agustoni-socialita-si-ma-il-ps-non-e-l-unico-interlocutore
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
8 min

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
10 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
11 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
11 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
11 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
11 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
12 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
12 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
12 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
13 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
13 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
14 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
14 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
14 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
laR
 
13.07.2021 - 05:20
Aggiornamento: 14:38

Agustoni: ‘Socialità sì, ma il Ps non è l'unico interlocutore'

Il capogruppo del Ppd: disposti al dialogo, ma non solo coi socialisti. Il capogruppo Ps Durisch: incontrarsi e discutere non vuol dire sposarsi

«Anche noi siamo aperti al dialogo. E non da oggi. Siamo quindi pronti a discutere con tutte quelle forze politiche che hanno sensibilità affini alle nostre. Tuttavia, non mi sento di dire che il Ppd, quando il tema è la politica sociale, debba per forza avere quale interlocutore privilegiato il Partito socialista. Del resto la nostra iniziativa a favore degli over 50 è stata sostenuta dalla Lega, ma non dal Ps. Questo, tengo a precisare, vale per la socialità come per qualsiasi altro argomento e vale per il Ps come per gli altri partiti». Da noi raggiunto, il capogruppo dei popolari democratici in Gran Consiglio Maurizio Agustoni mette i puntini sulle i dopo le considerazioni e l’invito di Ivo Durisch nell'intervista rilasciata di recente alla ‘Regione’. Manifestando preoccupazione per le conseguenze economiche e sociali della pandemia (“Potrebbero far lievitare la povertà in Ticino”), il capogruppo socialista ha dichiarato che se “Ps e Ppd unissero le forze sul tema della socialità, i numeri in parlamento cambierebbero. Pertanto troviamoci e discutiamone”.

Va bene trovarsi e parlarne, afferma Agustoni, ma, frena e puntualizza, «non può esserci un asse Ppd-Ps sulla socialità». Anche per il fattore numeri evidenziato da Durisch. «Esprimendomi in generale – riprende il capogruppo del Ppd –, per via della composizione odierna del Legislativo cantonale, ovvero per gli attuali rapporti di forza, la proposta di un partito non può passare se non ottiene il sostegno di almeno altri due gruppi parlamentari. La ricerca di convergenze – continua Agustoni – deve dunque coinvolgere almeno tre gruppi dei partiti di governo, altrimenti la proposta è destinata a naufragare. Ma al di là dell’aspetto legato ai numeri, per il Ppd sarebbe poco lungimirante agire sulla base di rapporti bilaterali esclusivi, ripeto, su qualsiasi tema. È come se in materia fiscale decidessimo di dialogare soltanto con il Plr o la Lega». Tornando alla politica sociale, non va dimenticato un altro elemento: avendo un consigliere di Stato popolare democratico e per giunta alla guida del Dipartimento sanità e socialità potrebbe essere motivo di imbarazzo per il partito imbastire una stretta collaborazione con il Ps. In altre parole, suonerebbe come una mancanza di fiducia nell’operato del ‘proprio’ ministro. «Non porrei la questione in questi termini – ribatte il responsabile dei deputati popolari democratici –. Si possono fare, e si fanno, delle proposte trasversali già nella fase della loro elaborazione, prima cioè della loro trattazione nelle commissioni del Gran Consiglio. Pensiamo ad esempio all’iniziativa parlamentare per facilitare il rimborso dell’imposta preventiva: ebbene, l’iniziativa sulla carta gode già ora dell’appoggio di tre, quattro gruppi parlamentari. C’è un consenso allargato. Non mi sembra quindi un buon metodo politico quello di ‘mendicare’ il consenso di una sola forza politica dialogando unicamente con quest’ultima ed escludendo a priori gli altri partiti che su quel dossier magari hanno una sensibilità diversa». Di più. «Se vogliamo restare alla socialità, la politica sociale in questo cantone è considerata un modello a livello federale e non mi sembra bisognosa di particolari rivoluzioni. Detto tutto questo, se i socialisti, come qualsiasi altro gruppo, chiedessero di discutere con noi di alcune proposte (anche) in ambito sociale, non ci sottrarremmo evidentemente al dialogo».

‘Serve una politica sociale incisiva’

Rileva Ivo Durisch: «Non bisogna mica sposarsi, ma incontrarsi. Se riuscissimo a trovare dei dossier di convergenza dandoci come obiettivo il fare una politica sociale efficace, moderna e incisiva sarebbe un’ottima cosa». Il capogruppo del Partito socialista in Gran Consiglio è convinto che «questo sia il momento», anche perché c’è un precedente molto importante: «La prestazione ponte Covid promossa dal direttore del Dipartimento sanità e socialità De Rosa, che è Ppd, nasce da una nostra mozione. Questo vuol dire che c’è la possibilità di venire ascoltati, come c’è la possibilità di far qualcosa di buono per chi oggi sta soffrendo».

Per Durisch gli ambiti di politica sociale dove è più urgente intervenire sono due: «Il primo riguarda tutte le persone – giovani, adulti e vicine alla pensione – che a causa del cambiamento molto veloce che sta vivendo il mercato del lavoro si trovano in situazioni di precariato che sfuggono alla rete di protezione del sistema sociale attuale». Il secondo, prosegue il capogruppo socialista, «è cercare di garantire una vita dignitosa anche a coloro che sono fuori dal mercato del lavoro e in assistenza, persone che vivono una situazione non voluta e che sono in difficoltà. Oggi – riprende Durisch – queste sono condizioni dove una persona vive situazioni molto preoccupanti». Inoltre, «non dobbiamo dimenticare azioni a sostegno del ceto medio e affrontare il tema delicato ma fondamentale dei sussidi di cassa malati», dice ancora Durisch.

In un tornante della storia come quello che sta vivendo il mondo intero da un anno e mezzo, con le disuguaglianze che si allargano, la socialità non dovrebbe uscire dai campi politici della sinistra e del cristianesimo sociale per abbracciare anche gli altri partiti? La socialità non è solo una questione di sinistra. «Le carriere nel mondo del lavoro non partono più a 20 anni per finire a 65, ma sono intercorse da cambiamenti di posto di lavoro o momenti dove quel posto di lavoro nemmeno c’è», replica Durisch. E «questi cambiamenti in un modo o nell’altro espongono a situazioni di rischio un numero molto più alto di persone rispetto a quello che eravamo abituati a vedere».

Considerazione questa che porta il deputato del Ps a ritenere che «verosimilmente i momenti di difficoltà coinvolgeranno un numero sempre maggiore di persone almeno una volta nella loro vita, perciò a causa del fatto che si rischia sempre più che questo diventi un tema allargato a tutta la popolazione è chiaro che la socialità dovrebbe essere declinata anche come aiuto alle persone in momenti puntuali della loro vita, non solo un aiuto per chi non riesce». E in tal senso, prosegue il capogruppo Ps in linea, su questo punto, con Agustoni, «dovrebbe coinvolgere tutti i partiti, poiché rappresentanti in parlamento di tutta la popolazione».

Leggi anche:

'Fonio e Ppd stiano sereni: alla socialità siamo molto attenti'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio ivo durisch maurizio agustoni ppd ps socialità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved