arp-per-agna-sui-correttivi-un-attesa-eterna
ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
4 sec

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
50 min

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
1 ora

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
1 ora

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
1 ora

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
3 ore

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
4 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
8 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
8 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
23 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 gior

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
laR
 
05.08.2021 - 05:30
Aggiornamento: 18:07

Arp, per Agna ‘sui correttivi un’attesa eterna’

Tutorie, l'Associazione genitori non affidatari torna alla carica. La Divisione giustizia replica: ‘Capiamo, ma non tutto è attualmente di nostra competenza’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Questa indolenza è sconcertante, il nostro auspicio è che la direzione del Dipartimento istituzioni ci convochi e che, coinvolgendoci, affronti le nostre proposte di correttivi formulate ormai quasi cinque mesi fa», tuona alla ‘Regione’ il presidente dell’Associazione genitori non affidatari (Agna) Pietro Vanetti. Oggetto del contendere: l’infinito cantiere che riguarda la riforma del settore tutele e curatele in Ticino. Perché se è vero che entro fine anno dovrebbe arrivare il messaggio da parte del Consiglio di Stato che riformerà le attuali sedici Autorità regionali di protezione, è altrettanto vero che alle «richieste di correttivi di Agna non è stato dato ascolto, la gente ha bisogno oggi di risposte e non può aspettare ancora altri anni». Correttivi che, ricorda Vanetti, «possono essere implementati senza problemi in poco tempo. La risposta dei funzionari è che loro sono concentrati sulla riorganizzazione e che una volta ultimata tutto andrà a posto, ma noi non siamo di questo parere». Con una petizione inviata al governo il 20 marzo, Agna chiedeva “l’implementazione dell’applicativo Agiti/Juris nelle Arp, l’introduzione del programma informatico Mu@k per il calcolo dei contributi, l’introduzione nelle attuali Arp di procedure e processi di lavoro ispirati al modello ‘Cochem’ come stabilito dal Tribunale federale in merito all’affido condiviso, l’introduzione della regola di designare come nuovi membri delle Arp persone sempre rappresentative dei due sessi così come l’introduzione della stessa modalità nell’assegnazione di mandati per ascolto minori, valutazioni capacità genitoriali, perizie psichiatriche”.

Proposte che, riprende Vanetti, «non richiedono modifiche legislative e nemmeno investimenti, ci piacerebbe collaborare con il Dipartimento per vedere cosa si possa fare subito per migliorare una situazione che da troppo tempo ci preoccupa». La situazione che preoccupa Agna «è quella del sistema nel suo complesso. E il vero problema è che da parte dei responsabili non c’è la percezione che oggi i cittadini hanno bisogno di un servizio migliore, più efficiente. La società civile dovrebbe essere coinvolta di più, non è più accettabile sentirsi dire che quando è pronto il progetto di riforma sarà la panacea di tutti i mali. Le nostre proposte possono essere implementate, ci piacerebbe confrontarci. Il Dipartimento istituzioni – dice ancora Vanetti – metta a disposizione risorse umane e persone per affrontare il problema». Un problema che «riguarda moltissime persone: le Autorità di protezione dell’adulto e dei minori è l’istituzione cui si fa più capo, soprattutto a causa di divorzi e separazioni. E si fa capo per ricevere assistenza, non per aver commesso infrazioni. Ci vuole un’istituzione efficiente, e oggi non è così».

La riforma proposta dal Dipartimento istituzioni consiste nel passaggio dai Comuni al Cantone delle autorità di protezione e pertanto della competenza di stabilire e applicare le misure per adulti e minori contemplate dal Codice civile. In altre parole, si passerebbe dal modello amministrativo a quello giudiziario: al posto delle Arp ci sarebbero le Preture di protezione.

Andreotti: ci stiamo muovendo

«Capiamo le richieste dell'Associazione genitori non affidatari e ne condividiamo l’obiettivo, che è quello di far sì che le Autorità regionali di protezione presenti sul territorio adottino le stesse procedure e gli stessi processi interni», premette Frida Andreotti, responsabile al Dipartimento della Divisione giustizia. Ma, aggiunge, «l’attuale organizzazione pone tutta una serie di limiti che rendono oggettivamente difficile uniformare l’operato delle Arp. Ciò, sia chiaro, non significa che non si possano o non si debbano attuare alcune misure per migliorarne il funzionamento e tendere quindi all’obiettivo indicato dall’associazione. Un obiettivo, ripeto, da noi condiviso, come è condiviso dai cittadini che per un motivo o per un altro si rivolgono a un’Arp. Del resto se una persona cambia di domicilio in Ticino, magari più volte, ha diritto che il suo caso riceva, sul piano procedurale, lo stesso trattamento da parte della nuova Autorità regionale di protezione competente». Quanto al software Agiti/Juris, spiega la direttrice della Divisione giustizia, «abbiamo programmato per quest'autunno un incontro con i presidenti delle Arp per discutere anche di questo dossier. Confermiamo la volontà di implementare Agiti/Juris: preferiamo però procedere dapprima con un progetto pilota. Dobbiamo pertanto trovare un’Arp che si metta a disposizione per sperimentare l’applicativo».

L’Associazione genitori non affidatari, tuttavia, non (ri)sollecita solo l’implementazione di Agiti/Juris. «A proposito dell’introduzione del modello ‘Cochem’, affronteremo questo aspetto nell’ambito della riforma - fa sapere Andreotti -. Per quel che concerne le altre richieste di Agna, il Dipartimento istituzioni può fare ben poco oggi. Gli altri temi sollevati dall’associazione sono oggi di competenza dei Comuni. Ma anche delle stesse Arp, se ci riferiamo alla scelta degli specialisti cui affidare una perizia». Specialisti che rientrano fra i cosiddetti prestatori di servizio delle autorità di protezione. «Parliamo per esempio - ricorda Andreotti - di uffici e servizi cantonali, di servizi psico-sociali, di curatori comunali e di curatori privati professionisti o volontari». Il Consiglio di Stato ha nel frattempo istituito «un gruppo di lavoro sui prestatori di servizio per valutare, nell’ottica della riforma, se siano necessari dei cambiamenti. Non solo, stiamo fra l’altro per pubblicare un manuale del curatore». Di più. La Camera di protezione del Tribunale d’appello, chiamata a deliberare sui ricorsi contro le decisioni delle Arp, vigilando nel contempo sul loro funzionamento, «ha eseguito di recente ulteriori ispezioni nelle Arp per verificare tra le altre cose il fabbisogno di risorse», ricorda ancora Andreotti: «E pure questo sarà un tema che affronteremo a breve con i presidenti delle Arp e i Municipi».

Leggi anche:

Tutele e curatele in Ticino: spazio a giudici e specialisti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agna arp autorità di protezione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved