regole-su-sciopero-degli-statali-il-ricorso-della-vpod-al-tf
La protesta del 5 dicembre 2012 contro il taglio dei salari (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’.
Bellinzonese
1 ora

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
12 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
13 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
13 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
13 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
13 ore

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
13 ore

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
14 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
14 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
14 ore

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
Bellinzonese
14 ore

Torre, serata di poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Appuntamento per sabato 13 agosto a partire dalle 20 nell’ex fabbrica di cioccolato
Luganese
14 ore

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22
laR
 
21.07.2021 - 05:15
Aggiornamento: 11:28

Regole su sciopero degli statali, il ricorso della Vpod al Tf

La risoluzione governativa del 2012 impugnata dal sindacato. Il Tribunale cantonale amministrativo trasmette l'incarto ai giudici federali: 'È di loro competenza'

“A dispetto della sua intestazione quale ’risoluzione’, l’atto governativo rappresenta un insieme di norme giuridiche generali e astratte e non può pertanto essere impugnato dinanzi a questo Tribunale": ergo, il ricorso "è irricevibile" e “deve essere inoltrato al Tribunale federale per competenza”. Firmato Tribunale cantonale amministrativo (Tram). Che ha così trasmesso ai giudici federali l’incarto. È finito dunque al Tf – alla I Corte di diritto sociale, a Lucerna – il ricorso del sindacato Vpod contro la risoluzione del 16 novembre 2012 del Consiglio di Stato in materia di sciopero dei dipendenti cantonali.

La sentenza del Tram è della scorsa settimana. È datata 12 luglio e arriva a otto anni e passa dall’inoltro del ricorso con il quale la Vpod chiedeva al Tribunale amministrativo - come si ricorda nel recente verdetto - l’annullamento della risoluzione nella misura in cui impone un servizio minimo per le scuole di ogni ordine e grado, nonché l’obbligo per il dipendente pubblico di annunciare preventivamente al proprio superiore l’adesione allo sciopero. Disposizioni che secondo il sindacato ostacolerebbero in maniera inammissibile il diritto allo sciopero, diritto riconosciuto dalla Costituzione (federale e cantonale). A detta della Vpod, l’istruzione non sarebbe da annoverare fra i settori essenziali che necessitano la garanzia di un servizio minimo, a maggior ragione se lo sciopero è circoscritto a poche ore, mentre l’obbligo di annunciarsi preventivamente al diretto superiore costituirebbe una forma di controllo: in altre parole, uno strumento di dissuasione alla partecipazione allo sciopero. Tesi respinte dal governo, per il quale le disposizioni sarebbero, anche per quel che concerne i docenti, proporzionate.

La protesta del dicembre 2012 contro la riduzione dei salari

Il ricorso era stato presentato il 3 dicembre 2012, due giorni prima della manifestazione di protesta, che aveva visto per alcune ore parte degli statali astenersi dal lavoro, contro il taglio temporaneo degli stipendi del 2 per cento prospettato dal Consiglio di Stato nel Preventivo 2013. Il Tribunale amministrativo non è però entrato nel merito delle contestazioni sollevate dal Sindacato dei servizi pubblici. Perché, si afferma nella sentenza, spetta non al Tram, bensì direttamente al Tribunale federale pronunciarsi. “Non possono essere impugnate mediante ricorso al Tribunale cantonale amministrativo – scrivono i giudici d’Appello – le disposizioni di carattere astratto e generale, ovvero gli atti normativi. Non prevedendo il diritto ticinese alcun rimedio giuridico, gli atti normativi cantonali possono essere impugnati in quanto tali soltanto con ricorso proposto direttamente al Tribunale federale”. L’atto contestato dalla Vpod, prosegue il Tram, "è stato emanato nella forma della risoluzione e si riferisce a una cerchia (relativamente) indeterminata di persone, ossia i dipendenti cantonali”. La risoluzione “stabilisce da un lato le condizioni alle quali lo sciopero è considerato lecito e definisce la nozione di partecipazione allo stesso”. Oltre a indicare i settori nei quali occorre garantire il funzionamento minimo, “essa istituisce l’obbligo per i funzionari dirigenti o il direttore delle sedi scolastiche di assicurare l’andamento del servizio ed eventualmente designare i dipendenti incaricati di garantire un servizio minimo”. La risoluzione governativa, continua il Tram, “definisce inoltre la procedura per la gestione dell’assenza in caso di sciopero e stabilisce che il salario non è versato durante lo stesso”. Infine, commina “sanzioni disciplinari in caso di mancata osservanza delle disposizioni". L’atto impugnato dal sindacato, rilevano i giudici, “non costituisce un provvedimento adottato in una situazione concreta": il Consiglio di Stato “non è infatti intervenuto per regolare uno sciopero in particolare, ma ha emanato prescrizioni applicabili senza limiti di tempo in un numero indeterminato di situazioni”. Insomma, il governo ha emanato “disposizioni che non sono né sufficientemente concrete né di immediata applicazione, ma anzi hanno carattere generale e astratto”. Basti pensare, osserva il Tram, “alle condizioni fissate perché lo sciopero sia ritenuto lecito o alla nozione indeterminata di ’funzionamento minimo del servizio’ ". La portata dell’atto contestato “supera senza dubbio quella di una decisione e costituisce una componente dell’ordinamento applicabile ai dipendenti cantonali che va considerato alla stregua di un atto normativo”.

Ghisletta: ci domandiamo se quelle disposizioni non debbano essere sottoposte al voto del Gran Consiglio

Per il Tribunale amministrativo le disposizioni in materia di sciopero dei funzionari cantonali “potevano (e anzi avrebbero dovuto) senz'altro trovare inserimento nella legislazione regolante lo statuto dei dipendenti statali, come del resto avviene in altri cantoni” (al riguardo il Tram richiama “le leggi del personale” dei Cantoni Berna, Vaud, Friburgo, Lucerna e San Gallo) “oltre che a livello federale”.

«Alla luce di quest'ultima considerazione del Tribunale amministrativo ci domandiamo se le disposizioni in questione non debbano essere ancorate a una legge e quindi sottoposte al voto del Gran Consiglio – sostiene, da noi interpellato, il segretario della Vpod e deputato del Ps Raoul Ghisletta –. Con l'avvocato Mario Branda, nostro legale, valuteremo anche questo aspetto e se andare avanti con il ricorso al Tf». 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sciopero tribunale cantonale amministrativo vpod
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved