ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
1 ora

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
6 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
9 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
9 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
9 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
11 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
11 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
11 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
25.07.2021 - 18:18
Aggiornamento: 22:10

La Lega: sgravi pure per single e ceto medio. Durisch (Ps): pazzesco!

Alleggerimenti fiscali, le indiscrezioni sui contenuti della proposta del Plr fanno già discutere la politica

la-lega-sgravi-pure-per-single-e-ceto-medio-durisch-ps-pazzesco

Alleggerimenti fiscali non solo per i ricchi, ma anche per le persone singole e il ceto medio. Attraverso il suo consigliere nazionale e municipale di Lugano Lorenzo Quadri, la Lega prende posizione così sulla proposta che il Plr, stando a quanto riferito sabato della Rsi, si appresterebbe a presentare: quella di sgravi per i ceti alti. “Non siamo contrari per principio agli sgravi fiscali per i ricchi - scrive sul ’Mattino’ Quadri, che del domenicale è direttore -. Ma pensare solo ai più abbienti non va bene! Ricordiamo infatti all’ex partitone che le persone singole stanno attendendo una fiscalità più equa da oltre un ventennio, ma per i soldatini del triciclo non è mai il momento! Prima delle elezioni cantonali, per fare fessi i votanti, il tema viene estratto dalla naftalina. Ma poi in Gran Consiglio, quando si tratta di venire al dunque, gli sgravi alle persone singole vengono affossati dalla maggioranza triciclata; esponenti del Plr inclusi!". Conclusione: “La Lega è favorevole agli sgravi fiscali, e questo da sempre. Ma - aggiunge Quadri - devono essere destinati anche ai single e al ceto medio”.

'Non siamo d'accordo'

La proposta del Plr? «Soprattutto in questo momento, è semplicemente pazzesca - commenta, da noi interpellato, il capogruppo dei socialisti in Gran Consiglio Ivo Durisch -. A causa dei contraccolpi economici della pandemia le diseguaglianze sono aumentate. Chi già aveva buone entrate e soldi investiti nei mercati finanziari ha guadagnato. Non ci ha perso, anzi in questi casi la ricchezza si è accumulata. Ed è stato così dappertutto. Mentre lo Stato ha dovuto spendere, oltre che per tenere in vita delle aziende, per quei cittadini e quelle cittadine che non ce la facevano a tirare avanti, che avevano perso sicurezza sociale e soldi». Per Durisch «è assurdo pensare di sgravare fiscalmente chi non ha patito le conseguenze economiche della pandemia, quando oggi in tutto il mondo si pensa invece di tassare maggiormente i grandi capitali. Insomma, è una proposta che rientra negli schemi classici del Partito liberale e del Dipartimento finanze ed economia diretto da Vitta, ma che oggi è assolutamente estemporanea e con la quale noi del Ps non siamo per nulla d’accordo. Ed è ora di finirla con l’incubo della fuga dal Ticino dei grossi contribuenti: se qualcuno fugge è per altri motivi, non per la concorrenza fiscale. Vedremo comunque di saperne di più martedì». Per dopodomani il Plr ha infatti annunciato una conferenza stampa: interverranno il presidente Alessandro Speziali, il vice Emilio Martinenghi e la capogruppo Alessandra Gianella.

La riforma della Legge tributaria

Il tema imposte è anche sotto la lente del Dfe guidato dal Plr Christian Vitta. Secondo sempre il servizio di sabato della Rsi, il Dipartimento sta lavorando a una riforma fiscale per le persone fisiche, entro il 2024. E questo per compensare un eventuale ritorno al 100% del coefficiente cantonale d’imposta. Sul tavolo ci potrebbero essere 60 milioni di franchi. “Per quanto ci riguarda - ha dichiarato Vitta all'emittente di Comano - stiamo dando seguito alla decisione presa dal parlamento nel 2019: il Gran Consiglio aveva indicato che entro il 2024 dobbiamo presentare una riforma fiscale della legge tributaria che tocca le persone fisiche in sostituzione della diminuzione del moltiplicatore che attualmente è in vigore in maniera transitoria”. A quale fascia di reddito si indirizza la prospettata revisione della legge cantonale tributaria, gli è stato chiesto? "Non siamo ancora in quel dettaglio".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved