sisma-al-dipartimento-del-territorio-lascia-paolo-poggiati
Paolo Poggiati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
13 min

Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’

Stipendi non versati, niente ferie e continue pressioni: è la situazione lavorativa descritta da alcuni ex dipendenti del Cerere Bio Bistrot di Bellinzona
Luganese
18 min

Un anno fa scomparve Borradori, Foletti: ‘L’assenza si sente’

Il sindaco di Lugano ci racconta i suoi sentimenti personali e come sono mutate le dinamiche e gli equilibri all’interno del Municipio
Gallery
Bellinzonese
7 ore

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
8 ore

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
9 ore

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
10 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
10 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
10 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
Locarnese
10 ore

Muralto Democratica fa le pulci ai conti (dopo la bocciatura)

Dieci domande al Municipio su temi che vanno dalle spese per il personale alla manutenzione riali, al rischio di non incassare le imposte arretrate
Locarnese
10 ore

‘Vento di vita vera’, la Bavona va sul grande schermo

Sabato sera in piazza a Moghegno la prima del film di Kurt Koller, realizzato in collaborazione con la Fondazione Valle Bavona
29.07.2021 - 16:41
Aggiornamento: 22:18

Sisma al Dipartimento del territorio: lascia Paolo Poggiati

Dimissiona il capo della Sezione dello sviluppo territoriale. Non avrebbe condiviso la recente riorganizzazione con la nascita della sezione 'Natura e biodiversità'

Terremoto al Dipartimento del territorio diretto da Claudio Zali. Si è dimesso il capo della Sezione dello sviluppo territoriale Paolo Poggiati. Stando a quanto appreso dalla ’Regione’, l’alto funzionario del Cantone ha rassegnato le dimissioni per la fine del prossimo febbraio. E le avrebbe rassegnate non condividendo la recentissima riorganizzazione decisa dal consigliere di Stato leghista che ha portato all’istituzione di una Sezione: una nuova sezione, attribuita alla Divisione dell’ambiente, denominata ’Natura e biodiversità’, nella quale è stato inserito anche l’Ufficio della natura e del paesaggio, finora sotto la Sezione dello sviluppo territoriale appartenente alla Divisione dello sviluppo territoriale e della mobilità. Un ’trasloco’ che Poggiati non avrebbe digerito.

Nell'Amministrazione cantonale da oltre trent'anni

Originario della Leventina ma residente da tempo nel Mendrisiotto, nel Comune di Breggia, Poggiati, 62 anni, architetto paesaggista, è alle dipendenze dell’Amninistrazione cantonale dal 1990, dopo aver lavorato in proprio per alcuni anni come consulente nella pianificazione locale. Nel maggio del 2011 è stato nominato dal Consiglio di Stato alla testa della Sezione dello sviluppo territoriale, dopo aver diretto l’Ufficio della natura e del paesaggio.

La decisione dei vertici del Dipartimento del territorio di dar vita alla Sezione natura e biodiversità, decisione di cui è si è saputo dal 'Bollettino ufficiale delle leggi' del 16 luglio, ha sollevato interrogativi dentro e fuori i palazzi dell'Amministrazione. Alcuni li pone l’Udc con un’interrogazione inoltrata il 20 luglio da Daniele Pinoja per il gruppo parlamentare. Fra i quesiti posti al Consiglio di Stato: "Era veramente necessaria un'operazione di questo genere?" 

'Natura e biodiversità', chi la dirigerà? Concorso interno, concorso lampo

E chi dirigerà la nuova Sezione? Il concorso è uscito il 16 luglio, lo stesso giorno nel quale sul Bollettino delle leggi è apparsa la novità: la Sezione natura e biodiversità. Un concorso interno all’Amministrazione. Un concorso lampo: è infatti scaduto lunedì 26. Rumors indicano in Luca Veronese, oggi capo dell’Ufficio del coordinamento e dell’informazione nonché collaboratore personale di Zali, il futuro responsabile della nuova Sezione. Secondo nostre informazioni, per le posizioni dirigenziali Zali avrebbe comunque sempre optato per concorsi interni, puntando così sulle risorse umane presenti in seno al Dipartimento. Tornando alla neonata Sezione, il concorso si è sì chiuso, ma il governo non ha ancora proceduto alla designazione del suo capo. Si vedrà.   

Sempre secondo nostre informazioni, qualche anno fa Poggiati avrebbe manifestato al direttore del Dipartimento l'intenzione di far capo al prepensionamento. Probabilmente la recente riorganizzazione ha indotto l'alto funzionario a rompere gli indugi, ovvero a rassegnare le dimissioni. Contattato dalla 'Regione', Poggiati preferisce non rilasciare dichiarazioni, non ora. Insomma, non è questo il momento delle esternazioni.

Molti gli incarti che lo hanno impegnato in questi trent'anni e passa al Dipartimento del territorio. Incarti che hanno scritto la storia del territorio cantonale e ne hanno rivelato i cambiamenti. Balza all’occhio un’annotazione ‘storica’ che accomuna gli esordi alla fine di carriera di Poggiati. Entrambi i momenti sono stati accompagnati, suo malgrado, dalla polemica. Scelto per le sue competenze - nasce come detto architetto paesaggista - dall’allora direttore del Dt Marco Borradori per guidare la Sezione dello sviluppo territoriale, Poggiati era con altri funzionari pubblici iscritto nella famigerata lista di proscrizione del ‘Mattino della Domenica’ e figurava tra i nomi da epurare. Oggi è lui ad andarsene chiudendosi la porta alle spalle.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
concorso paolo poggiati sezione sviluppo territoriale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved