la-proposta-plr-ingiusta-e-ingiustificata-si-anche-se-e-un-plagio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
14 min

La Filarmonica Verzaschese inaugura la sede rinnovata

Intanto, dopo un anno di pausa per la pandemia, riprende l’attività, con corsi di musica, prove e concerti
Ticino
18 min

Ancora un decesso in Ticino, 36 i contagi in 24 ore

Secondo il sito dell’Adicasi, una persona è deceduta per Covid in una delle due strutture attualmente colpite dal virus. Sale il numero dei ricoverati
Locarnese
32 min

Alle Fart il marchio ‘Swisstainable’

Riconosciuto l’impegno per la sostenibilità profuso dall’azienda di trasporto pubblico del Locarnese e Valli
Luganese
5 ore

Malcantone, dalla miniera di Sessa al parco minerario

Sotto la lente il progetto, già sottoposto agli enti turistici e di sviluppo, di valorizzazione di siti noti e quasi sconosciuti della regione
Ticino
5 ore

Nel 2010 i cittadini salvarono i giurati. ‘Decisione azzeccata’

Giustizia, Ares Bernasconi ricorda ‘la battaglia condotta con Filippo Contarini’. Giurie popolari: se ne parlerà domani alla Biblioteca cantonale di Bellinzona
Mendrisiotto
5 ore

La Ferrovia Monte Generoso è fuori dalla Regio Insubrica

Il segretario Quattrini confida in un ripensamento. E la Fmg chiarisce: ‘Sempre pronti a collaborare’. Per alcune personalità non è un segnale positivo
Ticino
14 ore

La democrazia del sorteggio

Conferenza pubblica organizzata dall’associazione ‘La gioventù dibatte’
Mendrisiotto
14 ore

Un ‘Party di Carnevale’ tra divertimento e test

Sabato è in programma una festa organizzata dal Nebiopoli al Palapenz. Accesso solo con certificato Covid, sarà anche una prova in vista dell’edizione 2022
Bellinzonese
14 ore

Mostra sui misteri dell’elettricità e le sue professioni

A Bodio per tre settimane un’esposizione didattica di Esi dedicata alle scuole medie. Accento posto sul tirocinio di elettricista per reti di distribuzione
Mendrisiotto
15 ore

Prolungata la mostra alla Sala del Torchio a Balerna

Da scoprire le sculture di Simona Bellini e le fotografie di Luca Ferrario. L’esposizione si potrà visitare fino al 3 ottobre
Ticino
15 ore

Formare la polizia per verificare gli incidenti sul lavoro

Una mozione interpartitica chiede al Consiglio di Stato la preparazione di agenti in grado di intervenire prontamente e mettere in sicurezza le prove
Grigioni
15 ore

Finissage della mostra Calanca Biennale ad Arvigo

L’appuntamento è per domenica 26 settembre dalle 16 al B&B Ai Cav con caldarroste e musica
Ticino
15 ore

Antenne 5G, né moratoria su nuove installazioni né accelerata

Il Gran Consiglio conferma lo status quo. Gaffuri (Plr): ‘Abbiamo studiato molta documentazione, la politica dei piccoli passi è la migliore da seguire’
Ticino
15 ore

La filantropia strategica si dà appuntamento a Lugano

È il primo evento del genere per cercare di mettere in contatto chi raccoglie ed eroga fondi a scopo benefico
Grigioni
15 ore

Film, degustazione e dibattito sulla caccia ad Augio

Appuntamento per sabato 9 ottobre dalle 17 al ristorante La cascata. Sarà proiettato il documentario di Mario Theus ‘Wild- Cacciatore & raccoglitore’
Ticino
 
27.07.2021 - 17:460
Aggiornamento : 18:26

'La proposta Plr ingiusta e ingiustificata'. 'Sì, anche se è un plagio'

Sgravi fiscali per i redditi alti? Durisch (Ps):'I facoltosi non sono diminuiti, sono più che raddoppiati'. Agustoni (Ppd): 'Il ceto medio potrebbe pagare di più'

Il preludio di un autunno ticinese politicamente caldo sono le reazioni raccolte dalla 'Regione' alla proposta del Partito liberale radicale, presentata in mattinata, di alleggerire fiscalmente i redditi alti per evitare l'esodo di persone facoltose e per attirarne in Ticino di nuove. Duro il giudizio di Ivo Durisch: «L’iniziativa del Plr è semplicemente ingiusta, ingiustificata e inopportuna». Per il capogruppo del Ps in Gran Consiglio, «è ingiusta perché è uno schiaffo a tutte quelle famiglie che faticano ad arrivare alla fine del mese e in Ticino sono sempre di più: basti pensare che le persone in assistenza negli ultimi dieci anni sono aumentate del 50%. Ingiusta perché durante la pandemia le disuguaglianze sono aumentate ulteriormente. La fascia di popolazione più fragile si è impoverita, mentre è aumentata la concentrazione della ricchezza. E ora si propone un regalo del 20% a chi economicamente ha sofferto di meno, ossia il 2,7% della popolazione». Secondo Durisch, è un'iniziativa che non si giustificherebbe «perché la paventata fuga di capitali è una favola non comprovata dai fatti. Basti pensare che dal 2000 a oggi i contribuenti con un imponibile superiore a 200'000 franchi sono più che raddoppiati passando dall’1,2 al 2,8%». Ed «è Inopportuna perché le già fragili finanze del Cantone sono uscite dalla crisi pandemica con un disavanzo di 160 milioni. Questa proposta - rincara - va assolutamente contro il principio di un uso parsimonioso delle risorse dello Stato. Da una parte i liberali, sia in Gran Consiglio che in Consiglio di Stato, chiedono sacrifici e dall’altra fanno una proposta finanziariamente insostenibile. Quello di cui il nostro cantone ha bisogno è altro, diventare più attrattivo sì, ma verso le famiglie e verso i giovani!. Se la proposta del Plr verrà approvata dal parlamento, saremo pronti a lanciare il referendum»

Critico anche il capogruppo del Ppd. «L'obiettivo - premette Maurizio Agustoni - di attirare dei buoni contribuenti è in sé ragionevole, anche perché questi ultimi garantiscono una parte rilevante delle entrate cantonali e comunali. Occorre però - aggiunge - definire come compensare la diminuzione del gettito fiscale. Oggi le finanze cantonali sono in deficit e la misura proposta dal Plr costringerebbe probabilmente ad aumentare il moltiplicatore cantonale d'imposta. Avremmo così la situazione paradossale che il ceto medio dovrebbe pagare più imposte per finanziare un (sostanzioso) sgravio al 2,7% più ricco della popolazione. Un effetto perverso del genere potrebbe verificarsi anche nei Comuni, soprattutto quelli con diversi grossi contribuenti. Dal nostro punto di vista sarebbe inaccettabile, e contrario ai più elementari principi di giustizia sociale, uno sgravio fiscale che avesse per conseguenza un aumento della pressione fiscale per il ceto medio o una riduzione della protezione sociale per le fasce più fragili della popolazione, già duramente toccate dalle conseguenze della pandemia. In un momento delicato come questo è infatti fondamentale preservare la coesione sociale».

Aldi (Lega): ci sono anche i single 

Osserva la vicecapogruppo della Lega Sabrina Aldi: «Premetto che non abbiamo ancora avuto modo di poterne discutere e dunque di guardare la proposta nel dettaglio. Una misura per essere presa seriamente in considerazione non può prescindere dall’andare a rivedere anche le posizioni dei single, del ceto medio, di tutte quelle fasce che attualmente non beneficiano, secondo noi, di sufficienti aiuti o sgravi in proporzione al loro reddito. C’è infatti una fascia media che paga molto in proporzione al proprio reddito, mentre gli altri due estremi no. Non vorrei che si vada a spremere ulteriormente un ceto già particolarmente colpito dalla situazione del mercato del lavoro, dalla perdita di posti soprattutto nel terziario e dagli effetti, ancora non conosciuti con precisione, della pandemia».

Bourgoin (Verdi): idea indecente

Perentoria Samantha Bourgoin dei Verdi: «Quella del Plr è una proposta, ritengo, indecente. Sgravando i redditi alti si andrà inevitabilmente ad aumentare la pressione fiscale sulle persone fisiche con redditi inferiori: per compensare il minor gettito derivante dagli sgravi per i ceti alti, Cantone e Comuni andranno infatti a recuperare le risorse di cui necessitano - per far fronte alle conseguenze sociali della pandemia e per rilanciare l'economia - altrove e cioè nel ceto medio, non davvero ritoccando le aliquote delle persone giuridiche». Per Bourgoin, «ci sono altre misure per attirare in Ticino persone facoltose o per evitare che lascino il nostro cantone. In primis garantendo servizi che funzionano, diminuendo fra l'altro la burocrazia inutile». 

Pamini (Udc): un'ottima proposta, ma c'era già

Quella del Plr «è un’ottima proposta e come Udc la sosteniamo - preannuncia Paolo Pamini -, ma è stata plagiata dalla nostra iniziativa parlamentare elaborata interpartitica di tre anni fa, la quale è ancora pendente. Proponevamo - ricorda il deputato democentrista - di scendere all’11% a piccoli passi, cioè togliendo un mezzo per cento all’anno. Questo per evitare di creare scompensi immediati nelle finanze pubbliche e per permettere di promuovere il cantone come un territorio dove per otto anni si continuano a ridurre le imposte».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved