ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
6 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
6 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
13 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
13 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
16 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
17 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
17 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
17 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
laR
 
21.07.2021 - 05:15
Aggiornamento: 11:28

Regole su sciopero degli statali, il ricorso della Vpod al Tf

La risoluzione governativa del 2012 impugnata dal sindacato. Il Tribunale cantonale amministrativo trasmette l'incarto ai giudici federali: 'È di loro competenza'

regole-su-sciopero-degli-statali-il-ricorso-della-vpod-al-tf
La protesta del 5 dicembre 2012 contro il taglio dei salari (Ti-Press)

“A dispetto della sua intestazione quale ’risoluzione’, l’atto governativo rappresenta un insieme di norme giuridiche generali e astratte e non può pertanto essere impugnato dinanzi a questo Tribunale": ergo, il ricorso "è irricevibile" e “deve essere inoltrato al Tribunale federale per competenza”. Firmato Tribunale cantonale amministrativo (Tram). Che ha così trasmesso ai giudici federali l’incarto. È finito dunque al Tf – alla I Corte di diritto sociale, a Lucerna – il ricorso del sindacato Vpod contro la risoluzione del 16 novembre 2012 del Consiglio di Stato in materia di sciopero dei dipendenti cantonali.

La sentenza del Tram è della scorsa settimana. È datata 12 luglio e arriva a otto anni e passa dall’inoltro del ricorso con il quale la Vpod chiedeva al Tribunale amministrativo - come si ricorda nel recente verdetto - l’annullamento della risoluzione nella misura in cui impone un servizio minimo per le scuole di ogni ordine e grado, nonché l’obbligo per il dipendente pubblico di annunciare preventivamente al proprio superiore l’adesione allo sciopero. Disposizioni che secondo il sindacato ostacolerebbero in maniera inammissibile il diritto allo sciopero, diritto riconosciuto dalla Costituzione (federale e cantonale). A detta della Vpod, l’istruzione non sarebbe da annoverare fra i settori essenziali che necessitano la garanzia di un servizio minimo, a maggior ragione se lo sciopero è circoscritto a poche ore, mentre l’obbligo di annunciarsi preventivamente al diretto superiore costituirebbe una forma di controllo: in altre parole, uno strumento di dissuasione alla partecipazione allo sciopero. Tesi respinte dal governo, per il quale le disposizioni sarebbero, anche per quel che concerne i docenti, proporzionate.

La protesta del dicembre 2012 contro la riduzione dei salari

Il ricorso era stato presentato il 3 dicembre 2012, due giorni prima della manifestazione di protesta, che aveva visto per alcune ore parte degli statali astenersi dal lavoro, contro il taglio temporaneo degli stipendi del 2 per cento prospettato dal Consiglio di Stato nel Preventivo 2013. Il Tribunale amministrativo non è però entrato nel merito delle contestazioni sollevate dal Sindacato dei servizi pubblici. Perché, si afferma nella sentenza, spetta non al Tram, bensì direttamente al Tribunale federale pronunciarsi. “Non possono essere impugnate mediante ricorso al Tribunale cantonale amministrativo – scrivono i giudici d’Appello – le disposizioni di carattere astratto e generale, ovvero gli atti normativi. Non prevedendo il diritto ticinese alcun rimedio giuridico, gli atti normativi cantonali possono essere impugnati in quanto tali soltanto con ricorso proposto direttamente al Tribunale federale”. L’atto contestato dalla Vpod, prosegue il Tram, "è stato emanato nella forma della risoluzione e si riferisce a una cerchia (relativamente) indeterminata di persone, ossia i dipendenti cantonali”. La risoluzione “stabilisce da un lato le condizioni alle quali lo sciopero è considerato lecito e definisce la nozione di partecipazione allo stesso”. Oltre a indicare i settori nei quali occorre garantire il funzionamento minimo, “essa istituisce l’obbligo per i funzionari dirigenti o il direttore delle sedi scolastiche di assicurare l’andamento del servizio ed eventualmente designare i dipendenti incaricati di garantire un servizio minimo”. La risoluzione governativa, continua il Tram, “definisce inoltre la procedura per la gestione dell’assenza in caso di sciopero e stabilisce che il salario non è versato durante lo stesso”. Infine, commina “sanzioni disciplinari in caso di mancata osservanza delle disposizioni". L’atto impugnato dal sindacato, rilevano i giudici, “non costituisce un provvedimento adottato in una situazione concreta": il Consiglio di Stato “non è infatti intervenuto per regolare uno sciopero in particolare, ma ha emanato prescrizioni applicabili senza limiti di tempo in un numero indeterminato di situazioni”. Insomma, il governo ha emanato “disposizioni che non sono né sufficientemente concrete né di immediata applicazione, ma anzi hanno carattere generale e astratto”. Basti pensare, osserva il Tram, “alle condizioni fissate perché lo sciopero sia ritenuto lecito o alla nozione indeterminata di ’funzionamento minimo del servizio’ ". La portata dell’atto contestato “supera senza dubbio quella di una decisione e costituisce una componente dell’ordinamento applicabile ai dipendenti cantonali che va considerato alla stregua di un atto normativo”.

Ghisletta: ci domandiamo se quelle disposizioni non debbano essere sottoposte al voto del Gran Consiglio

Per il Tribunale amministrativo le disposizioni in materia di sciopero dei funzionari cantonali “potevano (e anzi avrebbero dovuto) senz'altro trovare inserimento nella legislazione regolante lo statuto dei dipendenti statali, come del resto avviene in altri cantoni” (al riguardo il Tram richiama “le leggi del personale” dei Cantoni Berna, Vaud, Friburgo, Lucerna e San Gallo) “oltre che a livello federale”.

«Alla luce di quest'ultima considerazione del Tribunale amministrativo ci domandiamo se le disposizioni in questione non debbano essere ancorate a una legge e quindi sottoposte al voto del Gran Consiglio – sostiene, da noi interpellato, il segretario della Vpod e deputato del Ps Raoul Ghisletta –. Con l'avvocato Mario Branda, nostro legale, valuteremo anche questo aspetto e se andare avanti con il ricorso al Tf». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved