ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
2 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
2 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
9 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
11 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
12 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
12 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
12 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
12 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
13 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
13 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
13 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
14 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
Bellinzonese
14 ore

A Castione tre giorni di festa con il Carnevaa di Sciatt

55esima edizione da giovedì 16 a sabato 18 febbraio. Novità di quest’anno la cena offerta del sabato a base di polenta e formaggio o mortadella
Ticino
15 ore

Torna in aprile l’appuntamento con slowUp Ticino

Come di consueto lungo il percorso chiuso al traffico tra Locarno e Bellinzona ci si potrà muovere con mezzi non motorizzati godendosi natura e animazioni
Luganese
15 ore

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
15 ore

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
15 ore

Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’

Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
15 ore

Diego Togni nuovo vicesindaco di Cevio

Il rappresentante di Alleanza moderata nominato al posto del dimissionario Ercole Nicora. Pietro Palli in Municipio, Sonia Giussani-Gotti nel Legislativo
Locarnese
15 ore

L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno

Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
16 ore

Tombola carnascialesca con l’As Riarena

Il tradizionale evento è in programma giovedì 9 febbraio dalle 20 presso il capannone del Carnevale ‘Sciavatt e Gatt’ di Cugnasco-Gerra
Locarnese
16 ore

Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire

Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
19.07.2021 - 20:04
Aggiornamento: 22:09

Leva obbligatoria per le donne? Il no delle deputate

Le granconsigliere: inappropriato invocare la parità dei doveri, quando non c'è ancora quella dei diritti. Passardi, fuori dal coro: è una questione di coerenza

leva-obbligatoria-per-le-donne-il-no-delle-deputate
Keystone

«È una questione di coerenza. Se vogliamo perseguire la parità di genere e l’equità dobbiamo conseguentemente accettare questa idea. È vero che la parità ancora non c’è ovunque, come per esempio quella salariale o di rappresentanza nei vari consessi, ma per principio non possiamo rifiutare un’eventuale proposta di leva femminile obbligatoria. Per lo stesso motivo considero giusto parificare l’età pensionabile tra uomo e donna». Quella della liberale radicale Roberta Passardi è l'unica voce fuori dal coro. Sì, perché le altre deputate al Gran Consiglio interpellate dalla 'Regione' - da sinistra a destra, passando per il centro - dicono no all'eventuale introduzione dell'obbligo di servizio militare anche per le donne, respingendo così quanto sostengono la Ssu, la Società svizzera degli ufficiali, e in particolare il suo presidente Stefan Holenstein. Il colonnello Smg, secondo quanto riportato dalla 'Nzz am Sonntag' e rilanciato dall'Ats, ha dichiarato che "è ora che entrambi i sessi abbiano gli stessi diritti e gli stessi doveri, siamo convinti che le forze armate non possano più fare a meno di più del 50 per cento del potenziale della società". Oggi nel nostro Paese il servizio femminile è su base volontaria e la percentuale di donne nell'esercito si attesta allo 0,9 per cento, segnala il dispaccio dell'Agenzia telegrafica svizzera. Per la Ssu, anche le donne dovrebbero essere tenute a 'fare' il militare: ciò che permetterebbe, se non di risolvere, di arginare il problema della carenza di effettivi nelle forze armate. «È giusto che le donne che desiderano entrare nell’esercito lo possano fare, non sono però d’accordo con l'obbligo anche per le donne di prestare servizio - afferma la popolare democratica Nadia Ghisolfi -. In grigioverde vi sono diverse mansioni, alcune dure e altre meno. Ma l'impegno e lo sforzo richiesti sul piano fisico generalmente 'rispecchiano' maggiormente le caratteristiche maschili. Un obbligo generalizzato non mi sembra quindi corretto. Poi ripeto: se una donna desidera far parte delle forze armate e dispone dei necessari requisiti è giusto che vi possa accedere».

Osserva Sabrina Aldi, vicecapogruppo della Lega: «Come provocazione ci può stare. Ciò premesso, quella della leva obbligatoria anche per le donne è un'ipotesi che dal mio punto di vista non entra in linea di conto, neppure lontanamente». Aggiunge Aldi: «Prima di parlare di parità dei doveri, parliamo di parità dei diritti. Dove sta quest'ultima? Le donne continuano a essere sottopagate, sono le prime a essere licenziate, spesso e volentieri sulle loro spalle grava il peso della famiglia, della sua organizzazione. Ci manca solo che debbano fare pure i corsi di ripetizione! Chi si occupa dei figli? Chi paga per accudirli?». Non è tutto. «Com'è possibile che il nostro esercito abbia bisogno di militi?! Non riesco proprio a capirlo, quando in altri Paesi, anche a noi vicini, la leva non è obbligatoria. Probabilmente - continua la parlamentare leghista - occorre ripensare la struttura delle forze armate elvetiche e verificare se sia ancora adeguata alle esigenze odierne. Magari si rende necessario un maggior ricorso alle nuove tecnologie. In caso di conflitto, non si può immaginare di mobilitare militarmente un'intera popolazione. Le donne che vogliono prestare servizio siano libere di farlo, come adesso. E ribadisco, prima di invocare la parità di doveri, cominciamo ad attuare la parità dei diritti».  

‘Carenza effettivi? Si rivedano i criteri di reclutamento’

Il dibattito è comunque lanciato. Peraltro, sempre a quanto riferito da 'Nzz am Sonntag' e Ats, Service Citoyen, associazione di Ginevra, sarebbe intenzionata a lanciare il Primo Agosto un'iniziativa che "richiederebbe a tutti gli svizzeri e le svizzere di servire per diverse settimane nell'esercito o in un'organizzazione di milizia". Si dichiara «assolutamente contraria» all'obbligo di leva per le donne Lara Filippini. «Ritengo che quella di intraprendere una carriera militare debba essere e restare il frutto di una libera scelta - rileva la deputa democentrista -. Sono insomma per lo status quo e dunque per lasciare la leva obbligatoria solo per gli uomini. Il problema della scarsità di effettivi nell'esercito? La questione non è nuova, è da anni che si è confrontati con questo fenomeno. Andavano pertanto apportati i correttivi necessari per tempo. Sarebbe forse opportuno - continua Filippini - rivedere certi criteri, attualmente piuttosto rigidi, per stabilire l'idoneità di un giovane al servizio militare e, in occasione del reclutamento, approfondire i motivi per cui un ragazzo afferma di non poter assolvere gli obblighi militari».

‘Istituzione sessista’

Laura Riget è «contraria di principio alla leva obbligatoria, dunque anche per gli uomini» e «ovviamente mi oppongo a un'eventuale estensione di questa coercizione alle donne». Sostiene la copresidente del Partito socialista: «Penso che sia un obbligo illiberale, un po' paternalista. E superato dagli eventi. Nel caso estremamente remoto di una guerra, questa avverrebbe con attacchi 'specialistici', per difendersi dai quali un sistema di milizia potrebbe risultare insufficiente. L'argomento della parità dei doveri tra uomo e donna non regge assolutamente: finché ci sarà la disparità salariale, che genera fra l'altro anche quella delle rendite pensionistiche, finché i lavori domestici e l'accudimento dei figli ricadranno soprattutto sulle spalle delle donne, trovo che parlare di parità di doveri sia incomprensibile. La priorità va accordata all'applicazione della parità dei diritti». E riguardo alla carenza di militi? «Sempre meno giovani vogliono fare il servizio militare, optando per quello civile. Ebbene, i vertici militari invece di interrogarsi sui motivi di questo disinteresse o rifiuto per le forze armate, vorrebbero estendere l'obbligo di leva all'altro cinquanta per cento della popolazione. Mi pare un modo sbagliato di approcciare il problema». Samantha Bourgoin dei Verdi non ha dubbi: «Servizio militare obbligatorio per le donne? La considero una proposta ridicola. Ritengo che già la leva obbligatoria per gli uomini sia un non senso. L’esercito, come concepito oggi, per noi è qualcosa di inadeguato e non al passo con i tempi». Piuttosto critica anche Angelica Lepori Sergi del Movimento per il socialismo-Partito operaio popolare: «In generale sono contraria all’esercito, in quanto la reputo un’istituzione inutile, molto autoritaria e dove vigono sistemi sessisti e maschilisti. L’idea di rendere la leva obbligatoria per le donne mi sembra non un passo avanti, una conquista, bensì un arretramento sul piano diritti». Premette Tamara Merlo di Più Donne: «Il servizio militare dà comunque l'opportunità a chi lo assolve di acquisire conoscenze e stringere contatti, per questa ragione non sono di principio contraria alla leva. Ma non condivido in alcun modo il richiamo alla parità dei doveri, quando la strada verso quella dei diritti è ancora lunga».  

Angelica Forni del Partito comunista non siede in Gran Consiglio ma sul tema non esita a pronunciarsi: «Siamo assolutamente contrari alla proposta di rendere la leva obbligatoria per le donne, in quanto pensiamo che vada abolita anche per gli uomini. Riteniamo che l’esercito svizzero sia ad oggi sovradimensionato e che la popolazione abbia dei problemi ben più gravi. Al giorno d’oggi la sicurezza per la popolazione svizzera non dovrebbe passare tanto dall’esercito quanto da una sicurezza economica, soprattutto dopo un periodo come quello della pandemia. Secondo noi Berna dovrebbe destinare più risorse per combattere fenomeni come il precariato nel mondo del lavoro e non per rinforzare l'esercito».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved