scuola-la-proposta-bertini-trova-l-appoggio-della-politica
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
7 ore

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
8 ore

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
9 ore

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
9 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
10 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
10 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
Locarnese
10 ore

Muralto Democratica fa le pulci ai conti (dopo la bocciatura)

Dieci domande al Municipio su temi che vanno dalle spese per il personale alla manutenzione riali, al rischio di non incassare le imposte arretrate
Locarnese
10 ore

‘Vento di vita vera’, la Bavona va sul grande schermo

Sabato sera in piazza a Moghegno la prima del film di Kurt Koller, realizzato in collaborazione con la Fondazione Valle Bavona
Luganese
10 ore

Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne

Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
Luganese
10 ore

Casa Andreina alla scoperta dei fiori di Bach

Conferenza informativa il 16 agosto con la naturopata e floriterapeuta, Laura Neri
Luganese
10 ore

Lugano: figli maltrattati, condannati i genitori

Tredici mesi, interamente sospesi per lei e parzialmente da espiare per lui e divieto di contattare i bimbi per due anni. Madre espulsa dalla Svizzera.
Locarnese
10 ore

Locarno, stop alla musica a mezzanotte

In risposta a un’interrogazione il Municipio concede un’ora in più alle manifestazioni sonore negli esercizi pubblici tra aprile e ottobre
Mendrisiotto
11 ore

‘Ho perso la testa’, atelier fotografico al Museo Vela

Dal 22 al 26 agosto ragazze e ragazzi dai 10 anni lavoreranno con il fotografo e artista Matteo Fieni
Locarnese
11 ore

‘Anche dopo la variante il club continuerà (eccome) a vivere’

Terrre di Pedemonte, il Municipio tranquillizza l’Associazione sportiva Tegna, preoccupata per la nuova pianificazione ai Saleggi
Bellinzonese
12 ore

Letture animate in ucraino e italiano a Bellinzona

L’evento, organizzato dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab, si terrà mercoledì 17 agosto alle 10 in piazza Buffi
Mendrisiotto
12 ore

Monte in festa per celebrare San Rocco

Giornata di festa, domenica 14 agosto, con uno spettacolo per bambini, la cena e il concerto dei The Guinnass
Locarnese
12 ore

Alto rappresentante Onu nel Libro d’oro di Locarno

Il direttore della Divisione che si occupa di cultura, Maher Nasser, ricevuto a Palazzo Marcacci da Alain Scherrer, Giuseppe Cotti e Marco Solari
laR
 
02.08.2021 - 18:45

Scuola, la ‘proposta Bertini’ trova l’appoggio della politica

'Servono più investimenti', ha detto il 1° Agosto l'ex vicesindaco di Lugano. I partiti di governo concordano, con alcuni distinguo sul come investire

«Abbiamo sempre detto che la scuola è importante quindi siamo felici se lo è anche per altri partiti, sperando non siano parole al vento siamo a disposizione per sostenere atti concreti che potenzino il mondo della formazione». La copresidente del Ps Laura Riget accoglie con soddisfazione la proposta di un maxi investimento da 100 milioni di franchi nella scuola dell’obbligo avanzata dall’ex vicesindaco di Lugano Michele Bertini nella sua allocuzione del 1° agosto tenuta a Faido. «Il disagio sociale che c’è in Ticino - spiega Riget alla ‘Regione’ - è solo il sintomo del malessere: il vero problema nasce da un mercato del lavoro che è interconnesso al sistema formativo. Se miglioriamo quest’ultimo, l’effetto sarà positivo in fatto di manodopera a disposizione per posti di lavoro altamente qualificati». Insomma, per la copresidente socialista «è più importante che mai, in questa fase di uscita dalla pandemia, avere un piano di rilancio audace che punta a investimenti a lungo termine. Purtroppo, dal Dipartimento finanze ed economia e dal Consiglio di Stato non abbiamo ancora visto niente. La scuola, assieme alla sostenibilità ambientale, deve essere uno dei pilastri di questo rilancio». Che questa proposta sia arrivata da un liberale come lascia Riget? «Beh… penso che le elezioni del 2023 si stanno avvicinando sempre di più e che diversi partiti hanno usato i loro discorsi per iniziare a battere il terreno», risponde sibillina.

Speziali (Plr): ‘Investire anche sui contenuti’

«La formazione è un nostro caposaldo da tempo immemore», ricorda il presidente del Plr Alessandro Speziali. «La formazione e la scuola dell’obbligo, così come la ricerca, sono un antidoto non solo alla pandemia ma anche alle difficoltà del mercato del lavoro, perché danno la possibilità di fornire alle nostre aziende manodopera residente qualificata». Investire sì, per il Plr. Ma non solo con investimenti materiali. «Serve anche investire sui contenuti - rileva Speziali -. Il cantiere aperto sul tema dei livelli ci porta a pensare a una scuola media che si avvicina a una maggior differenziazione curricolare, senza creare allievi di serie A e di serie B, ma allievi che hanno voglia di andare verso una formazione generale o professionale». Oltre questo, Speziali sottolinea che «complice la pandemia tutto quello che riguarda la formazione in ambito sanitario assume molta rilevanza: vogliamo arrivare a un Ticino polo di ricerca nazionale, all’ospedale cantonale e poi all’ospedale universitario».

Dadò (Ppd): ‘Un aiuto per invertire il trend del calo demografico’

Accoglie con favore più investimenti nella scuola anche il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò, «perché mettere soldi nella formazione è la premessa per evitare alle nuove generazioni di finire in assistenza. È più che doveroso che ci siano investimenti forti. Poi, su come investire, si apre un altro discorso». Nel senso che, prosegue Dadò, «non necessariamente oggi tutto quello che viene investito per l’istruzione è ben speso. Servirebbe una valutazione generale, e magari indipendente, perché le risorse non sono illimitate quindi bisogna capire se sia il caso di riorientare le priorità». Spingere sull’acceleratore della formazione per il presidente del Ppd «aiuta anche a intervenire sull’emergenza gravissima che è il calo demografico in Ticino, perché dentro questo problema c’è anche il discorso dell’istruzione e il fatto che serve investire di più e meglio».

Guerra (Lega): ‘La scuola media oggi non funziona bene’

Per il deputato leghista Michele Guerra «la scuola plasma il nostro futuro, pertanto è uno strumento fondamentale per il bene e il benessere della società. Da quando sono stato eletto in Gran Consiglio nel 2011 continuo a ripeterlo: serve una riforma del nostro sistema scolastico che oggi in alcuni campi, soprattutto la scuola media, non funziona bene. In tal senso - continua Guerra - si tratta soprattutto non di aggiungere, ma di fare meglio. La scuola media è il perno centrale del nostro sistema scolastico e dove avviene una selezione: oggi però non funziona bene per tre semplici ragioni. Sceglie il futuro degli allievi sulla base del loro rendimento a 12/13 anni, quando non dimostrano ancora le proprie vere capacità; tiene conto in modo esagerato di tedesco e matematica (i livelli, che non sono il metro della misura delle capacità di un allievo: e chi è eccellente in italiano, storia e tutte le altre materie?!); fa selezione in un’età in cui tanto dipende dalla famiglia in cui ci si ritrova. Di questo malfunzionamento e della necessità di migliorare ne abbiamo la prova provata, più del 30% di chi esce selezionato per livelli A e liceo va al liceo e non ce la fa. Questo è soltanto un esempio di ciò che all’interno del sistema scolastico va migliorato».

Bertini: ‘Un contributo al dibattito, il mio primo da esterno’

Da noi raggiunto, Michele Bertini afferma come la sua intenzione era «di portare un contributo al dibattito dal mio osservatorio, da esterno, perché per la prima volta ho parlato in pubblico da quando non sono più vicesindaco e municipale di Lugano. È chiaro che, l’ho visto in municipio, le priorità degli investimenti è difficile metterle. Ma alla base di tutto c’è la formazione dei cittadini di domani, la scuola ha bisogno di più risorse, ai docenti serve più sostegno ed eventuali risorse supplementari devono essere dedicate a loro». Una formazione che per Bertini è fondamentale: «Nella lotta alla pandemia abbiamo visto come si può chiedere di igienizzarsi le mani, indossare mascherine, mettere divieti ma se non si riesce ad avere una comunità solida attorno ai valori della responsabilità individuale si corre sempre dietro ai problemi, invece che risolverli alla radice. Se ripenso alla frase di Stefano Franscini “Ove non v’è istruzione, non v’è vera libertà”, la traduzione di “libertà” per me è dare ai cittadini gli strumenti per favorire uno spirito critico che porta a decidere con la propria testa».

Leggi anche:

‘Investire 100 milioni a favore della scuola dell'obbligo’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved