ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
4 ore

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
7 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
7 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
7 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
7 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
8 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
8 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
8 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
8 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
Luganese
8 ore

Lugano, lotta alla povertà in tempi di crisi

Simposio con la Federazione delle Ong della Svizzera italiana sabato 22 ottobre nell’auditorio dell’Usi
Luganese
8 ore

Lugano, condividere e conoscere per progettare insieme

Il 25 ottobre al Palazzo dei Congressi un incontro promosso da Autismo Svizzera italiana e Fondazione Ares
Luganese
9 ore

Alambicco in funzione nel nucleo di Astano

La tradizionale sagra sarà proposta sabato 8 ottobre. Ad animare la giornata anche bancarelle, una mostra e l’alambicco in funzione
Locarnese
9 ore

Locarno, incontro in mediateca

Il primo del nuovo ciclo dedicato all’inconoscibilità. Relatore: il filosofo Raffele Scolari
Mendrisiotto
9 ore

Razzismo e social media, tavola rotonda a Mendrisio

Alla Filanda un laboratorio di discussione per produrre nuove riflessioni che contribuiscano allo sviluppo della lotta al razzismo in rete in Ticino
Luganese
9 ore

All’Open di Lugano vince l’ucraino Li Min Peng

Scacchi protagonisti all’hotel Villa Sassa con la quindicesima edizione del torneo internazionale e della competizione under 16
Luganese
9 ore

I Mondiali a Lugano saranno al Centro esposizioni

Pubblicato il bando per organizzare la visione delle partite. Possono annunciarsi esercizi pubblici, associazioni e gruppi con sede in città
Ticino
9 ore

Un’Agorà per conoscere otto ‘progetti a impatto’

Appuntamento per sabato 15 ottobre a Lugano, ai cittadini sarà chiesto di esprimersi su ‘progetti imprenditoriali a impatto e d’innovazione sociale’
Bellinzonese
9 ore

Il teatro di Igor Mamlenkov a Ponto Valentino

Sabato 8 ottobre alle 16.30 nel salone della frazione di Acquarossa andrà in scena lo spettacolo ‘Kto Ta? Chi c’è?’
laR
 
06.07.2021 - 17:10
Aggiornamento: 19:00

Risanamento Ipct, si va verso il prestito. Referendum più lontano

Cassa pensione dello Stato, Vitta (Dfe) propone alla Gestione di riflettere su una via che, a caldo, trova l’apertura a discuterne di tutti i gruppi

risanamento-ipct-si-va-verso-il-prestito-referendum-piu-lontano
Ti-Press

Non più il finanziamento tout court temuto da alcuni, ma un prestito. E di 700/750 milioni di franchi, non di circa due miliardi come previsto in prima battuta. È questo lo scenario proposto stamattina alla Commissione parlamentare della gestione dal direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta per uscire dall’impasse riguardo al risanamento dell’Istituto di previdenza del Cantone Ticino, la denominazione attuale della Cassa pensioni dei dipendenti dello Stato. I soldi ricevuti in prestito dal Cantone saranno investiti per trent’anni dall’Ipct, il quale procederà al proprio risanamento grazie ai guadagni sul mercato e allo stesso tempo ripianerà il proprio debito con lo Stato.

Il referendum leghista appare molto più lontano

Compiti delle vacanze per i commissari della Gestione, quindi. Una presa di posizione è attesa infatti per settembre. Assieme alla risposta definitiva a una domanda non da poco: la via del prestito farà in modo di evitare la spada di Damocle rappresentata dalla possibilità di chiamare un referendum espressa a più riprese dalla Lega? «Penso di sì», risponde intanto alla ‘Regione’ il granconsigliere leghista Michele Foletti: «Noi eravamo contrari al fatto che i cittadini contribuenti ticinesi, con le loro imposte, salvaguardassero le rendite privilegiate acquisite degli statali. Se si trova un altro sistema di finanziamento che tutela, però, anche i cittadini contribuenti da parte nostra la volontà di discuterne c’è». Gli fa eco da via Monte Boglia il deputato e membro della Gestione Michele Guerra: «Il gruppo della Lega ne discuterà in seguito, ricordando che ha già preannunciato un referendum qualora si dovesse procedere con la proposta iniziale e non con varianti in grado di tutelare al massimo il cittadino». Come questa su cui la Gestione rifletterà durante la pausa estiva. Ad ogni modo, Guerra ricorda che «come noto, il tema è stato analizzato per sei mesi da parte della nostra sottocommissione finanze che, facendo capo anche a esperti, è giunta a stilare un rapporto tecnico oggettivo e non politico, condiviso però da tutti gli schieramenti». In questo rapporto, sottolinea Guerra, «abbiamo identificato cinque possibili vie per affrontare il problema: una di queste, era proprio un risanamento più strutturale che non rappresentasse un mero cerotto in grado di tamponare solo momentaneamente la ferita. Quanto stiamo discutendo e approfondendo in questi giorni rispecchia proprio questa via. Bisognerà ora capire dopo gli approfondimenti se è una via concretamente percorribile».

Pamini (Udc): ‘Con meno soldi si genererà lo stesso guadagno’

La soluzione del prestito è figlia della proposta di istituire un fondo sovrano da investire nel mercato formulata dal deputato Udc Paolo Pamini che, da noi interpellato, manifesta la sua soddisfazione: «Non è ripresa uno a uno dalla mia idea, ma questa proposta di prestito è sicuramente interessante. All’inizio avevo parlato, come ordine di grandezza, di due miliardi di franchi di debito da mettere in questo ipotetico fondo sovrano. Ora effettivamente - prosegue Pamini - dalle ultime discussioni sembrerebbe che la cosa potrebbe stare in piedi anche con 750 milioni». Il motivo sta nel fatto che «il costo del finanziamento potrebbe essere molto minore di quanto ipotizzato: dal 2% l’anno di interesse passivo da pagare, si potrebbe passare a uno 0,5%. Questo fa si che servono meno soldi per generare lo stesso guadagno tra trent’anni». Soddisfatto, certo. Ma Pamini avverte sulle prossime tappe: «I dettagli finali, la messa a punto dovrà essere minuziosa. Le valutazioni sulla gestione e sugli investimenti dovrà essere attenta».

Durisch (Ps) e Bourgoin (Verdi): ‘Gli investimenti dell'Ipct siano ecosostenibili e sociali’

Detto della destra, anche a sinistra c’è (parecchia) apertura verso la possibilità del prestito. Il capogruppo socialista Ivo Durisch uscito dalla riunione della Gestione ci spiega che «la soluzione per noi può andare bene. Ma bisogna comunque sincerarsi in un qualche modo che una parte di questi soldi vengano garantiti comunque alla cassa pensione, per evitare che a pagare lo scotto siano gli assicurati». Rilevato che «è importantissimo scongiurare un referendum», Durisch guarda al futuro e annota che «occorre si facciano investimenti sostenibili sia dal punto di vista ambientale sia dal punto di vista sociale: chiederemo questa sicurezza perché per noi questa deve essere espressa come volontà del parlamento». Se Pamini è scettico su questa possibilità, la coordinatrice dei Verdi Samantha Bourgoin tiene fermo il punto: «Lo diciamo da tempo: noi siamo per una presa di coscienza globale del problema. Quello della cassa pensione è un problema di modello, non singolare ma di sistema e se non lo risolviamo andiamo a dissanguare i giovani attivi. Parallelamente - continua Bourgoin -, con questo nuovo credito e il prestito legato andiamo a incidere su un aspetto fondamentale: la responsabilità sociale e ambientale delle casse pensioni. Con i soldi della popolazione e dello Stato si possono fare investimenti ‘puliti’ a beneficio di tutta la comunità».

Apre al prestito anche la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella: «Per il Plr è sempre stato importante trovare soluzioni nel limite del possibile definitive, non cambiali in bianco. Bisogna che siano messi in chiaro anche i prossimi passi per dare, anche alla cittadinanza, una prospettiva sul lungo termine». Quindi la via esposta oggi da Vitta «di principio si può approfondire, sono veramente soddisfatta che dopo lunghe discussioni siamo riusciti a trovare uno scenario più percorribile».

Per il popolare democratico Lorenzo Jelmini «tutto quello che può aiutare a risolvere il problema a me sta bene, e tutto quello che può aiutare lo Stato in un momento di difficoltà finanziaria a trovare soluzioni più ‘votabili’ e interessanti le condivido». Aveva avvertito del pericolo di politicizzare la questione, Jelmini. Il fatto che il prestito allontani il referendum leghista lo soddisfa? «Stiamo dimostrando come commissione di evitare il più possibile il muro contro muro, con il dialogo costruttivo si può ottenere molto».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved