KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(1-3)
agustoni-socialita-si-ma-il-ps-non-e-l-unico-interlocutore
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 min

Casinò a Locarno, ACE ‘sorpresa’ non molla l’idea permanenza

“Rammarico” espresso dalla Holding dopo l’annuncio di Kursaal Sa e Stadcasino Baden di aver trovato un accordo per il post nuova concessione
Luganese
1 ora

Incendio in un appartamento a Lugano, salvi gli inquilini

Due persone di una palazzina in via Gerso, dove si sono sviluppate le fiamme, sono state visitate poichè potenzialmente potevano aver inalato del fumo
Ticino
1 ora

In Ticino +5 pazienti Covid e 3 decessi, contagi stabili

In cure intense rimangono 15 persone con complicazioni da Covid, 2 in meno rispetto a ieri. Un ricovero e un decesso fra gli ospiti delle case anziani
Ticino
1 ora

La sperimentazione? ‘Ci sono diversi punti da chiarire’

Superamento livelli in terza media, il capogruppo del Ppd Agustoni: senza risposte soddisfacenti non potremo sostenere l’emendamento governativo
Luganese
2 ore

Migranti e centri di accoglienza: ‘È questo fare casa?’

Due testimonianze riportano al tema degli asilanti in Ticino. Dalla struttura provvisoria di Pasture all’intensa attività dell’associazione DaRe.
Mendrisiotto
3 ore

Più fotovoltaico a Mendrisio grazie a tariffe agevolate

L’AlternativA lancia una proposta per incrementare la diffusione di impianti a vettore solare nella Città dell’Energia
Luganese
6 ore

Da Caslano: ‘Terza media senza livelli? Grosso vantaggio’

In vista del voto in Gran Consiglio sul superamento dei corsi A/B in matematica e tedesco, reportage dalla scuola ticinese pioniera nella sperimentazione
Ticino
6 ore

‘Siamo una delle voci della scuola, no alla sperimentazione’

Il presidente del Plr Alessandro Speziali boccia la proposta di emendamento del governo al Preventivo per partire col test sul superamento dei livelli
Locarnese
6 ore

Brissago-Locarno in bus, ci sono margini di miglioramento

Incontro nel borgo di confine con Fart, Cit e Ufficio dei trasporti pubblici per vedere di risolvere le criticità dei collegamenti con il centro
Luganese
15 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
15 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
16 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
16 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
16 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
16 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
17 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
17 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
17 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
Luganese
17 ore

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto
 
13.07.2021 - 05:200
Aggiornamento : 14:38

Agustoni: ‘Socialità sì, ma il Ps non è l'unico interlocutore'

Il capogruppo del Ppd: disposti al dialogo, ma non solo coi socialisti. Il capogruppo Ps Durisch: incontrarsi e discutere non vuol dire sposarsi

«Anche noi siamo aperti al dialogo. E non da oggi. Siamo quindi pronti a discutere con tutte quelle forze politiche che hanno sensibilità affini alle nostre. Tuttavia, non mi sento di dire che il Ppd, quando il tema è la politica sociale, debba per forza avere quale interlocutore privilegiato il Partito socialista. Del resto la nostra iniziativa a favore degli over 50 è stata sostenuta dalla Lega, ma non dal Ps. Questo, tengo a precisare, vale per la socialità come per qualsiasi altro argomento e vale per il Ps come per gli altri partiti». Da noi raggiunto, il capogruppo dei popolari democratici in Gran Consiglio Maurizio Agustoni mette i puntini sulle i dopo le considerazioni e l’invito di Ivo Durisch nell'intervista rilasciata di recente alla ‘Regione’. Manifestando preoccupazione per le conseguenze economiche e sociali della pandemia (“Potrebbero far lievitare la povertà in Ticino”), il capogruppo socialista ha dichiarato che se “Ps e Ppd unissero le forze sul tema della socialità, i numeri in parlamento cambierebbero. Pertanto troviamoci e discutiamone”.

Va bene trovarsi e parlarne, afferma Agustoni, ma, frena e puntualizza, «non può esserci un asse Ppd-Ps sulla socialità». Anche per il fattore numeri evidenziato da Durisch. «Esprimendomi in generale – riprende il capogruppo del Ppd –, per via della composizione odierna del Legislativo cantonale, ovvero per gli attuali rapporti di forza, la proposta di un partito non può passare se non ottiene il sostegno di almeno altri due gruppi parlamentari. La ricerca di convergenze – continua Agustoni – deve dunque coinvolgere almeno tre gruppi dei partiti di governo, altrimenti la proposta è destinata a naufragare. Ma al di là dell’aspetto legato ai numeri, per il Ppd sarebbe poco lungimirante agire sulla base di rapporti bilaterali esclusivi, ripeto, su qualsiasi tema. È come se in materia fiscale decidessimo di dialogare soltanto con il Plr o la Lega». Tornando alla politica sociale, non va dimenticato un altro elemento: avendo un consigliere di Stato popolare democratico e per giunta alla guida del Dipartimento sanità e socialità potrebbe essere motivo di imbarazzo per il partito imbastire una stretta collaborazione con il Ps. In altre parole, suonerebbe come una mancanza di fiducia nell’operato del ‘proprio’ ministro. «Non porrei la questione in questi termini – ribatte il responsabile dei deputati popolari democratici –. Si possono fare, e si fanno, delle proposte trasversali già nella fase della loro elaborazione, prima cioè della loro trattazione nelle commissioni del Gran Consiglio. Pensiamo ad esempio all’iniziativa parlamentare per facilitare il rimborso dell’imposta preventiva: ebbene, l’iniziativa sulla carta gode già ora dell’appoggio di tre, quattro gruppi parlamentari. C’è un consenso allargato. Non mi sembra quindi un buon metodo politico quello di ‘mendicare’ il consenso di una sola forza politica dialogando unicamente con quest’ultima ed escludendo a priori gli altri partiti che su quel dossier magari hanno una sensibilità diversa». Di più. «Se vogliamo restare alla socialità, la politica sociale in questo cantone è considerata un modello a livello federale e non mi sembra bisognosa di particolari rivoluzioni. Detto tutto questo, se i socialisti, come qualsiasi altro gruppo, chiedessero di discutere con noi di alcune proposte (anche) in ambito sociale, non ci sottrarremmo evidentemente al dialogo».

‘Serve una politica sociale incisiva’

Rileva Ivo Durisch: «Non bisogna mica sposarsi, ma incontrarsi. Se riuscissimo a trovare dei dossier di convergenza dandoci come obiettivo il fare una politica sociale efficace, moderna e incisiva sarebbe un’ottima cosa». Il capogruppo del Partito socialista in Gran Consiglio è convinto che «questo sia il momento», anche perché c’è un precedente molto importante: «La prestazione ponte Covid promossa dal direttore del Dipartimento sanità e socialità De Rosa, che è Ppd, nasce da una nostra mozione. Questo vuol dire che c’è la possibilità di venire ascoltati, come c’è la possibilità di far qualcosa di buono per chi oggi sta soffrendo».

Per Durisch gli ambiti di politica sociale dove è più urgente intervenire sono due: «Il primo riguarda tutte le persone – giovani, adulti e vicine alla pensione – che a causa del cambiamento molto veloce che sta vivendo il mercato del lavoro si trovano in situazioni di precariato che sfuggono alla rete di protezione del sistema sociale attuale». Il secondo, prosegue il capogruppo socialista, «è cercare di garantire una vita dignitosa anche a coloro che sono fuori dal mercato del lavoro e in assistenza, persone che vivono una situazione non voluta e che sono in difficoltà. Oggi – riprende Durisch – queste sono condizioni dove una persona vive situazioni molto preoccupanti». Inoltre, «non dobbiamo dimenticare azioni a sostegno del ceto medio e affrontare il tema delicato ma fondamentale dei sussidi di cassa malati», dice ancora Durisch.

In un tornante della storia come quello che sta vivendo il mondo intero da un anno e mezzo, con le disuguaglianze che si allargano, la socialità non dovrebbe uscire dai campi politici della sinistra e del cristianesimo sociale per abbracciare anche gli altri partiti? La socialità non è solo una questione di sinistra. «Le carriere nel mondo del lavoro non partono più a 20 anni per finire a 65, ma sono intercorse da cambiamenti di posto di lavoro o momenti dove quel posto di lavoro nemmeno c’è», replica Durisch. E «questi cambiamenti in un modo o nell’altro espongono a situazioni di rischio un numero molto più alto di persone rispetto a quello che eravamo abituati a vedere».

Considerazione questa che porta il deputato del Ps a ritenere che «verosimilmente i momenti di difficoltà coinvolgeranno un numero sempre maggiore di persone almeno una volta nella loro vita, perciò a causa del fatto che si rischia sempre più che questo diventi un tema allargato a tutta la popolazione è chiaro che la socialità dovrebbe essere declinata anche come aiuto alle persone in momenti puntuali della loro vita, non solo un aiuto per chi non riesce». E in tal senso, prosegue il capogruppo Ps in linea, su questo punto, con Agustoni, «dovrebbe coinvolgere tutti i partiti, poiché rappresentanti in parlamento di tutta la popolazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved