COB Jackets
0
PIT Penguins
1
1. tempo
(0-1)
CAR Hurricanes
0
NY Rangers
0
1. tempo
(0-0)
NY Islanders
ARI Coyotes
01:30
 
Detroit Red Wings
DAL Stars
01:30
 
l-aria-e-migliorata-ma-non-abbastanza
Dt
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
5 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
5 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
6 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
6 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
6 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
7 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
7 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
7 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
7 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
8 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
15.07.2021 - 16:350
Aggiornamento : 19:04

L'aria è migliorata ma non abbastanza

Drastica la diminuzione di ossidi di azoto. I livelli degli inquinanti sono comunque oltre i limiti stabiliti

a cura de laRegione

Le condizioni meteorologiche dello scorso anno avrebbero potuto favorire l’accumulo d’inquinanti nell’aria, ma grazie al lockdown si è registrata una drastica diminuzione delle emissioni di ossidi di azoto. È quanto emerge dal rapporto 2020 ‘Qualità dell’aria in Ticino’ a cura del Dipartimento del territorio (Dt).

Diminuzioni che comunque non permettono di rispettare tutti i limiti stabiliti dall’Ordinanza contro l’inquinamento atmosferico (OIAt): nel mirino il diossido di azoto (NO2), l’ozono (O3) e le polveri fini (PM10). Il primo ha registrato il calo più importante. Il 70 per cento degli ossidi di azoto viene prodotto dal traffico stradale, calato in alcuni periodi del 2020 a causa delle misure di contenimento contro la pandemia di Covid–19. “Ciò si traduce nel raggiungimento, per il terzo anno consecutivo, di nuovi minimi storici per le medie annue del diossido di azoto – scrive il Dt –. Per l’ozono e le polveri fini, la cui origine dipende da più fonti, la relazione tra le misure di contenimento e la variazione del rispettivo carico ambientale è invece meno marcata, con l’influsso della meteorologia che risulta essere preponderante”. I primi tre mesi del 2020 sono stati caratterizzati “dall’inverno più mite registrato dall’inizio delle misurazioni, con i mesi di gennaio e febbraio eccezionalmente privi di precipitazioni”. Queste condizioni “hanno favorito un aumento generalizzato delle medie annue di polveri fini (PM10 e PM2.5), mentre un’estate meno calda e soleggiata ha portato a una diminuzione delle ore di superamento del valore limite orario per l’ozono”.

Per far fronte a questa situazione non conforme alla legge e contrastare l’inquinamento occorre “implementare i provvedimenti adottati nel 2018 dal Consiglio di Stato tramite il Piano di risanamento dell’aria – viene scritto nello studio –. Due sono le strade da percorrere: da un lato il ricorso a provvedimenti tecnici in grado di diminuire le emissioni alla fonte, dall’altro la riduzione dei consumi, per esempio i chilometri percorsi in auto”. Rispetto agli anni Novanta le misure di risanamento hanno avuto dei buoni risultati, con la riduzione “di circa la metà delle emissioni”.

Notevoli differenze regionali e locali

L’inquinamento atmosferico presenta però delle “differenze regionali e locali notevoli, poiché è caratterizzato dal tipo di sostanza inquinante e dipende dalle fonti di emissione, dalla posizione geografica, dall’orografia e dalle condizioni meteorologiche”, si legge nel rapporto. Inoltre la rete di rilevamento viene “continuamente adeguata alle mutevoli situazioni di carico (dovute per esempio alla realizzazione di impianti) e alle esigenze riguardanti la salute pubblica che ne derivano. Si riconsiderano i vecchi compiti e si definiscono nuovi obiettivi e strategie, organizzando per esempio campagne di misura mirate. La scelta dei luoghi di rilevamento è accuratamente ponderata per garantire la massima rappresentatività nel monitoraggio”.

Dati in tempo reale

I dati vengono trasmessi e pubblicati praticamente in tempo reale ed è possibile consultarli tramite il sito www.ti.ch/oasi o sull’applicazione gratuita per smartphone ‘airCHeck’. “Questa velocità di trasmissione e di elaborazione delle informazioni permette inoltre d’intervenire immediatamente in caso di forte inquinamento – prosegue il rapporto –. Da una parte le autorità possono adottare il concetto di ‘misure d’urgenza’ nel caso di episodi di smog acuto, mentre dall’altra la popolazione può informarsi e adattare i propri comportamenti in funzione dei livelli d’inquinamento atmosferico presenti”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved