Lugano, dedicare una via a Mario Agliati

È quanto chiede, con un’interrogazione presentata al Municipio, il gruppo Plr a 10 anni dalla sua morte
 
09.08.2021 - 16:370
Aggiornamento : 19:01

‘Per contenere i cambiamenti climatici bisogna decarbonizzare’

Marco Gaia di MeteoSvizzera spiega i risultati del rapporto Ipcc che prevede un aumento degli eventi meteorologici estremi

Incendi, inondazioni, temporali, canicola. Nelle ultime settimane varie parti del mondo sono state flagellate da fenomeni meteorologici estremi. Per quanto sia difficile imputare ogni singolo evento a ‘normali’ capricci atmosferici o al cambiamento climatico, gli esperti sono d’accordo: quest’ultimo esiste e ne vediamo gli effetti. Già nel 1988, con l’intento di studiare il riscaldamento globale, è stato fondato il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Ipcc), che su mandato dell’Onu pubblica ogni 4 – 6 anni un rapporto sullo stato delle conoscenze scientifiche sui cambiamenti climatici. Ieri è stata pubblicata la prima parte del sesto rapporto il quale indica che in futuro aumenteranno gli eventi meteorologici estremi come quelli che si sono verificati recentemente in Svizzera e in Germania. Come riportato dall'agenzia di stampa Ats la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha scritto in un tweet che la Svizzera si impegnerà per un'efficace protezione globale del clima alla conferenza globale sul clima (Cop 26) prevista a Glasgow in novembre. Nel frattempo gli ambientalisti hanno reagito parlando del rapporto Ipcc come un appello ad agire. Anche i partiti di governo, a eccezione dell'Udc che non ha preso posizione, sono propositivi. Marco Gaia, responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzera ci spiega nel dettaglio il contenuto del resoconto.

Come vengono creati questi rapporti?

Ognuno di essi è tradizionalmente costituito da tre parti, che saranno pubblicate una dopo l’altra nei prossimi mesi. La prima parte, frutto di un paio di anni di lavoro e accettata in riunione plenaria nelle scorse due settimane dai rappresentati dei 195 stati membri, è dedicata alle basi scientifiche dei cambiamenti climatici. Si passano in rassegna i cambiamenti già avvenuti (testimoniati dalle misure strumentali), si descrivono le spiegazioni scientifiche di tali cambiamenti e si illustra quello che dobbiamo attenderci nei prossimi decenni e secoli. Il rapporto è la sintesi del lavoro di migliaia di studi e ricerche degli ultimi 5 – 10 anni sul cambiamento climatico. Rappresenta la descrizione più accurata che le nostre conoscenze scientifiche ci permettono di ottenere attualmente in merito ai cambiamenti climatici osservati in atto e attesi.

Cosa si evince, in linea generale, da questo ‘resoconto’?

Il sesto rapporto testimonia come dall’ultimo rapporto Ipcc, pubblicato nell’ottobre del 2014, le conoscenze scientifiche siano ulteriormente progredite. In particolare si è in grado oggigiorno di ricostruire con maggiore precisione il clima del passato, i nuovi modelli climatici considerano fenomeni che fino a pochi anni fa non si riusciva a descrivere e si capisce sempre meglio come funziona quel complesso sistema che è il clima della Terra e i fattori che lo influenzano. Questi progressi confermano e rafforzano le conclusioni a cui erano già giunti negli scorsi anni i climatologi: il clima sta cambiando su tutta la Terra con una velocità che non ha paragoni negli ultimi millenni.

Aumento della temperatura, aumento dell’intensità delle precipitazioni, aumento della durata dei periodi di siccità sono i tre elementi chiave che, con differenze regionali, caratterizzano i cambiamenti climatici in atto e quelli futuri. Le cui cause sono riconducibili all’aumento della concentrazione dei gas a effetto serra nell’atmosfera dovuto alle attività umane. Il margine d’incertezza di quanto affermato nel rapporto è stato ulteriormente diminuito rispetto ai precedenti rapporti. Come pure la forchetta delle proiezioni future: entro la fine del secolo in corso la temperatura media globale (già aumentata di 1.1 °C rispetto all’epoca pre-industriale) aumenterà ulteriormente da 1.0 – 1.8 °C con efficaci misure di protezione del clima fino a 3.3 – 5.7 °C se si continuerà a usare in modo indiscriminato le fonti di energia fossile. Il rapporto spiega inoltre come ogni grado ulteriore di riscaldamento, rafforzi i cambiamenti collegati al ciclo dell’acqua e lo sviluppo di fenomeni estremi ad alto impatto sul territorio. Fra le diverse conclusioni a cui giunge l’Ipcc una è particolarmente fondamentale: se agiamo subito, abbiamo ancora la possibilità di limitare l’impatto dei cambiamenti climatici. Anche se alcuni cambiamenti sono già ora irreversibili, si potranno evitare quelli più nefasti e a ingestibile impatto.

Ci sono nazioni più ‘colpevoli’ di altre riguardo al cambiamento climatico?

La causa principale degli attuali cambiamenti climatici è l’emissione di gas a effetto serra a seguito dell’uso dei combustibili fossili. Fra questi gas l’anidride carbonica (il CO2) ricopre il ruolo principale e ha la proprietà di rimanere nell’atmosfera per secoli. Il CO2 presente oggigiorno nell’atmosfera è dunque il risultato dell’accumulo complessivo di quanto emesso a partire dalla Rivoluzione industriale fino a oggi. Sul lungo periodo sono le nazioni europee o nordamericane che hanno emesso le maggiori quantità di questo gas a effetto serra. Il quadro delle emissioni annuali per nazione sta cambiando negli ultimi anni: alcune nazioni, ad esempio quelle europee, stanno iniziando a ridurre lentamente le loro emissioni, mentre per altre nazioni, ad esempio quelle in cui lo sviluppo economico è in crescita, le emissioni tendono all’aumento.

Ci sono delle zone della Terra più colpite dal cambiamento climatico?

I cambiamenti climatici interessano (e interesseranno in futuro) l’intera Terra, nessuna regione esclusa. Per effetto dei cambiamenti climatici il clima si è modificato anche da noi, anche in Ticino, e muterà ancora nel prossimo futuro. L’impatto è differenziato e varia da regione a regione. Negli ultimi decenni la temperatura è ad esempio aumentata maggiormente nelle regioni settentrionali e nelle zone di montagna (in Svizzera dalla fine dell’800 l’aumento della temperatura annuale media è stato quasi il doppio rispetto alla media mondiale). L’aumento della temperatura è evidente su tutta la superficie terrestre, fatto salvo per il Polo Sud. Riguardo alle precipitazioni intense esse sono in aumento in numerose zone del globo (ad esempio dal Nord Europa all’Asia), mentre per le altre regioni al momento le serie di misura sono ancora troppo brevi per confermarlo.

Quali sono gli altri elementi, oltre alle emissioni di CO2, che favoriscono i cambiamenti climatici?

Grossomodo si possono raggruppare i principali fattori antropici che influenzano i cambiamenti climatici in due grosse categorie: quella delle emissioni di gas a effetto serra e quella dell’uso del territorio. Nella prima categoria si trovano, oltre alle emissioni di CO2, anche le emissioni di metano CH4 (proveniente ad esempio dagli allevamenti), di protossido di azoto N2O (proveniente dalle attività in ambito industriale e agricolo) o dei composti organici alogenati (provenienti dai processi industriali). Mentre nella categoria dell’uso del territorio figurano il disboscamento delle foreste tropicali, l’espansione delle zone urbane, l’estensione e la tipologia delle aree agricole. Modificare l’uso del territorio significa, ad esempio, andare a influenzare la capacità del suolo di assorbire il CO2 dall’atmosfera.

Quali sono le proiezioni per il clima nel futuro prossimo?

L’attuale aumento delle temperature continuerà in tutte le stagioni e per tutte le regioni, risultando particolarmente marcato andando verso il Polo Nord. Le precipitazioni medie andranno aumentando nelle regioni settentrionali (Nord Europa e Nord America, Canada, Siberia). Periodi di siccità prolungati toccheranno invece parti dell’Africa e del Sud America. Le regioni costiere saranno confrontate per decenni con l’aumento progressivo del livello del mare. Senza dimenticare l’aumento della frequenza e dell’intensità con cui si verificheranno fenomeni meteorologici estremi, collegati alle temperature e/o alle precipitazioni. L’ampiezza dell’impatto dipenderà da come gestiremo le future emissioni di gas a effetto serra: con misure rapide ed efficaci di riduzione verso zero di tali emissioni potremo ancora contenere almeno in parte i cambiamenti attesi, evitando gli impatti più gravi.

Ci sono delle zone della Terra che diventeranno inabitabili?

La futura abitabilità o meno di una zona dipende da come la popolazione che l’abita affronterà l’impatto dovuto ai cambiamenti climatici. In gran parte ciò dipende dalle capacità economiche della nazione coinvolta. Le nazioni con sufficienti risorse finanziarie potranno investire per adottare i necessari provvedimenti di adattamento e la popolazione potrà continuare a vivere anche in presenza di mutate condizioni climatiche. Laddove invece le risorse finanziarie sono (o saranno) scarse, i provvedimenti di adattamento saranno limitati e per molte persone ciò significherà migrare alla ricerca di condizioni climatiche meno inclementi. Già oggi le condizioni climatiche sono uno dei fattori all’origine dei fenomeni migratori. Il tema dei cosiddetti “migranti climatici” sarà un tema che ci accompagnerà nel futuro.

Quali sono le azioni che le nazioni devono intraprendere per limitare il cambiamento climatico?

Il rapporto appena pubblicato si concentra sugli aspetti scientifici alla base dei cambiamenti climatici. Nei prossimi mesi sono attesi due ulteriori rapporti: in uno si illustreranno le opzioni a nostra disposizione per i provvedimenti di adattamento, nell’altro ciò che può essere implementato per proteggere il clima (i cosiddetti provvedimenti di mitigazione). Dal primo rapporto emerge comunque con chiarezza come l’unico modo per contenere i cambiamenti climatici sia quello di ridurre a zero le emissioni nette di gas a effetto serra. Si afferma senza tentennamenti la necessità inderogabile d’intraprendere al più presto e in modo deciso la strada verso una decarbonizzazione della nostra società. Ciò significa nel concreto sostituire le fonti energetiche fossili con fonti che non emettono gas a effetto serra. Prima lo facciamo e meglio è.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved