un-estate-in-capanna-per-uscire-dal-covid
(Campo Tencia)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 min

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
25 min

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
37 min

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
50 min

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
55 min

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
1 ora

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
1 ora

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
1 ora

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
1 ora

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
1 ora

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
1 ora

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
1 ora

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
Locarnese
1 ora

Assemblea Losone Sportiva nella sala del Consiglio comunale

L’appuntamento è per giovedì 18 agosto alle ore 20. Al termine dell’assemblea verrà offerto un rinfresco.
TURISMO
laR
 
28.06.2021 - 05:30

Un’estate in capanna per uscire dal Covid

Dopo che l'estate scorsa la forte presenza di escursionisti svizzeri aveva in parte compensato i danni della pandemia, ora si guarda al futuro

Riparte il turismo e ricomincia anche la stagione delle capanne. La seconda sotto il segno – stavolta meno marcato, si spera – del coronavirus, che l’anno scorso ha indotto un calo tra il 20 e il 30% dei pernottamenti: non perché non vi fosse richiesta, ma perché le misure anti-Covid hanno significativamente ridotto i posti letto. «Per noi questo ha determinato un calo degli incassi nell’ordine del 20%», spiega Franco Demarchi, storico custode della capanna Campo Tencia, a 2’140 metri in alta Val Piumogna, sopra Dalpe: «A frenare il calo è stato il buon numero di coperti sul mezzogiorno, anche quelli comunque limitati dalle distanze di sicurezza. In questo senso, speriamo che ora Berna confermi l’intenzione di permettere il servizio a comitive più numerose sulle terrazze e a gruppi fino a sei persone all’interno». Resta il problema dei letti, «che qui da noi restano ridotti da 70 a 35. Un problema soprattutto per le strutture con grandi camerate, mentre quelle con stanze più piccole riescono in molti casi a contenere la contrazione della capienza».

L’anno scorso, comunque, la stagione non è stata da buttar via, complice anche la forte presenza di turisti ticinesi e più in generale svizzeri. Quanto all’estate in arrivo, «probabilmente la riapertura delle frontiere ci priverà di quegli ospiti che poco hanno a che fare con la montagna, ma che l’anno scorso per un motivo o per l’altro non erano andati al mare o altrove». Un turismo che pone anche i suoi problemi, come nota Demarchi, ‘capannaro’ da 31 anni che di gente lassù in cima ne ha vista passare: «Chiaramente è salito anche chi non aveva ben capito cosa significhi il soggiorno in alta quota, l’ospite che ti chiede magari il servizio lavanderia o la carta dei vini…». D’altronde il cambiamento è in corso da tempo, e tutto sommato non è sempre un male: «Negli anni le capanne sono diventate ambienti sempre più accoglienti e professionali, e questo ha permesso di attirare persone anche al di fuori della più ristretta cerchia alpinistica: penso in particolare alle famiglie. Una mano l’hanno data anche i nuovi percorsi mirati a valorizzare le cime e le capanne, nel nostro caso la Via Alta Idra. Nel frattempo la nostra passione è diventata sempre più una professione. L’importante è solo che si capisca cosa comporta salire in montagna, tanto in termini di comfort quanto di sicurezza e rispetto, della natura e del prossimo», conclude Demarchi.

I dati

In Ticino capanne e rifugi sono oltre 200, ma di essi solo 80 sono quelli che assicurano la stragrande maggioranza dei circa 50mila pernottamenti annuali: 40 hanno un custode e sono accessibili tutta l’estate, con servizio di ristorazione anche a mezzogiorno; nelle altre strutture occorre provvedere da soli a viveri e cucina. 130 sono i rifugi più piccoli – con meno di 10 posti letto – nelle zone più isolate. In generale il periodo di accessibilità va da metà giugno a metà ottobre, ma 15 possono essere frequentate anche in inverno per praticare sciescursionismo. Il Club alpino svizzero è proprietario di 11 capanne, la Federazione alpinistica ticinese di 31. Molte altre appartengono a comuni, patriziati e associazioni private.

Il costo della mezza pensione si aggira tra i 60 e gli 80 franchi per persona al giorno. Mentre le capanne di un tempo nascevano con camerate da 15 o 20 letti, quelle più nuove o recentemente ristrutturate preferiscono adottare soluzioni con camere da 4 o 6 letti, adatte anche alle famiglie. La capanna più antica del Ticino è quella di Campo Tencia, che ha oltre un secolo; la più recente è Piansecco, inaugurata nel 2020 e costata circa due milioni e mezzo di franchi. La maggioranza dei visitatori proviene da Svizzera tedesca e Germania; si contano anche molti romandi e italiani, ma non mancano ticinesi.

L’iniziativa

Un sottopiatto di carta per fare scoprire trenta capanne, con tanto di foto e informazioni fondamentali. L’iniziativa è della Federazione alpinistica ticinese (Fat), che quest’anno ha pensato anche ai bambini: sul retro del sottopiatto si trova infatti un classico ‘gioco dell’oca’ che parte dal punto più basso del Ticino (e della Svizzera: Ascona, a 196 metri sul livello del mare) per raggiungere quello più alto (la cima dell’Adula, 3’402 metri). Un viaggio che porta a conoscere le strutture alpine disseminate sul territorio ticinese, anche attraverso domande sul territorio e le stesse capanne (ad esempio: quali animali è più facile vedere dalla capanna Scaletta?). Il sottopiatto si trova in tutte le capanne Fat – associazione cappello che riunisce una quindicina di società alpinistiche locali –, ma anche in molti ritrovi pubblici del fondovalle.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
capanne montagna turismo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved