ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
37 min

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
42 min

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
1 ora

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
1 ora

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
2 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
3 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
3 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
27.07.2021 - 18:10
Aggiornamento: 28.07.2021 - 17:21

Ristorni dei frontalieri, cifra record

La cifra destinata agli enti locali italiani di frontiera ha raggiunto i 92,5 milioni di euro.

di Marco Marelli
ristorni-dei-frontalieri-cifra-record
(Ti-Press)

Una cifra record per i ristorni dei frontalieri destinati agli enti locali italiani di frontiera, incominciando dai comuni a ridosso del Canton Ticino ai quali è destinata la quota più rilevante, mentre una parte è corrisposta alle Regioni Lombardia e Piemonte che a loro volto, la versano alle Province e alle Comunità Montane in cui risiedono i lavoratori che quotidianamente attraverso il confine. Si tratta infatti di 92,5 milioni di euro, che all'origine erano 94.837.402 franchi derivanti dalla compensazione finanziaria sulle remunerazioni dei frontalieri per l'anno 2019 che nei Cantoni interessati all'accordo erano 64.547. Un numero, quest'ultimo, che nel 2020, così come quest'anno, nonostante la pandemia da coronavirus, ha continuato a crescere, per cui i ristorni dei frontalieri, previsto dall'accordo italo-svizzero del 1974 che non si riesce a mandare in soffitta, in quanto considerato superato, sono destinati ad aumentare. Ossigeno per le casse comunali dei comuni di frontiera, soprattutto quelli in cui la (quasi) totalità di lavoratori residenti è occupata nei Cantoni svizzeri, Ticino in primis, seguito da Vallese e Grigioni.

C'è da considerare che la cifra record di 92,5 milioni di euro è dovuta anche ai 3,5 milioni di euro che il Consiglio di Stato ha sbloccato dopo che in precedenza li aveva trattenuti per i debiti del Comune di Campione d'Italia, che solo nei mesi scorsi a seguito di un intervento del Governo italiano è riuscito a saldarli, per porre fine ad una spiacevole situazione che si trascinava da anni. A conferma che siamo in presenza di una cifra record è sufficiente ricordare che nel 2018 i ristorni dei frontalieri erano stati pari a 84 milioni di euro, mentre nel 2017 erano 83,5 milioni di euro. Gli importi più consistenti dei ristorni in arrivo sono destinati ai Comuni e alle Comunità Montane delle province di Como e di Varese, terre di frontalieri. Oltre due terzi dei ristorni andranno agli enti locali delle due province pedemontane. ''Si tratta di due buone notizie per i territori di frontiera - sottolinea il senatore del Partito Democratico (Pd) Alessandro Alfieri - non solo per la cifra elevata in arrivo, ma anche perchè si tratta del massimo mai raggiunto in passato per quanto riguarda le risorse retrocesse dalle autorità svizzere in base agli accordi fiscali attualmente in vigore''. Aggiunge il senatore varesino, incaricato del governo italiano per i problemi di frontiera con la Svizzera: ''È bene sottolineare la cifra record dei ristorni perchè questo ammontare sarà il riferimento adottato per garantire che non varierà l'entità di risorse ai comuni di frontiera se sarà ratificato il nuovo accordo fiscale tra Italia e Svizzera''. Quando questo avverrà, complice anche l'emergenza Covid, non è dato sapere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved