ma-la-commissione-non-diventi-il-sindacato-dei-detenuti
La casetta La Silva per gli incontri tra carcerati e familiari (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
7 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
7 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
8 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
8 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
8 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
8 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
9 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
9 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
9 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
9 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
10 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
22.06.2021 - 19:00
Aggiornamento: 23:24

'Ma la commissione non diventi il sindacato dei detenuti'

Così Gobbi dopo l'intervento di Pagani (Ppd) sulla necessità di ristrutturare La Silva, la casetta 'dell'amore'. Schnellmann (Plr): urge un carcere femminile

La commissione parlamentare preposta alla sorveglianza delle condizioni carcerarie in Ticino «non diventi però il sindacato dei detenuti». Con queste parole pronunciate oggi in Gran Consiglio in occasione del dibattito sul rapporto d'attività della commissione negli ultimi dodici mesi, il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi alludeva soprattutto all'intervento del deputato popolare democratico Luca Pagani. Per il quale tra le condizioni detentive da migliorare al penitenziario della Stampa ci sarebbero quelle in cui si trova la casetta La Silva: la casetta 'dell'amore', come viene definita, situata nei pressi del carcere, all'interno comunque del perimetro di sicurezza, destinata agli incontri fra il recluso e i propri famigliari. «Incontri intimi» con moglie o fidanzata, ma anche «incontri non intimi», ha ricordato Pagani.

Luca Pagani: il problema sono gli incontri non intimi

Il problema, stando al granconsigliere, sono gli incontri non intimi, quelli a cui partecipano anche bambini in visita al genitore finito dietro le sbarre. La casetta, secondo il granconsigliere, va messa a posto o sostituita con una nuova struttura «in modo da permettere ai bambini o ad altre persone in visita di usufruire anche del giardino, di spazi esterni». Gobbi ha assicurato che - anche - il futuro de La Silva è sotto la lente del Dipartimento. Ciò detto, ha aggiunto Gobbi, «tutto si può migliorare, ma non dobbiamo dimenticare che parliamo comunque di persone che hanno commesso reati, che per questo sono state giudicate e condannate a una pena privativa della libertà. E non pochi sono gli sforzi che come Cantone stiamo facendo per il loro reinserimento nella società». Pagani ha a sua volta assicurato che la commissione carceri, della quale è neo-presidente, non vuole essere il sindacato dei detenuti, i quali «hanno però anche loro una dignità che va rispettata». D'accordo con il consigliere di Stato, Maruska Ortelli, dello stesso movimento (la Lega) di Gobbi, e pure lei nella commissione: «La Silva è una concessione ai detenuti. Va bene, va risistemata. Ma non possiamo pretendere che nella casetta vengano anche servite bevande da camerieri...».

Il rapporto commissionale

Quello discusso nel pomeriggio in parlamento era il rapporto della Commissione di sorveglianza sulle condizioni di detenzione relativo al periodo maggio 2020/maggio 2021, rapporto stilato da chi in quei dodici mesi ha presieduto l'organo parlamentare, cioè Fabio Schnellmann (Plr). Da parte sia del relatore sia dei deputati intervenuti a nome dei rispettivi gruppi è stata evidenziata la necessità di una collocazione appropriata delle detenute in espiazione di pena o in esecuzione anticipata. Ora quest’ultime, dopo la chiusura nel 2006 della sezione femminile all’interno del Penitenziario della Stampa data l’assenza all'epoca di donne detenute, vengono rinchiuse nell’attiguo carcere giudiziario La Farera, che dovrebbe essere però riservato unicamente alle persone in attesa di giudizio o rinchiuse per motivi di inchiesta. Le donne condannate in Ticino a pene di lunga durata vengono trasferite in carceri femminili di altri cantoni: a La Tuilière nel Canton Vaud o a Hindelbank nel Canton Berna, si rammenta nel rapporto. «Questa situazione non riguarda solo le donne condannate in Ticino, ma anche quelle a cui negli altri cantoni è stata inflitta una pena detentiva di lunga durata», ha puntualizzato Gobbi, riconoscendo che c’è stato sì un aumento di detenute alla Farera, ma «la maggior parte di loro in preventiva», in attesa di giudizio.  In ogni caso «auspichiamo che venga edificato quanto prima un carcere femminile in Ticino per chi è in espiazione di pena», ha dichiarato Schnellmann.

Il direttore delle strutture detentive: otto celle più una per detenuta con bambino

Nel frattempo il Dipartimento istituzioni ha in cantiere delle soluzioni. «L’intenzione è di dedicare una sezione del Penitenziario alle detenute in espiazione di pena o in esecuzione anticipata della stessa, ricavando otto celle, più una cella per detenuta con bambino, e realizzando spazi comuni confortevoli - spiega il direttore delle Strutture carcerarie cantonali Stefano Laffranchini, interpellato dalla 'Regione'. Il tutto dovrebbe essere pronto per gli inizi del 2023, nel frattempo occorrerà reclutare e formare personale, dunque agenti di custodia, di sesso femminile». Non è tutto. «Forse entro la fine dell’anno - riprende Laffranchini - riusciremo a dedicare un’altra sezione del Penitenziario, questa a pianterreno, ai detenuti anziani, mettendo a disposizione fino a dodici celle e servizi adeguati all’età delle persone».

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commissione detenuti dipartimento dipartimento istituzioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved