ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
7 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
9 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
9 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
9 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
10 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
10 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
10 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
11 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
11 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
11 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
08.07.2021 - 05:25

Pini scrive ai Primi cittadini: ‘Incontriamoci e creiamo una rete’

Il Presidente del Gran Consiglio vuole aprire un dialogo tra i vari legislativi e ribadirne l’importanza politica: ‘Non c’è democrazia senza coinvolgimento’

pini-scrive-ai-primi-cittadini-incontriamoci-e-creiamo-una-rete
Ti-Press

“Desidero manifestare la mia piena disponibilità a instaurare con voi tutti un dialogo aperto e concreto, affinché si possano costruire solidi ponti tra la realtà cantonale e quelle comunali, così da favorire sani e proficui rapporti tra i due livelli”. Il presidente del Gran Consiglio Nicola Pini (Plr) prende carta e penna e scrive alle presidenti e ai presidenti dei Consigli comunali e delle Assemblee comunali per invitarli a uno o più incontri da tenersi dopo l’estate e ribadire un concetto a lui caro: il dialogo e il confronto costruttivo sono il sale della democrazia rappresentativa. Da qui la decisione di scrivere una lettera che poggia su tre obiettivi chiari, che Pini spiega a colloquio con ‘laRegione’.

Di quali si tratta?

Il primo è cercare di fungere da ulteriore ponte tra due realtà come Cantone e Comuni che sono importanti e devono saper lavorare insieme sempre, ma ancor di più in una fase delicata di incertezze finanziarie, sociali economiche come questa. Partendo dal fatto che a volte tra politici si discute a quale ente spetti un compito, ma per il cittadino l’ente pubblico è uno solo e poco gli importa chi svolga quel compito. A noi tocca capire quale livello istituzionale possa agire in modo più intelligente. Il secondo è aprire un canale di dialogo tra Gran Consiglio e i Consigli comunali. Un dialogo e un confronto sui temi che si affrontano nei rispettivi plenum dai quali potranno arrivare spunti molto interessanti, ma anche su cose più prettamente ‘da legislativo’: penso agli aspetti procedurali nel dibattito, che hanno logiche comuni ed è utile scambiarsi opinioni o esperienze. Uno scambio sia verticale sia orizzontale, tra tutti i presidenti dei Consigli comunali, in modo da migliorare tutti insieme anche nei rapporti con i rispettivi esecutivi. Certo, dobbiamo garantire un corretto rapporto formale tra esecutivo e legislativo, ma c’è un universo di rapporti informali con l’esecutivo da approfondire e far rendere al meglio.

E il terzo obiettivo?

Ribadire l’importanza degli organi legislativi come luogo privilegiato del dibattito democratico. C’è dibattito sulle proposte degli esecutivi, ma anche nel discutere subito temi politici appena arriva una nuova idea, un nuovo spunto dal basso. La mia idea è di voler riaffermare una certa centralità democratica dei legislativi, per questo non mi sono rivolto solo ai consigli comunali ma anche alle assemblee comunali.

I legislativi sono l’organo più vicino alla popolazione, nonché loro espressione. Si aspetta anche maggiore partecipazione e coinvolgimento dal basso nelle istituzioni?

Riaffermare l’importanza dei legislativi è anche questo, certo. Non c’è democrazia senza coinvolgimento, e più si riesce a favorire un sano dialogo, più si riesce a discutere determinate tematiche, più si ha la possibilità di raggiungere una soluzione condivisa e realmente efficace. Ed è per questo che i legislativi sono la prima forma di democrazia rappresentativa, ma il più possibile vicina alla cittadinanza. E non dobbiamo aver paura a trovare nuove forme di coinvolgimento che stimolino e premino la cittadinanza attiva perché il cittadino è la parte fondante della Repubblica e Cantone Ticino che noi tutti siamo.

Un dialogo e un confronto che hanno quale fine ultimo per lei?

Il bene pubblico e il prendere le decisioni migliori, non c’è dubbio. Il dibattito civile, il più ampio possibile, è lo strumento per arrivare a quel fine. Più questo dibattito sarà civile e coinvolgente, più permetterà a tutti di esprimersi secondo regole condivise. Con un ascolto il più possibile reciproco.

Ascoltare significa anche mettersi in gioco.

Spero vivamente che un’estate serena possa aiutare a discutere senza aggredirsi e imparando qualcosa dagli altri. Proviamo a metterci in gioco senza preconcetti, articolando un pensiero con voglia e desiderio di confrontarci con chi non la pensa come noi. Siamo ancora capaci di farlo? Penso e spero di sì.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved