ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
4 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
4 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
4 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
4 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
5 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
5 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
5 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
29.06.2021 - 17:57

'Qui a Ginevra era come se si fosse vinto un Mondiale'

L'impresa della Nazionale. Il locarnese Marco Giugni: piazze piene, un entusiasmo mai visto. Manuele Bertoli: se il gruppo c'è, si ottengono risultati strabilianti

qui-a-ginevra-era-come-se-si-fosse-vinto-un-mondiale
Il presidente del governo e capo del Decs Manuele Bertoli (Ti-Press)

«Ieri sera qui a Ginevra era come se la Svizzera avesse vinto un Mondiale. Entusiasmo alle stelle. Strade e piazze colme di gente, clacson, bandiere... Una fiera pazzesca. A un certo punto ho dovuto chiudere le finestre. C'è chi ha scritto sui social di non aver mai visto una città così. Confermo». Marco Giugni, nato e cresciuto a Locarno, a Ginevra risiede dal 1984, da quando ha cominciato gli studi universitari. Cinquantotto anni, Giugni è professore di scienze politiche, autore di studi sui movimenti di protesta in Svizzera. «Stavolta non c'era alcun motivo per protestare... C'era solo da festeggiare una serata di grande calcio, una serata indimenticabile, lo dico sia come tifoso sia come ginevrino d'adozione», racconta. «Francamente - continua Giugni - non mi aspettavo una reazione così gioiosa. Che però mi sorprende fino a un certo punto, considerata la mai sopita rivalità tra ginevrini e francesi, simile del resto a quella fra ticinesi e italiani». Già, ginevrini e ticinesi: ad accomunarli è il fatto di vivere in cantoni di frontiera. «Si confina con un Paese nella cui cultura e nelle cui mode non di rado ci si riconosce, ma poi quando gioca la Nazionale rossocrociata il senso di appartenenza alla Svizzera e ai suoi valori prevalgono nettamente. E il grande entusiasmo di queste ore è per aver battuto un vicino di casa che a volte si ammira e a volte si detesta e che sulla carta era decisamente più forte. Soprattutto per averlo battuto in quel modo. Ciò che sembrava impossibile è diventato possibile».  

Il direttore del Decs: lo sport come fattore di integrazione sociale 

Una missione che pareva impossibile. «Questa clamorosa vittoria - evidenzia il direttore del Dipartimento educazione cultura e sport Manuele Bertoli - è la dimostrazione che se c'è il gruppo, nel quale ognuno, tirando fuori il meglio di sé, fa la propria parte in funzione del conseguimento di un obiettivo, si possono ottenere risultati strabilianti. Certo, ci sono le imprese dei singoli, le occasioni colte e non colte, come può essere un rigore sbagliato..., ma alla fine ciò che conta è il gruppo. Credo che quello dato lunedì dalla Nazionale sia un esempio per tutti quei ragazzi e tutte quelle ragazze che praticano o intendono praticare uno sport di squadra». Lo sport di squadra inteso anche «come fattore di integrazione sociale: lo attesta la Nazionale di calcio, da tempo multietnica», ricorda il presidente del Consiglio di Stato: «Ed è un fattore molto importante in particolare nei Paesi che hanno conosciuto o conoscono una forte immigrazione».  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved